Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
Fino ad 8 settembre Italia fascista rifugio per gli ebrei!
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Storia del Ventennio e...
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2600
Località: Palermo

MessaggioInviato: Mar Feb 26, 2008 10:01 pm    Oggetto:  Fino ad 8 settembre Italia fascista rifugio per gli ebrei!
Descrizione:
Rispondi citando

Lo sapevamo già, oltretutto ne abbiamo dato conto anche sul nostro libro, ma siccome ripetere giova, soprattutto quando vi sono chiare testimonianze inconfutabili, aggiungere l'ennesima prova può solo aiutare, soprattutto quando in pochi conoscono tali fatti.
Eccovi l'interessante stralcio di un articolo riportato da un giornale di qualche annetto fà ...

al processo Eichmann.
(Il Popolo – Roma - 12 maggio 1961)


" Una pagina d'onore per l’Italia ' ha dichiarato il vice procuratore generale Bach. Tutti gli ebrei in Italia debbono la loro vita alla popolazione italiana ' ha dichiarato stamane, concludendo la propria deposizione al processo Eichmann, la professoressa Hilda Cassuto, vedova, Campagnano, comparsa come testimone sulle persecuzioni tedesche in Italia. La professoressa Cassuto vive ora a Gerusalemme con suo figlio ed insegna matematica alle scuole medie. Il padre era professore di lingue semitiche all'università di Roma ed ora a quella di Gerusalemme dove emigrò nel 1939 con una figlia. La professoressa Cassuto rimase a Firenze con un fratello che era rabbino capo di quella comunità. Ha perso nelle deportazioni tedesche il marito ed il fratello che furono portati allo sterminio a Bilkenau; sua cognata, moglie del rabbino, fu portata ad Auscwítz, ma fu fatta poi proseguire attraverso i campi di Belsen, Treblinka e infine a Theresienstadt dove fu salvata dai russi avanzanti. La professoressa ha iniziato la sua deposizione raccontando come malgrado la legislazione razziale varata dal governo fascista, gli ebrei italiani non ebbero in pericolo né la loro vita né la loro libertà; le loro restrizioni furono soltanto di natura economica'. Gli impiegati dello stato - ha detto la signora Cassuto - persero il loro posto ma potettero trovare altre sistemazioni onorevoli ed anche adeguatamente lucrative. Io già professoressa di matematica mi sistemai in una scuola ebraica che fu subito costituita. Non abbiamo avuto preoccupazioni fino al 10 settembre del 1943 '.
La testimonianza della professoressa Cassuto Campagnano, che rimase impressa nella memoria di tutti per quello che affermò e per quello che negò, conteneva tra l'altro una frase molto interessante, che nessun giornale italiano si sognò di riportare: « ...fino all' 8 settembre 1943 » disse tra l'altro la signora Campagnano «gli ebrei di tutta Europa conobbero un solo rifugio sicuro: l'Italia fascista ». « Non abbiamo avuto preoccupazioni fino all'8 settembre 1943 »: una frase come questa e tutto un castello di menzogne salta in aria, fino all'8 settembre del 1943 non esistettero persecuzioni, semmai vi furono soltanto delle restrizioni; nei Paesi occupati poi ci fu una vera e propria azione sistematica da parte delle autorità italiane di occupazione per proteggere le collettività ebraiche: e lo stesso Eichmann ebbe più volte a lamentarsene; le sue lamentele non sortirono alcun effetto. Evidentissimo quindi, che la protezione dei rifugiati ebrei avveniva in base a precise direttive dall'alto...

_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)


Ultima modifica di Marcus il Mer Ott 17, 2012 10:51 am, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Mar Feb 26, 2008 10:11 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Peccato che questi fatti vengono deliberatamente taciuti se non addirittura boicottati dalla storiografia ufficiale!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Mer Feb 27, 2008 5:03 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Peccato che, oltre la speculazione menzognera dell'antifascismo militante, ci siano anche (e scusa se è poco) i radicalisti di destra dell'area che mostrano le loro "belle" svastiche, rune e celtiche, i loro "teoremi del complotto giudaico mondiale", il loro anti-ebraismo, ecc, ecc, ecc, dandosi poi del fascista (!)... Così il "gioco" è fatto! Facista = razzista antiebreo!

MONNEZZA CHE NON SONO ALTRO!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Mer Feb 27, 2008 6:03 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Senz'altro RomaInvicta, senza contare che, di contro, si reputano pure "fascisti filo-islamici"!!!
Una volta ho letto il commento di un classico militante dell'area il quale diceva che Mussolini aveva fatto un errore: "le leggi razziali furono troppo morbide, si sarebbero dovute applicare in toto", oppure "non vedo perchè dobbiamo negare l'Olocausto, ne dobbiamo essere orgogliosi, è un nostro presupposto ideologico".
NO-COMMENT.
E che dire degli infiniti sforzi che fanno per cercare di negare l'esistenza dell'Olocausto: idioti fate prima a dimostrare l'estraneità dell'Italia alla soluzione finale che a negare l'evidenza!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Mer Feb 27, 2008 11:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Stefano ne parlò anche nel suo intervento all'ANPI che Avanguardista ha avuto modo di scoprire da solo. Ovviamente gli antifascisti hanno tutto l'interesse a tacere questo punto, di cui l'episodio è l'ennesima prova. Gli ebrei internazionali peraltro lo hanno sempre sostenuto (a partire dal libro della Harendt, ma non solo). Agli ebrei italiani non conveniva invece... se è vero che essi furono ingiustamente e vergognosamente discriminati (con molte eccezioni) è vero pure che fino all'8 settembre fuorno al sicuro da quello che succedeva nel resto d'Europa. L'Italia fascista invece aiutò in tutti i modi possibili gli ebrei internazionali. Ma a quelli italiani non conviene raccontare tutta la storia... e soprattutto sarebbe da chiedersi come mai solo la comunità ebraica italiana - di tutte quelle mondiali - abbia in qualche modo a lungo flirtato col partito kommunista locale (domanda che ci siamo fatti più volte...).
Per quanto riguarda i babbei d'area, utili idioti del sistema, nulla di nuovo: essi sono e restano il nostro ostacolo maggiore, messo lì apposta dal sistema.
Per inciso ieri ne hanno arrestati una 20ina, di nazi-buzzurri della lazio, coinvolti nei famigerati scontri con la polizia e nella "spedizione" di villa Ada. Teppa che ruota attorno a FN e agli altri partiti-rifiuti d'area, ma che a suo tempo, come ricorderete, stava anche sul libro paga del ladro ANale Gargano...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Quintox



Età: 32
Registrato: 02/04/06 20:14
Messaggi: 226
Località: Padova

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 9:35 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cari amici,

ne approfitto qui per non aprire un'ulteriore discussione. Sto leggendo materiale dell'epoca di Giovanni Preziosi, il famoso "antisemita" del regime assieme a Telesio Interlandi.

Nei suoi libri, e nella sua rivista "La Vita Italiana" traspare un antisemitismo feroce, tuttavia documentato in ogni cosa che scrive. Voi cosa ne pensate del personaggio in questione?

_________________
Il culto delle memorie è indice sicuro del grado di civiltà di un Popolo e della coscienza che esso ha della propria forza.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 4:47 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ti posso dire, a proposito di Interlandi, che "La difesa della razza" era un giornale per l'epoca d'avanguardia: innazitutto per la grafica, modernissima, e per la scelta di immagini e fotografie d'effetto. Il contenuto razzista era supportato sempre dalla citazioni antisemite di qualche grande (Dante, ecc.) e da articoli "scientifici" e storici.
Mussolini stimava moltissimo Interlandi come giornalista - e infatti era un abile giornalista - e praticamente fu lui ad affidargli la direzione del Tevere prima e della Difesa della razza poi.
Preziosi era una specie di cattolico reazionario - inizialmente - poi passato al nazionalismo e infine al fascismo. La sua attività politica si concentrò contro i massoni e gli ebrei, le due categorie in cui vedeva l'origine del grande complotto. Figura di secondo piano e marginale, proprio come Evola, venne utilizzata da Mussolini quando ebbe bisogno di qualcuno che supportasse il razzismo e l'antisemitismo del regime, creati a tavolino ex abrupto.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Nico




Registrato: 30/08/07 18:37
Messaggi: 348
Località: Emilia Romagna-Cento-Provincia Ferrara

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 5:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E' interessante quello scritto. E qui ha ragione RomaInvicta, quando scrive:"Così il "gioco" è fatto! Facista = razzista antiebreo!"
Vergogna, gentaglia ignorante!

_________________
AquilaLatina ha scritto:
Mi spiegate la differenza tra destra e sinistra?


tribvnvs ha scritto:
Ti riferisci alle chiappe? Laughing


Viaggiatore, va' a dire a Sparta che noi siamo morti per ubbidire alle sue leggi!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
avus3




Registrato: 04/01/07 18:14
Messaggi: 1170

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 5:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io temo che nella pazzia che ci coinvolse negli anni trenta-quaranta ci sia stata, almeno per noi italiani, una mala fede assoluta. Non tocco tedeschi, russi, o altri, anche se potrei farlo, ma le loro mentalità e carenze abissali erano e restano lontane anni luci dalle mie convinzioni.
E' assolutamente ridicolo affrontare problemi di razzismo, soprattutto ebraico, da parte di nostri sconsiderati che dimostravano oltretutto in ciò una abissale e colpevole ignoranza, salvo la giustificante psicologica, infame, che quando tutte le cose vanno a male, a rotoli, è sommamente utile trovare il nemico di turno, da additare alla generalità imbelle come da distruggere, annientare, annullare.
Noi, con l'avvio del tremila, seguitiamo con imbecillità non scevra da responsabilità, ad ignorare che mezza italia del sud, e oltre, è di pura origine araba, semitica, che la Toscana coi suoi Etruschi venne popolata dalle popolazioni dell'entroterra turco, tant'è che recentemente c'è stato pure un gemellaggio, che il nucleo romano proviene dalle bande erranti, guidate da Enea, affamate di tutto, viveri, casa, donne, provenienti da Ilio, senza bisogno di dire ove si trovi, che la Sardegna e altre parti sicule, del Sud e non solo, hanno componenti razziali profondamente fenice, mentre l'Italia del nord è stato sempre un coacervo di Germani, svevi, slavi, unni, asiatici di tutti i tipi.
E quanto potrei continuare!
E con questo si solleva il problema ebraico?
Sarebbe il momento di piantarla con questa immensa cavolata e ingiustizia del regime, dimentico dei tanti e tanti e tanti ebrei caduti nella guerra mondiale, aggiungo che parteciparono convinti alla rivoluzione fascista e più e più volte, loro guadagni o meno, risanarono le sconquassate nostre finanze di noi incapaci di gestirle.
E' bene piantarla con tali infamità e scemenze.
E mi dispiace che il faro della mia gioventù, il Duce, che pur resta il mio maximum, pur se filò d'amore e d'accordo con la Sarfatti per una diecina d'anni (evidentemente quella cosa .. non ha razza) si sia dimostrato un filoarabo che mai ho capito e mai gli ho perdonato.
Lo farei vivere oggi a casa nostra e fuori per fargli capire le sue cavolate.
E tutto ciò solo per fare probabilmernte solo un infantile dispetto agli inglesi, cosa che non era da lui. E meno male che c'era Italo Balbo che di problemi razziali in Libia non glie ne fregò proprio nulla.
La mia risposta è dura, lo capisco, ma dato che non sono un ipocrita, non poteva essere differente.

Per chi volesse informarsi meglio sulle nostre ancestralità c'è il libro "Storia della Prima Italia", di Massimo Pallottino, editore Rusconi, che tenta, non esaustivamente, di farci capire di che casino di razze siamo fatti noi italiani. Ma dubito che i prevenuti e chiusi di visione provvedano a procurarsene una copia e soprattutto a leggerlo.

Ciao, non me ne volete. Che ve ne fareste di uno d'accordo formalmente e routinalmente con voi, senza convinzione?

_________________
avus-framanc


Ultima modifica di avus3 il Gio Feb 28, 2008 8:08 pm, modificato 2 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2600
Località: Palermo

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 5:26 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La questione in realtà si risolve in modo fin troppo semplice. Vi é una ideologia chiara ed univoca, che si fonda sulla condivisione di un principio spirituale assoluto ed armonico rispetto alla socialità dell'uomo ed al suo rapporto con un ente supremo che ha posto nel cuore di ogni individuo regole immanenti ad esso, tendenti a realizzare un permanente equilibrio fra Uomo e Uomo e tra Uomo e mondo, che il fascismo ha sintetizzato e codificato nella sua dottrina finalizzata alla realizzazione dello Stato Etico corporativo. E questo a prescindere dall'appartenenza religiosa o etnica di ciascun individuo. Chi condivide e lotta con tutto se stesso per l'affermazione di tale principio era ed é fascista chi invece antepone il proprio particulare ad esso dal fascismo venne ed è respinto . Così agì il regime, in armonia con la sua dottrina.
_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 5:47 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Avus, gurda che qui siamo tutti e perfettamente d'accordo con te nell'affermare che la campagna anti-ebraica fu un colossale errore!! Forse le boiate a sostegno del razzismo le potrai trovare in altri gruppi. QUelli di destra radcale, non noi!

Magari siamo meno severi. Se anche noi avremmo detto a Mussolini che A POSTERIORI quella mossa fu un errore colossale, avremmo anche riconosciuto la pratica valenza CINICA del provvedimento in relazione al momento storico vissuto.

Inoltre, visto che sappiamo leggere la lingua italiana e crediamo anche di comprenderla, sappiamo che quelle Leggi del 1938 furono TUTTO tranne che RAZZIALI! Furono Leggi POLITICHE, di discriminazione POLITICA ma il RAZZISMO in quelle leggi non c'entrava un fico secco! Mentre in modo STUMENTALE e CINICO furono CAVALCATE da Mussolini come leggi RAZZIALI perchè così, ripeto CINICAMENTE, conveniva in quel momento storico!

Riguardo l'integrazione degli ebrei e la quasi totale assenza di Sionismo in Italia hai mille e una ragione! Tra l'altro quelle differenziazioni che hai lamentato fossero non previste, almeno teoricamente (e abbiamo visto anche in pratica più di quanto le leggi stesse permettessero in determinati momenti come quello) lo furono eccome!

In ogni caso, sappiamo che il Razzismo di qualsiasi tipo e di qualsiasi risma sia la cosa più idiota e anti-reale che possa esistere! Lo sapeva benissimo pure Mussolini, che anche quando fece finta di essere razzista si affrettò ad esserlo solo a parole e spesso manco in quelle!

Chi "non lo sa" sono i radicalisti di destra che campano per dare calcli di rigore a porta vuota ai nostri nemici!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 5:49 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

avus3 ha scritto:
Io temo che nella pazzia che ci coinvolse negli anni trenta-quaranta ci sia stata, almeno per noi italiani, una mala fede assoluta. Non tocco tedeschi, russi, o altri, anche se potrei farlo, ma le loro mentalità e carenze abissali erano e restano lontane anni luci dalle mie convinzioni.
E' assolutamente ridicolo affrontare problemi di razzismo, soprattutto ebraico, da parte di nostri sconsiderati che dimostravano oltretutto in ciò una abissale e colpevole ignoranza, salvo la giustificante psicologica, infame, che quando tutte le cose vanno a male, a rotoli, è sommamente utile trovare il nemico di turno, da additare alla generalità imbelle come da distruggere, annientare, annullare.
Noi, con l'avvio del tremila, seguitiamo con imbecillità non scevra da responsabilità, ad ignorare che mezza italia del sud, e oltre, è di pura origine araba, semitica, che la Toscana coi suoi Etruschi venne popolata dalle popolazioni dell'entroterra turco, tant'è che recentemente c'è stato pure un gemellaggio, che il nucleo romano proviene dalle bande erranti, guidate da Enea, affamate di tutto, viveri, casa, donne, provenienti da Ilio, senza bisogno di dire ove si trovi, che la Sardegna e altre parti sicule, del Sud e non solo, hanno componenti razziali profondamente fenice, mentre l'Italia del nord è stato sempre un coacervo di Germani, svevi, slavi, unni, asiatici di tutti i tipi.
E quanto potrei continuare!
E con questo si solleva il problema ebraico?
Sarebbe il momento di piantarla con questa immensa cavolata e ingiustizia del regime, dimentico dei tanti e tanti e tanti ebrei caduti nella guerra mondiale, aggiungo che parteciparono convinti alla rivoluzione fascista e più e più volte, loro guadagni o meno, risanarono le sconquassate nostre finanze di noi incapaci di gestirle.
E' bene piantarla con tali infamità e scemenze.
E mi dispiace che il faro della mia gioventù, il Duce, che pur resta il mio maximum, pur se filò d'amore e d'accordo con la Sarfatti per una diecina d'anni (evidentemente quella cosa .. non ha razza) si sia dimostrato un filoarabo che mai ho capito e mai gli ho perdonato.
Lo farei vivere oggi a casa nostra e fuori per fargli capire le sue cavolate.
E tutto ciò solo per fare probabilmernte solo un infantile dispetto agli inglesi, cosa che non era da lui. E meno male che c'era Italo Balbo che di problemi razziali in Libia non glie ne fregò proprio nulla.
La mia risposta è dura, lo capisco, ma dato che non sono un ipocrita, non poteva essere differente.

Per chi volesse informarsi meglio sulle nostre ancestralità c'è il libro "Storia della Prima Italia", di Rusconi, che tenta, non esaustivamente, di farci capire di che casino di razze siamo fatti noi italiani. Ma dubito che i prevenuti e chiusi di visione provvedano a procurarsene una copia e soprattutto a leggerlo.

Ciao, non me ne volete. Che ve ne fareste di uno d'accordo formalmente e routinalmente con voi, senza convinzione?


Perchè te ne dovremmo volere? Non possiamo essere che d'accordo.
Qui sfondi una porta aperta... vaglielo a dire ai vari Martorana & co. dell'"area" (per citare un "areANO" intervenuto qui - a proposito che ne dite di chiamarli così quelli dell'"area"?).... Chissà cosa ti risponderebbero.... Very Happy
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 7:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Preziosi era una specie di cattolico reazionario


Ho letto proprio ieri nell'"Intervista sul Fascismo" di De Felice, che Preziosi era un sacerdote. Non lo sapevo, potete confermare?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 8:07 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Se non mi sbaglio un prete spretato
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
avus3




Registrato: 04/01/07 18:14
Messaggi: 1170

MessaggioInviato: Gio Feb 28, 2008 8:09 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

....
Mi corre aggiungere due cose . Oltretutto i cittadini di origine ebraica nel 1938 erano si e no cinquantamila in TUTTA italia, una scemenza, e che la componente più numerosa, la romana, dalla quale provennero le altre, era da noi da VENTIDUE secoli, venuta col loro Re Maccabeo a offrire collaborazione e chiedere protezione. Cioè a dire che in duemiladuecentoanni di presenza accertata essi siano in pratica i veri romani per ancestralità, diritto di residenza, presenza, famiglia, attività. Inutile dire che furono sempre ligi alle leggi di Roma, contrariamente ai successivi estremisti detti "cristiani" che minarono la compattezza della società e dell'impero e furono in parte perseguitati per motivi esclusivamente politici e mai religiosi.

Ricordo bene Roma ricoperta di squallidi manifesti ove ad una folla di baldi italici si contrapponeva la figura di un ometto col naso adunco, con la scritta che, più o meno, diceva: MILLE ITALIANI PER UN EBREO, NON UN EBREO SU MILLE ITALIANI.
Vi saluto

_________________
avus-framanc
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Storia del Ventennio e... Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 1 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006