Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
La Base dell'antisemitismo: Marx-La Questione Ebraica
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Le ideologie e le altre filosofie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Lun Mar 22, 2010 11:51 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:

Mettevi in testa che Marx ed Engels non hanno niente a che vedere con quello che ha fatto Hitler, una volta per tutte.


Risposta di MARX:

Come si risolve un contrasto? Rendendolo impossibile. Come rendere impossibile un contrasto religioso? Eliminando tu religione.

e ancora...

"Certamente: in epoche in cui lo Stato politico in quanto Stato politico viene generato con violenza dalla società civile, in cui 1’auto-liberazione umana tende a compiersi sotto la forma dell’auto-liberazione politica, lo Stato può e deve procedere fino alla soppressione della religione, fino all’annientamento della religione, ma solo così come procede alla soppressione della proprietà privata, ad imporre un massimo, alla confisca, all’imposta progressiva, come procede alla soppressione della vita con la ghigliottina."

etc, etc, etc...

Queste sono le frasi di una dama di carità!!!! Mannaggia a me che non me ne sono accorto! Very Happy

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Marxist-leninist




Registrato: 30/01/10 22:22
Messaggi: 76

MessaggioInviato: Mer Mar 24, 2010 9:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
"Certamente: in epoche in cui lo Stato politico in quanto Stato politico viene generato con violenza dalla società civile, in cui 1’auto-liberazione umana tende a compiersi sotto la forma dell’auto-liberazione politica, lo Stato può e deve procedere fino alla soppressione della religione, fino all’annientamento della religione, ma solo così come procede alla soppressione della proprietà privata, ad imporre un massimo, alla confisca, all’imposta progressiva, come procede alla soppressione della vita con la ghigliottina."



Appunto, il Maestro ha ragione.
Quà parla di RELIGIONE, annientamento di essa, Hitler invece difese sempre i cristiani, proprio come cristiani, e così facendo riconosceva l'esistenza di una maggioranza tedesca religiosa.
Quindi Hitler non si oppose mai alla religione e mai la combattè!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Mer Mar 24, 2010 10:14 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marxist-leninist ha scritto:


Quindi, ritornando all'argomento, il Maestro non ha mai parlato di ''uccisione di massa degli ebrei'' ma ,invece, di eliminare gli ebrei in quanto ebrei, e farle diventare persone come gli altri. (è di conseguenza d'obbligo dire che lo stesso Marx scrive anche dell'eliminazione dei cristiani in quanto cristiani).
Come si farà ad eliminare gli ebrei ed i cristiani in quanto tali, ed a fargli diventare degli uomini il quale scopo è relazionarsi a vicenda [e con gli altri]?
Con l'eliminazione della religione.
Mettevi in testa che Marx ed Engels non hanno niente a che vedere con quello che ha fatto Hitler, una volta per tutte.


Ma ti rendi conto delle idiozie ridicole che dici? Non so se ridere o piangere...
E se gli ebrei volessero mantenere la loro identità religiosa e culturale (quindi anche capitalista)? Cosa che peraltro hanno fatto in 2000 anni a tutte le latitudini e attraverso persecuzioni di ogni tipo...
E se i cristiani volessero mantenere il loro credo?
E se i capitalisti volessero mantenere la proprietà dei mezzi di produzione di massa?
Che succede? Succede che la lotta di classe è LOTTA di classe, non una barzelletta. I nemici di classe che non si adeguano alla dittatura del proletariato (ovvero non rinunciano alla loro identità religiosa, o alla proprietà privata) o si piegano o vengono eliminati.
Punto. Anche perchè le idee - come la religione - non si uccidono, non "si eliminano", ma si può eliminare chi le professa... a proposito di idiozie del marxismo smentite dalla storia.
Adesso siamo capaci di mistificare al tal punto da far passare l'intrinseca violenza del marxismo - perchè la violenza è insita nell'idea della lotta di classe e di dittatura del proletariato - come un messaggio di teneri agnellini?
Ma fammi il piacere! Sei un ciarlatano anche come mistificatore, perchè il ridicolo a questi livelli fa indignare...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Mer Mar 24, 2010 11:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marxist-leninist ha scritto:
Citazione:
"Certamente: in epoche in cui lo Stato politico in quanto Stato politico viene generato con violenza dalla società civile, in cui 1’auto-liberazione umana tende a compiersi sotto la forma dell’auto-liberazione politica, lo Stato può e deve procedere fino alla soppressione della religione, fino all’annientamento della religione, ma solo così come procede alla soppressione della proprietà privata, ad imporre un massimo, alla confisca, all’imposta progressiva, come procede alla soppressione della vita con la ghigliottina."



Appunto, il Maestro ha ragione.
Quà parla di RELIGIONE, annientamento di essa, Hitler invece difese sempre i cristiani, proprio come cristiani, e così facendo riconosceva l'esistenza di una maggioranza tedesca religiosa.
Quindi Hitler non si oppose mai alla religione e mai la combattè!


A me non sembra proprio che questa affermazione corrisponda a realtà. Anzi palesa la tua totale mancanza di conoscenza della ideologia nazista ed anche della legislazione tedesca del periodo.
A livello di ideologia il nazismo attacca a più riprese il cristianesimo attraverso Hitler, Goebbles e Rosenberg. Addirittura il cristianesimo viene addittato come creazione di una razza inferiore e si prospettava prima una sua riforma e poi un suo definitivo superamento.
A livello legislativo in Germania la religione ufficiale era il "cristianesimo positivo" che è uno stravolgimento in senso nazista del cristianesimo. Ovviamente il capo del cristinesimo positivo era Hitler. Le chiese nazionali era stato condotte all'obbedienza forzata mentre il clero cattolico veniva deportato o ghetizzato. Stessa cosa vale per le scuole cattoliche che furono tutte chiuse.
Quindi la presunta difesa del cristianesimo da parte di Hitler è una sciocchezza che ti sei inventato! Very Happy
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Gio Mar 25, 2010 5:36 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marxist-leninist ha scritto:
Citazione:
"Certamente: in epoche in cui lo Stato politico in quanto Stato politico viene generato con violenza dalla società civile, in cui 1’auto-liberazione umana tende a compiersi sotto la forma dell’auto-liberazione politica, lo Stato può e deve procedere fino alla soppressione della religione, fino all’annientamento della religione, ma solo così come procede alla soppressione della proprietà privata, ad imporre un massimo, alla confisca, all’imposta progressiva, come procede alla soppressione della vita con la ghigliottina."



Appunto, il Maestro ha ragione.
Quà parla di RELIGIONE, annientamento di essa, Hitler invece difese sempre i cristiani, proprio come cristiani, e così facendo riconosceva l'esistenza di una maggioranza tedesca religiosa.
Quindi Hitler non si oppose mai alla religione e mai la combattè!


Il Maestro? Laughing Perdonami, ma io chiamo Maestro Gesù Cristo!

A parte questo, e le giustissime osservazioni di Tribvnvs, conosci il significato di "ANNIENTAMENTO"? Inoltre, conosci la storia, fra i tanti, di San Massimiliano Maria Kolbe? Della persecuzione anticristiana in Germania, come ti ha ricordato Dvx87? Hai letto BENE il passo del libro che ti ho citato? Marx elenca i metodi per annientare la religione, paragonandola alla pratica della LOTTA DI CLASSE. La violenza di Marx è METODICA non è affatto marginale o accidentale! E' CHIARISSIMO!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Marxist-leninist




Registrato: 30/01/10 22:22
Messaggi: 76

MessaggioInviato: Sab Apr 17, 2010 3:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Ma ti rendi conto delle idiozie ridicole che dici?



Questa è una affermazione degna del più colto fascista (Contraddizione) che è esistito.

Citazione:

E se gli ebrei volessero mantenere la loro identità religiosa e culturale (quindi anche capitalista)? Cosa che peraltro hanno fatto in 2000 anni a tutte le latitudini e attraverso persecuzioni di ogni tipo...
E se i cristiani volessero mantenere il loro credo?
E se i capitalisti volessero mantenere la proprietà dei mezzi di produzione di massa?



E se i Comunisti non seguissero Marx?
Non sarebbero Comunisti, come se gli ebrei non seguissero la religione non sarebbero ebrei. Come se i capitalisti non avessero tutto ciò di cui dispone un capitalista non sarebbe un capitalista. E via dicendo.
Essere bloccati anche come ragionamento è preoccupante. Se gli ebrei non vorranno mollare questa assurda credenza mondana si ricorrerà alla forza, distruggendo i luoghi di culto principalmente.



Citazione:
Che succede? Succede che la lotta di classe è LOTTA di classe, non una barzelletta. I nemici di classe che non si adeguano alla dittatura del proletariato (ovvero non rinunciano alla loro identità religiosa, o alla proprietà privata) o si piegano o vengono eliminati.
Punto. Anche perchè le idee - come la religione - non si uccidono, non "si eliminano", ma si può eliminare chi le professa... a proposito di idiozie del marxismo smentite dalla storia.
Adesso siamo capaci di mistificare al tal punto da far passare l'intrinseca violenza del marxismo - perchè la violenza è insita nell'idea della lotta di classe e di dittatura del proletariato - come un messaggio di teneri agnellini?



Tutta violenza, tutta cosa giusta, tutta giustizia proletaria. E allora? Non ci sono affinità tra le assurde teorie della razza superiore e la rivoluzione socialista... la lotta di classe prepara/crea una situazione rivoluzionaria.


Citazione:
Ma fammi il piacere! Sei un ciarlatano anche come mistificatore, perchè il ridicolo a questi livelli fa indignare...



Vedo che il tuo spirito fascista sta emergendo! Very Happy
Bella immagine che dai dei tuoi, complimenti!


Citazione:
Addirittura il cristianesimo viene addittato come creazione di una razza inferiore e si prospettava prima una sua riforma e poi un suo definitivo superamento.


Beh, è risaputo che Hitler era cristiano...
L'ebraismo creato dagli ebrei non è altro che l'ennessima forma che si può dare all'assurdità della religione.
Fraintendere gli insegnamenti di Marx ed Engels è una cosa gravissima.

Citazione:

A livello legislativo in Germania la religione ufficiale era il "cristianesimo positivo" che è uno stravolgimento in senso nazista del cristianesimo.



Chi più ne ha, più ne metta.

Citazione:

Quindi la presunta difesa del cristianesimo da parte di Hitler è una sciocchezza che ti sei inventato!



Assolutamente NO! La religione venne mantenuta in germania, e non si fece proprio niente per cancellarla dalla mente arretrata dei cristiani...
Bisogno operare contro la religione.

Citazione:

Il Maestro? Laughing Perdonami, ma io chiamo Maestro Gesù Cristo!



ahahahahah.
Era una battuta? Laughing
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Sab Apr 17, 2010 3:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marxist-leninist ha scritto:



Citazione:

E se gli ebrei volessero mantenere la loro identità religiosa e culturale (quindi anche capitalista)? Cosa che peraltro hanno fatto in 2000 anni a tutte le latitudini e attraverso persecuzioni di ogni tipo...
E se i cristiani volessero mantenere il loro credo?
E se i capitalisti volessero mantenere la proprietà dei mezzi di produzione di massa?



E se i Comunisti non seguissero Marx?
Non sarebbero Comunisti, come se gli ebrei non seguissero la religione non sarebbero ebrei. Come se i capitalisti non avessero tutto ciò di cui dispone un capitalista non sarebbe un capitalista. E via dicendo.
Essere bloccati anche come ragionamento è preoccupante. Se gli ebrei non vorranno mollare questa assurda credenza mondana si ricorrerà alla forza, distruggendo i luoghi di culto principalmente.



Mbeh, non è quello che è stato fatto? Dopo, visto che distruggere mezzi di produzione, chiese e sinagoghe non bastava (com'era ovvio) si è passato a risolvere il problema eliminando le persone, ovvero le "calssi" nemiche del proletariato, cattolici, ebrei, clero, kulaki.... che non accettavano, appunto, di obbedire alla "dittatura del proletariato".
Quindi il comunismo è stato applicato eccome. E come vedi è fallito miseramente. Se c'è uno bloccato qui sei tu. Totalmente. Mi fai anche un po' pena perchè le tue contraddizioni sono così evidenti che il fatto che ti sfuggano, accecato come sei dall'obbedienza alle fesserie marxiste, è decisamente ridicolo.. Laughing Laughing
Ma ribadisco che così la discussione resta sterile... perchè non provi a sbloccarti oliando un po' la tua capacità logica, se non è stata completamente cancellata dai vuoti dogmi marxisti?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Sab Apr 17, 2010 4:03 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:

Beh, è risaputo che Hitler era cristiano...


Hitler cristiano? Talmente cristiano che Pio XI con l'enciclica "Mit brennender Sorge" condannò la dottrina nazista come fortemente anticristiana e pagana! Era talmente cristiano che seguì alla lettere i precetti dell'ebreo Gesù Cristo: sterminare i semiti Very Happy

Marxist-leninist sei giovane, il consiglio che posso darti è quello di studiare di più e approfondire meglio prima di abbracciare un credo... che magari poi non conosci bene o lo conosci tramite l'interpretazione propagandistiche che se ne da Wink
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Sab Apr 17, 2010 4:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Se è per questo Pio XII ha anche tentato degli esorcismi a distanza su Hitler... Mr. Green
Evidentemente tanto cristiano quanto Stalin che era pure un ex seminarista... ma il nostro amico ha il cervello obnubilato dalla propaganda marxista... Rolling Eyes
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Foxa93



Età: 24
Registrato: 14/03/10 16:28
Messaggi: 93
Località: Imperia

MessaggioInviato: Sab Apr 17, 2010 9:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

AquilaLatina ha scritto:
Citazione:

Beh, è risaputo che Hitler era cristiano...


Hitler cristiano? Talmente cristiano che Pio XI con l'enciclica "Mit brennender Sorge" condannò la dottrina nazista come fortemente anticristiana e pagana! Era talmente cristiano che seguì alla lettere i precetti dell'ebreo Gesù Cristo: sterminare i semiti Very Happy

Marxist-leninist sei giovane, il consiglio che posso darti è quello di studiare di più e approfondire meglio prima di abbracciare un credo... che magari poi non conosci bene o lo conosci tramite l'interpretazione propagandistiche che se ne da Wink
« Oggi, chiunque abbia un po' di familiarità con le scienze naturali non può prendere su serio la dottrina della Chiesa in quanto tale: ciò che è in contraddizione con le leggi della natura, non può essere di Dio. ....Io non so niente dell'aldilà e sono e sono tanto onesto da confessarlo... Cristo era un ariano, ma Paolo ha sfruttato la sua dottrina per mobilitare la plebaglia ed organizzare una specie di prebolscevismo. Con l'avvento di questo sistema si è perduta la bella chiarezza del mondo classico. Che razza di Dio può essere un Dio che si compiace quando gli uomini si mortificano al suo cospetto? »Hitler

è ancora cristiano?
Laughing

_________________
"A tavola noi ragazzi sedevamo in tre reparti. Io dovevo sempre sedere in fondo e mangiare coi più poveri. Potrei forse dimenticare le formiche nel pane della terza classe. Ma che noi bambini fossimo divisi in classi, mi brucia ancora nell'anima"B.M.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Marxist-leninist




Registrato: 30/01/10 22:22
Messaggi: 76

MessaggioInviato: Dom Apr 18, 2010 5:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
beh, non è quello che è stato fatto? Dopo, visto che distruggere mezzi di produzione, chiese e sinagoghe non bastava (com'era ovvio) si è passato a risolvere il problema eliminando le persone, ovvero le "calssi" nemiche del proletariato, cattolici, ebrei, clero, kulaki.... che non accettavano, appunto, di obbedire alla "dittatura del proletariato".



La questione dell'eliminazione fisica è una palla degna dei un fascista!
Questi ebrei, chi saranno mai!?
Marx ha origini ebree, Lenin ha sempre sostenuto che anche la popolazione degli ebrei, on essendo una classe sociale, si divideva in due classi sociali anch'essa. Usare il termine ebreo per indicare un capitalista è una cosa assurda, esistono ebrei ed ebrei, come esistono persone e persone... generalizzare sostenendo l'eliminazione fisica degli ebrei è una cosa assurda che poteva essere sostenuta soltanto da una testa di **** come hitler.
come molti italiani non sono cristiani anche molti ebrei non seguono l'ebraismo... eliminando la RELIGIONE con la forza si può chiamare umano un ebreo, o umano un cristiano, perché ora non lo sono.


Citazione:
Quindi il comunismo è stato applicato eccome.



Questa frase sottolinea la tua ignoranza in materia.


Citazione:
Hitler cristiano? Talmente cristiano che Pio XI con l'enciclica "Mit brennender Sorge" condannò la dottrina nazista come fortemente anticristiana e pagana! Era talmente cristiano che seguì alla lettere i precetti dell'ebreo Gesù Cristo: sterminare i semiti



scusa ma secondo te cos'è il cristianesimo positivo?
 
Non era altro che il cristianesimo adattato alla teoria che vigeva in germania, quella della ''razza'' superiore... non era altro che una versione diversa del cristianesimo per avere un consenso anche da parte dei tedeschi cristiani.
Poi la storica frase ''dio è con noi'' dovrebbe chiarirvi le idee...


Citazione:
è ancora cristiano?



certo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Dom Apr 18, 2010 5:54 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
La questione dell'eliminazione fisica è una palla degna dei un fascista!
Questi ebrei, chi saranno mai!?
Marx ha origini ebree, Lenin ha sempre sostenuto che anche la popolazione degli ebrei, on essendo una classe sociale, si divideva in due classi sociali anch'essa. Usare il termine ebreo per indicare un capitalista è una cosa assurda, esistono ebrei ed ebrei, come esistono persone e persone... generalizzare sostenendo l'eliminazione fisica degli ebrei è una cosa assurda che poteva essere sostenuta soltanto da una testa di ***** come hitler.
come molti italiani non sono cristiani anche molti ebrei non seguono l'ebraismo... eliminando la RELIGIONE con la forza si può chiamare umano un ebreo, o umano un cristiano, perché ora non lo sono.

il fatto che marx abbia origini ebraiche non cambia una virgola di quello che è stato scritto. Anzi Marx scrive questo proprio perchè conosceva benissimo gli ebrei e li disprezzava.
Qui a fare confusione sie tu non noi. Secondo il documento sopra postato essere ebrei non è qualcosa di biologico ma di culturale. L'ebreo è ebreo nella misura in cui crede nei principi dell'ebraismo. Se l'ebreo rinnega i principi della sua religione per abbaracciare il comunismo allora non è più ebreo altrimenti è nemico di classe. E lo è in virtù del fatto che abbraccia una religione che professa dei principi che sono contrari a quelli del comunismo. E la fine dei nemici di classe sappiamo tutti quale deve essere.
Stalin fu molto coerente con tutto ciò. Infatti sterminò gli ebrei che non volevano rinnegare la propria religione come nemici di classe.
Hitler invece sosteneva che anche se si rinnega l'ebraismo si rimane comunque degli ebrei per via del determinismo biologico. Ma questa è un'altra storia che non c'entra col nostro discorso.

Citazione:
Questa frase sottolinea la tua ignoranza in materia.

questa tua corta affermazione fa sorgere immediatamente due contraddizioni: una di tipo ideologico una tua.
Quella di tipo ideologico consiste nel fatto che se il socialismo marxista è una scienza allora al verificarsi di determinate condizione vi devono essere determinati risultati. Per tua stessa ammissione, tali condizioni si sono verificate sotto il regime stalinista ma non è successo niente. Il motivo per cui non è successo niente è semplice: nelle scienze sociali non esistono determinismo scientisti come invece tu ti ostini a sostenere.
La seconda contraddizione è inerente al tuo discorso: prima dici che stalin ha realizzato il comunismo poi qui neghi tutto. Un po' di chiarezza per favore.


Citazione:
scusa ma secondo te cos'è il cristianesimo positivo?
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Non era altro che il cristianesimo adattato alla teoria che vigeva in germania, quella della ''razza'' superiore... non era altro che una versione diversa del cristianesimo per avere un consenso anche da parte dei tedeschi cristiani.
Poi la storica frase ''dio è con noi'' dovrebbe chiarirvi le idee...

il cristianesimo positivo è una forma di cristianesimo strumentale a quelli che sono gli interessi del regime nazista. Non è mai stata ufficialmente riconosciuta ne dai cattolici tantomeno dal mondo protestante o ortodosso. Il fatto che io prenda una determinata filosofia o religione, ne perverta i principi, e crei un qualcosa di strumentale ai miei interessi non significa che tale religione o filosofia sia effettivamente compatibile con la mia. Semmai il contrario...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Dom Apr 18, 2010 10:40 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io non ti risponderò più Marxist, perchè o ci fai o ci sei... Come già detto non ho intenzione di rispondere a uno le cui contraddizioni sono così evidenti da risultare ridicole, così ridicole che mi pare impossibile che tu non te ne accorga.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marxist-leninist




Registrato: 30/01/10 22:22
Messaggi: 76

MessaggioInviato: Lun Apr 19, 2010 6:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Secondo il documento sopra postato essere ebrei non è qualcosa di biologico ma di culturale. L'ebreo è ebreo nella misura in cui crede nei principi dell'ebraismo. Se l'ebreo rinnega i principi della sua religione per abbaracciare il comunismo allora non è più ebreo altrimenti è nemico di classe. E lo è in virtù del fatto che abbraccia una religione che professa dei principi che sono contrari a quelli del comunismo. E la fine dei nemici di classe sappiamo tutti quale deve essere.
Stalin fu molto coerente con tutto ciò. Infatti sterminò gli ebrei che non volevano rinnegare la propria religione come nemici di classe.
Hitler invece sosteneva che anche se si rinnega l'ebraismo si rimane comunque degli ebrei per via del determinismo biologico. Ma questa è un'altra storia che non c'entra col nostro discorso.



La tua è una analisi corretta, non vedo le contraddizioni che ci sono tra il mio discorso ed il tuo.
Allora, io sostengo, come anche Marx e Lenin sostenevano, che l'ebreo è ebreo per cultura, ovviamente quando una persona nasce in un contesto culturale assume quella cultura a causa di una sorta di egemonia della cultura dominante. Distinguere gli ebrei accusandoli di essere ebrei facendo rientrare il tutto in qual cosa di biologico è assurdo, e così la pensava invece hitler. Per questo Comunismo e Nazismo sono due cose diverse... in quanto il primo si basa sulla teoria del Materialismo Storico (vedere*) e Dialettico (Il Marxismo è una scienza, una concezione e un metodo di analisi, contemporaneamente!), il secondo invece ha una teoria infondata basata sulla differenza razziale.
Generalizzare e strumentalizzare gli scritti di Marx, come in questo caso è successo con ''La Questione Ebraica'', è stato fatto semplicemente per far crescere contraddizioni in seno al Movimento Comunista Internazionale... suvvia, impacchettano bene queste palle mega galattiche a cui solo i citrulli possono credere.
Noialtri Marxisti - Leninisti, che utilizziamo un metodo di analisi scientifico, individuiamo le contraddizioni in seno al popolo e le facciamo scomparire.
Mi sembra che, ora, tra il mio ed il tuo discorso, non ci siano contraddizioni di alcun tipo.


Citazione:
Quella di tipo ideologico consiste nel fatto che se il socialismo marxista è una scienza allora al verificarsi di determinate condizione vi devono essere determinati risultati. Per tua stessa ammissione, tali condizioni si sono verificate sotto il regime stalinista ma non è successo niente. Il motivo per cui non è successo niente è semplice: nelle scienze sociali non esistono determinismo scientisti come invece tu ti ostini a sostenere.
La seconda contraddizione è inerente al tuo discorso: prima dici che stalin ha realizzato il comunismo poi qui neghi tutto. Un po' di chiarezza per favore.



La mia affermazione è dovuta ad un infantile conoscenza da parte del tuo amico della distinzione tra il Socialismo scintifico, che è una cosa, ed il Comunismo, che è un'altra.
Stalin non ha realizzato nulla, ha portato avanti il lavoro del grande Lenin. Quest'ultimo ha realizzato il Socialismo! (Ripeto: Socialismoè una cosa, Comunismo è un'altra!)


Citazione:
il cristianesimo positivo è una forma di cristianesimo strumentale a quelli che sono gli interessi del regime nazista. Non è mai stata ufficialmente riconosciuta ne dai cattolici tantomeno dal mondo protestante o ortodosso. Il fatto che io prenda una determinata filosofia o religione, ne perverta i principi, e crei un qualcosa di strumentale ai miei interessi non significa che tale religione o filosofia sia effettivamente compatibile con la mia. Semmai il contrario...



Alla base di questa strumentalizzazione del ''cristianesimo'' ci sta un affermazione: gesù era un ariano. Dicendo questo presupponi l'esistenza del figlio di dio. Per questo, ed altri punti di questa ''strumentalizzazione'' del cristianesimo, il cristianesimo positivo non è altro che una forma di cristianesimo adattata ed utilizzata da hitler per avere maggior consensi da parte del popolo e una conferma della sua teoria. (gesù ariano)


Citazione:
Io non ti risponderò più Marxist, perchè o ci fai o ci sei... Come già detto non ho intenzione di rispondere a uno le cui contraddizioni sono così evidenti da risultare ridicole, così ridicole che mi pare impossibile che tu non te ne accorga.



Ritirati pure, non sentirò la tua mancanza!


*: Materialismo Storico
Nella produzione sociale della loro esistenza, gli uomini entrano in rapporti determinati, necessari, indipendenti dalla loro volontà, - in rapporti di produzione che corrispondono a un determinato grado di sviluppo delle loro forze produttive materiali. L'insieme di questi rapporti di produzione costituisce la struttura economica della società, ossia la base reale sulla quale si eleva una soprastruttura giuridica e politica e alla quale corrispondono forme determinate della coscienza sociale. Il modo di produzione della vita materiale condiziona, in generale, il processo sociale, politico e spirituale della vita. Non è la coscienza che determina il loro essere, ma è, al contrario, il loro essere sociale che determina la loro coscienza. A un dato punto del loro sviluppo, le forze produttive materiali della società entrano in contraddizione con i rapporti di produzione esistenti, cioè con i rapporti di proprietà (il che è l'equivalente giuridico di tale espressione) dentro dei quali esse forze per l'innanzi s'erano mosse. Questi rapporti, da forme di sviluppo delle forze produttive, si convertono in loro catene. E allora subentra un'epoca di rivoluzione sociale. Con il cambiamento della base economica si sconvolge più o meno rapidamente tutta la gigantesca soprastruttura. Quando si studiano simili sconvolgimenti, è indispensabile distiguere sempre fra lo sconvolgimento materiale delle condizioni economiche della produzione, - che può essere costatato con la precisione delle scienze naturali, - e le forme giuridiche, politiche, e religiose, artistiche o filosofiche, ossia le forme ideologiche che permettono agli uomini di concepire questo conflitto e di combatterlo. Come non si può giudicare un uomo dall'idea che egli ha di sé stesso, così non si può giudicare una simile epoca di sconvolgimento dalla coscienza che essa ha di sé stessa; occorre invece spiegare questa coscienza con le contraddizioni della vita materiale, con il conflitto esistente tra le forze produttive della società e i rapporti di produzione. Una formazione sociale non perisce finché non si siano sviluppate tutte le forze produttive a cui può dare corso; nuovi e superiori rapporti di produzione non subentrano mai, prima che siano maturate in seno alla vecchia società le condizioni materiali della loro esistenza. Ecco perché l'umanità non si propone se non quei problemi che può risolvere, perché, a considerare le cose dappresso, si trova sempre che il problema sorge solo quando le condizioni materiali della sua soluzione esistono già o almeno sono in formazione.. A grandi linee, i modi di produzione asiatico, antico, feudale e borghese moderno possono essere designati come epoche che marcano il progresso della formazione economica della società. I rapporti di produzione borghesi sono l'ultima forma antagonistica del processo di produzione dociale; antagonistica non nel senso di un antagonismo individuale, ma di un antagonismo che sgorga dalle condizioni di vita sociali degli individui. Ma le forze produttive che si sviluppano nel seno della società borghese creano in pari tempo le condizioni materiali per la soluzione di questo antagonismo. Con questa formazione sociale si chiude dunque la preistoria della società umana.
Marx, Prefazione "Per la critica dell'economia politica", Gennaio 1859 - Scritti scelti, vol.1 (Edizioni lingue estere) Mosca 1943
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Lun Apr 19, 2010 11:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

[quote="Marxist-leninist"]
Citazione:


Allora, io sostengo, come anche Marx e Lenin sostenevano, che l'ebreo è ebreo per cultura, ovviamente quando una persona nasce in un contesto culturale assume quella cultura a causa di una sorta di egemonia della cultura dominante. Distinguere gli ebrei accusandoli di essere ebrei facendo rientrare il tutto in qual cosa di biologico è assurdo, e così la pensava invece hitler. Per questo Comunismo e Nazismo sono due cose diverse... in quanto il primo si basa sulla teoria del Materialismo Storico (vedere*) e Dialettico (Il Marxismo è una scienza, una concezione e un metodo di analisi, contemporaneamente!), il secondo invece ha una teoria infondata basata sulla differenza razziale.


Ma a chi deve essere de-isreaelizzato, cosa gliene frega se deve morire perchè di razza inferiore o perchè rifiuta l'esproprio della propria identità culturale e religiosa? Perchè il risultato è lo stesso. L'unica differenza è che l'ebreo non può diventare nazista perchè questa è prerogativa ariana (come sappiamo la realtà poi fu ben diversa in certi cai, lo stesso Hitler aveva ascendenze semite...) mentre l'ebreo, il cristiano, il kulako possono diventare marxisti se rinunciano a se stessi. Se non lo fanno vengono comunque eliminati. DOV'E' LA DIFFERENZA SOSTANZIALE,?

[quote="Marxist-leninist"]
Citazione:

Noialtri Marxisti - Leninisti, che utilizziamo un metodo di analisi scientifico, individuiamo le contraddizioni in seno al popolo e le facciamo scomparire.
Mi sembra che, ora, tra il mio ed il tuo discorso, non ci siano contraddizioni di alcun tipo.


E come mai il vostro perfetto modello di non contraddizione è crollato? Perchè il dogma di IRREVERSIBILITA' di un sistema marxista una volta avviato, è crollato miseramente prima in Ungheria, dove è stato tamponato coi carri armati, e poi nella stessa URSS?

[quote="Marxist-leninist"]
Citazione:

La mia affermazione è dovuta ad un infantile conoscenza da parte del tuo amico della distinzione tra il Socialismo scintifico, che è una cosa, ed il Comunismo, che è un'altra.
Stalin non ha realizzato nulla, ha portato avanti il lavoro del grande Lenin. Quest'ultimo ha realizzato il Socialismo! (Ripeto: Socialismoè una cosa, Comunismo è un'altra!)


La contraddizione resta, e ancora una volta cerchi di sgusciare con una ridicola scusa. Peraltro se affermi che Stalin ha realizzato il socialismo, spiegaci come mai non siete riusciti a creare il comunismo. Dopo la sua morte sono passati altri 35 ani... Se lo scopo ultimo è la cancellazione dello stato e di ogni stato... beh, ci siete riusciti solo col vostro di stato... l'URSS, che si è disintegrato nel 1989.
Di grazia poi, non cogli l'enorme contraddizione del "socialismo" di stalin? Un socialismo che al capitalismo privato sostituisce un capitalismo di stato!!! Dove al posto del capitalista, che magari è cmq competente nel suo campo, c'è solo un burocrate di partito...
Kruscev dopo la sua visita negli USA nei primi anni '60 affermò che il blocco socialista in 20 anni avrebbe sorpassato gli USA come produzione e qualità della vita. Si è visto...
Peraltro hai perfettamente ragione nel dire che Stalin ha seguito coerentemente il solco tracciato da Lenin. Il risultato finale era scontato, come Bombacci capì tastando con mano. Dunque cosa ci contesti? Non capisco di cosa ti lamenti, visto che tutti i vostri politburi hanno applicato alla lettera i dogmi "scientifici" del marxismo. Eppure hanno fallito l'obiettivo!!! Pensa un po! Come mai? Non è che i dogmi erano completamente campati in aria? Eppure tu stesso dici che sono stati applicati. E allora di che ti lamenti?

Continui con le contraddizioni...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Le ideologie e le altre filosofie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 2 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006