Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
Lettera aperta ai kammerati d'area.
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Edicola
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Sab Giu 13, 2009 3:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io ho parlato con più di un militante di CP e mi pare, invece, che abbiano le idee un poco confuse. Prima cosa su tutte si comincia a parlare di un fascismo gentiliniano, di uno ferrarese, di un fascismo "estermo", di un fascismo ventennale e di uno repubblicano. Tutte queste definizioni denotano scarsa conoscenza della ideologia visto che non esistono i "fascismi" ma soltanto IL fascismo che, dal 1919 fino al 1945 ha avuto una sua parabola ideologica unitaria che non è possibile scindere a pezzi.
Per quel che riguarda i nostri studi, noi studiamo sia il fascismo regime che il fascismo movimento poichè le due cose, benchè scindibili, non sono in contraddizione tra di loro. Più di una volta ho sentito dire dai militanti di CP che il fascismo è vecchio e va innovato (con gli immancabili innesti proveniente da pensieri di destra). Ancora noto una carenza su quelli che sono gli obiettivi ultimi: infatti pare proprio che i militanti di CP vedano come obiettivi ultimi la realizzazione del mutuo sociale, le case popolari e cose simili anzichè lo stato etico corporativo di cui i militanti di CP nemmeno parlano. Ancor peggio, essi dimostrano di non sapere nemmeno cos'è lo stato etico corporativo e di non avere la minima idea di come realizzarlo. Tra l'altro la contraddizione di voler applicare tali progetti assistenzialisti alleandosi con partiti che mai approveranno quelle misure perchè sono contro gli interessi dei loro elettori risulta mai chiarita. A questo punto o sono ingenui dal punto di vista politico oppure sono in malafede (in ogni caso non mi sembrano delle buone credenziali).
Per concludere, il lavoro di CP è insufficiente e a tratti contraddittorio perchè, almeno a grandi linee, la conoscenza della ideologia è indispensabile. I militanti comunisti conoscono bene i fini ultimi della loro ideologia (lotta di classe, abolizione della proprietà privata, dittatura del proletariato ed avvento dello stato comunista, internazionalismo ecc) non capisco per quel motivo militanti che si dichiarano fascisti non debbano avere conoscenza della propria ideologia (mi semba il minimo se non si vuole ridurre la politica e guerra tra etichette).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Sab Giu 13, 2009 3:29 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dvx87 ha scritto:
Io ho parlato con più di un militante di CP e mi pare, invece, che abbiano le idee un poco confuse. Prima cosa su tutte si comincia a parlare di un fascismo gentiliniano, di uno ferrarese, di un fascismo "estermo", di un fascismo ventennale e di uno repubblicano. Tutte queste definizioni denotano scarsa conoscenza della ideologia visto che non esistono i "fascismi" ma soltanto IL fascismo che, dal 1919 fino al 1945 ha avuto una sua parabola ideologica unitaria che non è possibile scindere a pezzi.
Per quel che riguarda i nostri studi, noi studiamo sia il fascismo regime che il fascismo movimento poichè le due cose, benchè scindibili, non sono in contraddizione tra di loro. Più di una volta ho sentito dire dai militanti di CP che il fascismo è vecchio e va innovato (con gli immancabili innesti proveniente da pensieri di destra). Ancora noto una carenza su quelli che sono gli obiettivi ultimi: infatti pare proprio che i militanti di CP vedano come obiettivi ultimi la realizzazione del mutuo sociale, le case popolari e cose simili anzichè lo stato etico corporativo di cui i militanti di CP nemmeno parlano. Ancor peggio, essi dimostrano di non sapere nemmeno cos'è lo stato etico corporativo e di non avere la minima idea di come realizzarlo. Tra l'altro la contraddizione di voler applicare tali progetti assistenzialisti alleandosi con partiti che mai approveranno quelle misure perchè sono contro gli interessi dei loro elettori risulta mai chiarita. A questo punto o sono ingenui dal punto di vista politico oppure sono in malafede (in ogni caso non mi sembrano delle buone credenziali).
Per concludere, il lavoro di CP è insufficiente e a tratti contraddittorio perchè, almeno a grandi linee, la conoscenza della ideologia è indispensabile. I militanti comunisti conoscono bene i fini ultimi della loro ideologia (lotta di classe, abolizione della proprietà privata, dittatura del proletariato ed avvento dello stato comunista, internazionalismo ecc) non capisco per quel motivo militanti che si dichiarano fascisti non debbano avere conoscenza della propria ideologia (mi semba il minimo se non si vuole ridurre la politica e guerra tra etichette).


Dài su, non generalizzare:

1) che alcuni militanti abbiano le idee poco chiare è sicuro, però quelli che ho conosciuto le idee le avevano ben chiare. E poi scusa, che fai? costruisci prima lo Stato Etico Corporativo e poi fai il Mutuo Sociale? Come si dice a Roma "non mette' er caretto davanti a li bovi". Lo Stato Etico Corporativo lo costruirai gradualmente dopo che avrai preso il potere, non prima. Poi che Cp non riesca a far passare le sue istanze è da vedere: cos'è? Non si può ancora giudicare il Covo, ma Cp sì? Su, non siate facinorosi!

2) Ma veramente credi che tutti i compagni siano preparati?!?!?! Io ne conoscono moltissimi all'uiversità che non sanno un tubo! Non farti fregare dalla propaganda di regime, che vuole tutti i compagni dei fini intellettuali. Fa' una prova: entra in un centro sociale e chiedi un paio di cose sul Capitale. Ci sarebbe da spisciarsi delle risate. Uno dei capoccia dei collettivi universitari una volta mi disse talmente tante baggianate che l'ho rimandato a casa con una severa batosta dialettica.

Si tratta sempre e solo di capi, di élites, di dirigenti. Il militante di borgata agisce secondo disposizioni: agirà bene se il capo ha dato ordini dettati dal buon senso, e agirà male se il capo è un idiota.

Infine, io non ho parlato di scissione tra "Fascismo-regime" e Fascismo-movimento" ma, visto che è concetto vero e avallato dalla comunità scientifica, ho soltanto rilevato una tendenza di studio in voi e in Cp. Tutto qui, poi l'uno non esclude l'altro (visto che la matrice e gli uomini sono quelli), sarebbe puerile.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Sab Giu 13, 2009 4:09 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Che Mussolini non lo affermasse apertis verbis non vuol dire che l'anticlericalismo fosse assente. Se anticlericalismo in italiano vuol dire "abolizione del potere temporale della Chiesa e dei benefici del clero", quel punto programmatico era anticlericale. Questa è lingua italiana e nessun manuale di filosofia può niente. Che poi non fosse legato all'ideologia anticlericale del XIX secolo è un altro paio di maniche.
E' come se tu dicessi di proporre lo Stato Etico Corporativo (formulazione che tra l'altro non appare verbatim nella Dottrina del '33) e poi non ti definissi fascista. Poi che il Fascismo non fu organicamente un movimento politico squisitamente anticlericale in toto è vero, e non l'ho mai negato.


Benissimo, abbiamo dunque appurato che lo stesso papa Benedetto XVI è anticlericale, in quanto nell'enciclica
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
afferma che lo Stato non deve essere teocratico e che la Chiesa (quindi il clero) non deve in alcun modo ingerire nella sfera di influenza dello Stato, in quanto trattano due competenze diverse. Benchè il papa non lo affermasse apertis verbis è dunque anticlericale, in quanto l'anticlericalismo vuol dire "abolizione del potere temporale della Chiesa" o sbaglio? Very Happy
Sicuramente no, è la lingua italiana che lo dice Very Happy

Temo che hai fatto un po troppa confusione tra anticlericalismo e laicismo, tra pragmatismo fascista in merito i beni ecclesiastici, e la stessa Ideologia Fascista, tra il rigettare il potere temporale della chiesa e il rigettare tutto il clero in sè.

Citazione:
Io ti parlo di persone serie, non di pagliacci come questo. Io dico che ci sono molte persone che conoscono benissimo il Fascismo perché lo hanno studiato o lo hanno vissuto, ma ininfluenti e velleitari politicamente. Questa dovrebbe essere la sfida del Covo: non rimanere puri conoscitori del Fascismo, ma forza politica cosciente ed efficace.


E difatti è quello che ti stiamo dicendo dall'inizio del topic! Stiamo partendo dal PENSIERO FASCISTA per poi costruire una AZIONE FASCISTA. Non puoi partire da un'azione fine a se stessa, ma devi prima riconoscerti in un PENSIERO. Pensiero e Azione sono inscindibili, fermo restando che il Pensiero precede necessariamente l'azione e non viceversa.

Citazione:
Vuoi creare qualcosa di nuovo? Bene, cosa?


Il progetto c'è già, si chiama Fascismo.

Citazione:
1) che alcuni militanti abbiano le idee poco chiare è sicuro, però quelli che ho conosciuto le idee le avevano ben chiare. E poi scusa, che fai? costruisci prima lo Stato Etico Corporativo e poi fai il Mutuo Sociale? Come si dice a Roma "non mette' er caretto davanti a li bovi". Lo Stato Etico Corporativo lo costruirai gradualmente dopo che avrai preso il potere, non prima. Poi che Cp non riesca a far passare le sue istanze è da vedere: cos'è? Non si può ancora giudicare il Covo, ma Cp sì? Su, non siate facinorosi!


Esattamente. Prima crei il nuovo Sistema, successivamente lo Stato che sarà uscito dalla Rivoluzione provvederà a darti i MEZZI per risolvere i problemi economico-sociali che attanagliano il Popolo italiano.
E' lo Stato che ha il compito di risolvere le "questioni sociali", è lo Stato totalitario attraverso le organizzazioni del Partito e gli istituti del Regime che, mobilitando le masse, assicura loro benessere e potenza.
Questo perchè tutti i progetti, che possono al di la di ogni considerazione essere lodevoli, sono destinati a fallire all'interno di un sistema capitalistico demoplutocratico e oligarchico disposto solo a concederti "il contentino" assistenzialista per farti stare bene.
Su, siamo realisti. In un Regime Oligarchico fondato sulle palazzine, quanta speranza avrebbe una proposta come il Mutuo Sociale? Cosa credi, che i plutocrati siano disposti a rendere veramente effettiva una proposta come quella? E se così fosse, cosa speri che succeda? Sarà il Mutuo Sociale a risollevare le sorti del fascismo e dell'umanità?

Bisogna avere una mentalità aperta, che guardi al futuro, al lungo termine. Non al contigente, che è sempre relativo.
L'unica speranza, l'unica azione veramente incisiva è cambiare SISTEMA POLITICO. Gli sforzi devono essere rivolti a risvegliare la coscienza delle masse. Ogni altra azione per quanto LODEVOLE E' INUTILE PERDITA DI TEMPO!

Citazione:
2) Ma veramente credi che tutti i compagni siano preparati?!?!?! Io ne conoscono moltissimi all'uiversità che non sanno un tubo! Non farti fregare dalla propaganda di regime, che vuole tutti i compagni dei fini intellettuali. Fa' una prova: entra in un centro sociale e chiedi un paio di cose sul Capitale. Ci sarebbe da spisciarsi delle risate. Uno dei capoccia dei collettivi universitari una volta mi disse talmente tante baggianate che l'ho rimandato a casa con una severa batosta dialettica.


L'esempio di Daniele era riferito ai marxisti, quelli veri, non ai compagni dei centri sociali tutti canne e niente cervello.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Sab Giu 13, 2009 4:36 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Benissimo, abbiamo dunque appurato che lo stesso papa Benedetto XVI è anticlericale, in quanto nell'enciclica Deus Caritas Est afferma che lo Stato non deve essere teocratico e che la Chiesa (quindi il clero) non deve in alcun modo ingerire nella sfera di influenza dello Stato, in quanto trattano due competenze diverse. Benchè il papa non lo affermasse apertis verbis è dunque anticlericale, in quanto l'anticlericalismo vuol dire "abolizione del potere temporale della Chiesa" o sbaglio? Very Happy
Sicuramente no, è la lingua italiana che lo dice Very Happy

Temo che hai fatto un po troppa confusione tra anticlericalismo e laicismo, tra pragmatismo fascista in merito i beni ecclesiastici, e la stessa Ideologia Fascista, tra il rigettare il potere temporale della chiesa e il rigettare tutto il clero in sè.


A rigor di logica sì Very Happy. Ma un conto è dir questo oggi nel XXI secolo, un conto era dirlo 90 anni fa, quando la questione era tutt'altro che risolta. E poi Mussolini non dice di essere anticlericale, ma neanche il contrario. Cioè, dicendo che il Fascismo non si può assimilare all'anticlericalismo becero e ideologico nato nell'800, ti sta dicendo che però il Fascismo, chiedendo l'estromissione della Chiesa dal potere temporale, può essere definito - per lo meno a San Sepolcro - anticlericale. Già il fatto che stesse difendendosi da un'accusa prova che quel punto era anticlericale. Anticlericale quel punto sì, ma non certo l'anticlericalismo "classico". Questo poi non toglie che Benedetto XVI stia mettendo in chiaro che la Chiesa rinuncia a qualsiasi pretesa temporale, e quindi il Clero non debba interferire nella realtà politica (= anticlericalismo, ma non certo quello "classico"). In caso trovami uno storico che dica che quel punto programmatico è esente da radici o anche spirito anticlericali. Attendo con impazienza.

Citazione:
Il progetto c'è già, si chiama Fascismo.


Insomma è nuovo... Very Happy La mia domanda più precisa è: qual è il Fascismo del Covo per l'anno domini 2009 e seguenti?
E non ricominciamo con il fatto che io ritenga il Fascismo vecchio (perché così non la penso). Qual è invece l'AZIONE POLITICA OGGI? Fascismo. Bene. Assaltiamo la sede dell'Avanti!? Very Happy
Al di là delle battute, vorrei capire meglio come intendete agire concretamente nel quotidiano. E' da qui che si vede la vostra maturazione politica, e non quella dottrinale.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Sab Giu 13, 2009 5:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
E poi Mussolini non dice di essere anticlericale, ma neanche il contrario.


Esattamente. Il fondatore del Fascismo, chiamasi Benito Mussolini, ha sempre ribadito l'antipregiudizialismo proprio del suo Movimento.
Il Fascismo è ANTIPREGIUDIZIALISTA circa i mezzi da adottare per il proprio fine, e non lo dico io ma Mussolini.
Dal momento che tu affermi che il Fascismo è anti-clericale, gli appioppi una PREGIUDIZIALE CHE NON GLI E' PROPRIA!

La verità è che il Fascismo non è mai stato nè clericale nè anticlericale! Nè monarchico nè repubblicano! Nè di destra nè di sinistra! E potrei continuare all'infinito!

Il Fascismo è appunto FASCISMO! Ha una sua visione specifica, una sua IDENTITA'. Nel caso non ci credessi, potresti leggerti "L'Identità Fascista" edito dai gestori di questo forum-associazione.

Volevi un referente storico. Ed eccoti servito. L'Identità Fascista illustra in maniera chiara il progetto di fondo della rivoluzione delle camcie nere.
Ti ho già spiegato il significato di quanto scritto nel Manifesto di San Sepolcro, ti ho fatto presente che nel manifesto non si afferma nessuna pregiudiziale anticlericale, ti ho persino riportato un articolo di Mussolini su "Il Popolo d'Italia" in cui afferma che la sua creatura non è mai stato un movimento antireligioso ed anticlericale, ti ho inoltre spiegato la peculiarità ideologica del termine anticlericalismo dicendoti che si può essere contrari al potere temporale della Chiesa (come il fascismo fu, ma come lo stesso attuale Papa è) senza per questo essere o definirsi anticlericali (una posizione che va in più la!). Insomma, più di questo non saprei che dirti.
La corretta posizione fascista è questa, confermata più volte da Mussolini e Gentile stesso. Se poi vogliamo inventarc un "fascismo secondo Valente" il discorso cambia Smile


Citazione:
Insomma è nuovo... La mia domanda più precisa è: qual è il Fascismo del Covo per l'anno domini 2009 e seguenti?
E non ricominciamo con il fatto che io ritenga il Fascismo vecchio (perché così non la penso). Qual è invece l'AZIONE POLITICA OGGI? Fascismo. Bene. Assaltiamo la sede dell'Avanti!?
Al di là delle battute, vorrei capire meglio come intendete agire concretamente nel quotidiano. E' da qui che si vede la vostra maturazione politica, e non quella dottrinale.


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
ù

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2598
Località: Palermo

MessaggioInviato: Sab Giu 13, 2009 9:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dunque mi pare di capire che la polemica si riassuma semplicemente in pochi punti. Valente, sulla scia assunta ormai da tutti i nostri interlocutori di simpatie areane, difende ed apprezza la condotta politica e culturale di Casa Pound ritenendola coerente e compatibile col fascismo mentre considera il nostro operato poco più che alla stregua di dotte disquisizioni da salotto letterario, incapaci di produrre alcun effetto politico, nemmeno nel lungo periodo. Noi invece riteniamo che Casa Pound costituisca un inutile imbroglio da debellare, come tutta l’area radical destrorsa, figlio del sistema antifascista ad esso soggetto, dunque volutamente incapace di formare politicamente dei fascisti veri ma in grado di perpetuare ancora l’equivoco criminale portato avanti un tempo dall’MSI e capace solo di impedire qualsiasi seria nascita di movimenti realmente e concretamente fascisti. Ad ogni modo sappiamo che Valente nutre una compassionevole simpatia per IlCovo, allargando così ulteriormente la nutrita schiera di quelli che potremmo definire (parafrasando De Felice) i nostri fiancheggiatori. Con ciò abbiamo capito che se riusciremo a costruire col nostro metodo un efficiente soggetto politico fascista Valente sarà tra coloro che diranno che erano con noi da sempre ; mentre se costituiremo solo un cenacolo letterario senza produrre nulla Valente potrà dire che era quanto precisamente si aspettava da noi fin dall’inizio. Ne prendiamo atto e diciamo a Valente, come abbiamo già scritto a tutti gli altri simpatizzanti areani, che solo il tempo potrà dire cosa saremo in grado di fare, essendo la prima volta che qualcuno tenta di fare ciò che noi stiamo facendo. Dal punto di vista dell’ideologia fascista la condanna inappellabile per gli pseudo fascisti areani di ogni sigla invece è già stata emessa dalla Storia,proprio in virtù della loro pratica politica attuata e dei catastrofici risultati da essi conseguiti in oltre 60 anni di vita della repubblica bananara...e questo é quanto, inutile ripetersi ulterirmente, basta rileggere se non si é ben compreso. Se invece non si vuol capire vale la stessa condotta...inutile ripetersi.
_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 3:05 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Esattamente. Il fondatore del Fascismo, chiamasi Benito Mussolini, ha sempre ribadito l'antipregiudizialismo proprio del suo Movimento.
Il Fascismo è ANTIPREGIUDIZIALISTA circa i mezzi da adottare per il proprio fine, e non lo dico io ma Mussolini.
Dal momento che tu affermi che il Fascismo è anti-clericale, gli appioppi una PREGIUDIZIALE CHE NON GLI E' PROPRIA!

La verità è che il Fascismo non è mai stato nè clericale nè anticlericale! Nè monarchico nè repubblicano! Nè di destra nè di sinistra! E potrei continuare all'infinito!

Il Fascismo è appunto FASCISMO! Ha una sua visione specifica, una sua IDENTITA'. Nel caso non ci credessi, potresti leggerti "L'Identità Fascista" edito dai gestori di questo forum-associazione.

Volevi un referente storico. Ed eccoti servito. L'Identità Fascista illustra in maniera chiara il progetto di fondo della rivoluzione delle camcie nere.
Ti ho già spiegato il significato di quanto scritto nel Manifesto di San Sepolcro, ti ho fatto presente che nel manifesto non si afferma nessuna pregiudiziale anticlericale, ti ho persino riportato un articolo di Mussolini su "Il Popolo d'Italia" in cui afferma che la sua creatura non è mai stato un movimento antireligioso ed anticlericale, ti ho inoltre spiegato la peculiarità ideologica del termine anticlericalismo dicendoti che si può essere contrari al potere temporale della Chiesa (come il fascismo fu, ma come lo stesso attuale Papa è) senza per questo essere o definirsi anticlericali (una posizione che va in più la!). Insomma, più di questo non saprei che dirti.
La corretta posizione fascista è questa, confermata più volte da Mussolini e Gentile stesso. Se poi vogliamo inventarc un "fascismo secondo Valente" il discorso cambia Smile


Io sono d'accordo con te quando affermi che il Fascismo non fu anticlericale. Ma visto che la Dottrina del Fascismo non nasce dall'oggi al domani (e questo non lo dico io, ma lo stesso Gregor), avevo fatto notare che per esempio a San Sepolcro un punto era chiaramente anticlericale. Poi col tempo il Fascismo rinunciò a quel punto programmatico e arrivò a stipulare i Patti Lateranensi. Punto. Quindi, io non ho mai affermato che il Fascismo, e in special modo nella sua maturazione dottrinale, fosse anticlericale. Ti pregherei quindi di non mettermi in bocca cose che non ho detto.
Poi tu mi parli giustamente di antipregiudiziale (io avevo detto mussolinianamente "chiesa di tutte le eresie"), e poi dài dell'antifascista a tutti (magari pure a me?), e mi parli di "rigidità ideologica".
E poi io non creo un "Fascismo secondo Valente", sarai in caso tu che crei un "Fascismo secondo il Covo" citandomi il vostro libro. Mi avevate detto: "a che titolo parli?", e io vi dico "e voi?". Chi siete voi? Gregor? Gentile? Mosse? Talmon?
Mussolini su quell'articolo ha detto che il Fascismo non è anti-religioso, il che non c'entra niente con l'anticlericalismo. Attendo ancora uno storico che non sia il Covo (con tutto il rispetto) che avalla la tua tesi.

Citazione:
http://ilcovo.mastertopforum.net/a-lezione-vt610.html?highlight=scuola+politica

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
ù

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Chiedo scusa. Per ora non ho tempo di leggere tutte queste discussioni. Potresti riassumerle brevemente?
Tuttavia, oltre ai programmi, vorrei sapere come avete intenzione di muovervi per attuarli questi programmi. In definitiva mi interessa questo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 3:50 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Valente, sulla scia assunta ormai da tutti i nostri interlocutori di simpatie areane, difende ed apprezza la condotta politica e culturale di Casa Pound ritenendola coerente e compatibile col fascismo mentre considera il nostro operato poco più che alla stregua di dotte disquisizioni da salotto letterario, incapaci di produrre alcun effetto politico, nemmeno nel lungo periodo. Noi invece riteniamo che Casa Pound costituisca un inutile imbroglio da debellare, come tutta l’area radical destrorsa, figlio del sistema antifascista ad esso soggetto, dunque volutamente incapace di formare politicamente dei fascisti veri ma in grado di perpetuare ancora l’equivoco criminale portato avanti un tempo dall’MSI e capace solo di impedire qualsiasi seria nascita di movimenti realmente e concretamente fascisti. Ad ogni modo sappiamo che Valente nutre una compassionevole simpatia per IlCovo, allargando così ulteriormente la nutrita schiera di quelli che potremmo definire (parafrasando De Felice) i nostri fiancheggiatori. Con ciò abbiamo capito che se riusciremo a costruire col nostro metodo un efficiente soggetto politico fascista Valente sarà tra coloro che diranno che erano con noi da sempre ; mentre se costituiremo solo un cenacolo letterario senza produrre nulla Valente potrà dire che era quanto precisamente si aspettava da noi fin dall’inizio. Ne prendiamo atto e diciamo a Valente, come abbiamo già scritto a tutti gli altri simpatizzanti areani, che solo il tempo potrà dire cosa saremo in grado di fare, essendo la prima volta che qualcuno tenta di fare ciò che noi stiamo facendo. Dal punto di vista dell’ideologia fascista la condanna inappellabile per gli pseudo fascisti areani di ogni sigla invece è già stata emessa dalla Storia,proprio in virtù della loro pratica politica attuata e dei catastrofici risultati da essi conseguiti in oltre 60 anni di vita della repubblica bananara...e questo é quanto, inutile ripetersi ulterirmente, basta rileggere se non si é ben compreso. Se invece non si vuol capire vale la stessa condotta...inutile ripetersi.


Caro Marcus, io rifiuto come voi l'area "radical destrorsa" e l'ho specificato bene. Ho semplicemente detto che Cp per me fa eccezione. Magari mi sbaglio, però per adesso e per quello che ho letto e conosciuto non posso ancora esprimere un giudizio definitivo. Su questo punto possiamo divergere, ma non lo ritengo fondamentale (visto che tra l'altro non milito con Cp, anzi non ho mai militato con nessuno).

Non nutro una "compassionevole simpatia" per il Covo, bensì nutro stima per il progetto CULTURALE di questo forum. Infatti, mi pare di aver letto sul vostro statuto o altrove che la vostra associazione si risolve nel prodotto di questo forum. Quindi come associazione culturale ritengo sia valida e interessante.

Tuttavia - appurato dalle vostre risposte che il Covo ha intenzione di diventare un movimento politico e di agire concretamente all'infuori del web - ho chiesto qual è il programma politico del Covo e soprattutto come intende realizzarlo (che è la cosa più difficile). Se me lo volete dire bene, magari senza linkarmi 300 discussioni. Avete le idee chiare? spiegatemelo in 1 post.

Io non sono un vostro "fiancheggiatore", anzi ho più volte detto che mi farebbe piacere contribuire attivamente alla crescita del forum. Poi, se la mia collaborazione non è gradita, fammelo sapere.

Ad ogni modo la tua risposta, un po' troppo stizzita, non l'ho capita. Io vi porgo domande per comprendere i fini della vostra associazione, in maniera aperta e pacata (e gli altri mi stavano appunto rispondendo, in maniera decisa ma pacata). Se il mio interessamento e i miei quesiti ti recano disturbo non c'è problema, basta tu lo dica apertamente.
Però allora non ditemi che cercate di formare quadri dirigenti e di cooptare fascisti. A cooptarmi credo di aver capito che non ti interessa (a te Marcus, gli altri non lo so). Ma neanche a formare gli altri: qualcuno di voi mi aveva infatti linkato una discussione con una ragazzina di 16 anni (dico: 16 anni!!!), che vi aveva chiesto indicazioni per formare la sua conoscenza sul Fascismo; senonché, avendo ella incautamente dichiarato di far parte di CasaPound, l'avete bersagliata in 5 contro 1 (dico: 5 conto 1!!!!) obbligandola a scappare. Quali eroi! Aver demolito una ragazzina di 16 anni (ripeto: di 16 anni!!!!) che aveva chiesto consiglio a voi adulti e studiosi. Se questo per voi vuol dire formare i quadri e diffondere il verbo del Fascismo, avete preso la strada sbagliata.

Magari però questa è solo la tua visione, e gli altri non concordano (magari non del tutto).

Bene - appurato che nessuno ha tempo da perdere e non vuole ripetersi - qual è il vostro programma POLITICO? COME intendete attuarlo? La mia presenza sul forum e la mia collaborazione sono gradite?

Se risponderete a queste 3 domande - tralasciando il resto che può deviare dall'argomento principale - mi riterrò soddisfatto.

Saluti a tutti
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 10:47 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
1) che alcuni militanti abbiano le idee poco chiare è sicuro, però quelli che ho conosciuto le idee le avevano ben chiare. E poi scusa, che fai? costruisci prima lo Stato Etico Corporativo e poi fai il Mutuo Sociale? Come si dice a Roma "non mette' er caretto davanti a li bovi". Lo Stato Etico Corporativo lo costruirai gradualmente dopo che avrai preso il potere, non prima. Poi che Cp non riesca a far passare le sue istanze è da vedere: cos'è? Non si può ancora giudicare il Covo, ma Cp sì? Su, non siate facinorosi!

Dimostri di avere una scarsa concezione del progetto politico: confondere gli obiettivi di breve durata (mutuo sociale) con l'intero progetto politico (stato etico corporativo) è evidente sintomo di impreparazione politica. Il fatto che un eventuale mutuo sociale possa venire prima della costruzione di uno stato etico corporativo non giustifica in alcun modo la non conoscenza di quest'ultimo. Questa è l'impreparazione che lamento è che, secondo me è voluta. Lo scindere il fascismo in mille varianti e la confusione su quello che deve essere il fine ultimo del progetto politico (che non viene deciso da noi ma che è già stato deciso da Mussolini) sono evidenti segnali che collocano CP nella galassia dell'universo dell'area. Non a caso CP non parla di fascismo ma di "superamento del fascismo considerato per qualche misterioso motivo "sorpassato". Casualmente questo "sorpasso" coincide l'estrapolare elementi dell'ideologia fascista per coniugarli con elementi tipici delle destre. Questo non è in alcun modo ed in alcuna misura accettabile e noi ci poniamo a difesa dell'integrità ideologica del fascismo.

Citazione:
2) Ma veramente credi che tutti i compagni siano preparati?!?!?! Io ne conoscono moltissimi all'uiversità che non sanno un tubo! Non farti fregare dalla propaganda di regime, che vuole tutti i compagni dei fini intellettuali. Fa' una prova: entra in un centro sociale e chiedi un paio di cose sul Capitale. Ci sarebbe da spisciarsi delle risate. Uno dei capoccia dei collettivi universitari una volta mi disse talmente tante baggianate che l'ho rimandato a casa con una severa batosta dialettica.

infatti una delle cause della loro scomparsa dalla scena politica è proprio la scarsa preparazione che li conduce o a diventare parte integrante del mondo dellle "etichette" oppure a confluire in formazioni politiche centriste come il PD.
Conosco parecchie persone che si dicono comuniste e la mia impressione è che, a livello generale, abbiano un una preparazione un po' superiore ai militanti della destra radicale. Ad ogni modo io ritengo che l'ignoranza sul progetto politico che si vuole perseguire sia, in ogni caso, una caratteristica negativa non giustificabile nonchè un vero e proprio mezzo usato dai sistemi liberaldemocratici per ridurre la politica ad una guerra tra etichette. Ancora, l'ignoranza politica, che tu difendi e ritieni "naturale" è un elemento che favorisce l'attuale trasformismo di cui, in questo preciso momento, sia la destra che la sinistra radicale sono complici.
La nostra intransigenza non è frutto di nostre paranoie ma un preciso disegno che vuole perseguire quelli che sono gli interessi del fascismo 8e non quelli del sistema o di chissà quali partiti).

Citazione:
Però allora non ditemi che cercate di formare quadri dirigenti e di cooptare fascisti. A cooptarmi credo di aver capito che non ti interessa (a te Marcus, gli altri non lo so). Ma neanche a formare gli altri: qualcuno di voi mi aveva infatti linkato una discussione con una ragazzina di 16 anni (dico: 16 anni!!!), che vi aveva chiesto indicazioni per formare la sua conoscenza sul Fascismo; senonché, avendo ella incautamente dichiarato di far parte di CasaPound, l'avete bersagliata in 5 contro 1 (dico: 5 conto 1!!!!) obbligandola a scappare. Quali eroi! Aver demolito una ragazzina di 16 anni (ripeto: di 16 anni!!!!) che aveva chiesto consiglio a voi adulti e studiosi. Se questo per voi vuol dire formare i quadri e diffondere il verbo del Fascismo, avete preso la strada sbagliata.

Non è stato affatto bersagliata da nessuno tanto che il sottoscritto ha parlato via messaggio privato con la persona in questione proprio per darle la possibilità di esprimersi meglio.
Quello che si è cercato di far capire alal persona in questione è stato che:
1) non c'è nessuna comunione ideologica tra fascismo e nazismo (ed a CP mi pare le abbiano insegnato il contrario).
2) che non esiste alcun "fascismo moderato", "fascismo intransigente" e stupidaggini varie ma soltanto una unica ideologia fascista elaborata tramite documenti ufficiali di partito (ed a CP, ancora una volta, si dice il contrario).
3) Che non vi è alcun collegamento ideologico tra i progetti del Msi e quelli del PNF poichè si tratta di partiti animati da convinzioni profondamente diverse (ad a CP, in qualche modo, ci si sente eredi del MSI).
4) Che non vi è alcuna condivisione di ideali tra il fascismo e l'islamismo.

Le sono state indicati dei documenti da leggere per meglio comprendere l'ideologia fascista. A livello di discussione le sono stati esposte quelle che sono le contraddizioni di CP e le è stato chiesto se ne conoscesse i motivi. Se poi per te far ragionare le persone è una aggressione (esattamente come fanno tutti gli areani che temono il pensiero perchè per loro sconosciuto) allora non so cosa dirti se non che noi la pensiamo diversamente. Io ritengo che porre alle persone quesiti di questo tipo serva a farle riflettere ed a proteggerle da eventuali azioni impulsive dettate solo dall'istinto e dal sentimento.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 12:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dvx87 ha scritto:
Citazione:
1) che alcuni militanti abbiano le idee poco chiare è sicuro, però quelli che ho conosciuto le idee le avevano ben chiare. E poi scusa, che fai? costruisci prima lo Stato Etico Corporativo e poi fai il Mutuo Sociale? Come si dice a Roma "non mette' er caretto davanti a li bovi". Lo Stato Etico Corporativo lo costruirai gradualmente dopo che avrai preso il potere, non prima. Poi che Cp non riesca a far passare le sue istanze è da vedere: cos'è? Non si può ancora giudicare il Covo, ma Cp sì? Su, non siate facinorosi!

Dimostri di avere una scarsa concezione del progetto politico: confondere gli obiettivi di breve durata (mutuo sociale) con l'intero progetto politico (stato etico corporativo) è evidente sintomo di impreparazione politica. Il fatto che un eventuale mutuo sociale possa venire prima della costruzione di uno stato etico corporativo non giustifica in alcun modo la non conoscenza di quest'ultimo. Questa è l'impreparazione che lamento è che, secondo me è voluta. Lo scindere il fascismo in mille varianti e la confusione su quello che deve essere il fine ultimo del progetto politico (che non viene deciso da noi ma che è già stato deciso da Mussolini) sono evidenti segnali che collocano CP nella galassia dell'universo dell'area. Non a caso CP non parla di fascismo ma di "superamento del fascismo considerato per qualche misterioso motivo "sorpassato". Casualmente questo "sorpasso" coincide l'estrapolare elementi dell'ideologia fascista per coniugarli con elementi tipici delle destre. Questo non è in alcun modo ed in alcuna misura accettabile e noi ci poniamo a difesa dell'integrità ideologica del fascismo.

Citazione:
2) Ma veramente credi che tutti i compagni siano preparati?!?!?! Io ne conoscono moltissimi all'uiversità che non sanno un tubo! Non farti fregare dalla propaganda di regime, che vuole tutti i compagni dei fini intellettuali. Fa' una prova: entra in un centro sociale e chiedi un paio di cose sul Capitale. Ci sarebbe da spisciarsi delle risate. Uno dei capoccia dei collettivi universitari una volta mi disse talmente tante baggianate che l'ho rimandato a casa con una severa batosta dialettica.

infatti una delle cause della loro scomparsa dalla scena politica è proprio la scarsa preparazione che li conduce o a diventare parte integrante del mondo dellle "etichette" oppure a confluire in formazioni politiche centriste come il PD.
Conosco parecchie persone che si dicono comuniste e la mia impressione è che, a livello generale, abbiano un una preparazione un po' superiore ai militanti della destra radicale. Ad ogni modo io ritengo che l'ignoranza sul progetto politico che si vuole perseguire sia, in ogni caso, una caratteristica negativa non giustificabile nonchè un vero e proprio mezzo usato dai sistemi liberaldemocratici per ridurre la politica ad una guerra tra etichette. Ancora, l'ignoranza politica, che tu difendi e ritieni "naturale" è un elemento che favorisce l'attuale trasformismo di cui, in questo preciso momento, sia la destra che la sinistra radicale sono complici.
La nostra intransigenza non è frutto di nostre paranoie ma un preciso disegno che vuole perseguire quelli che sono gli interessi del fascismo 8e non quelli del sistema o di chissà quali partiti).

Citazione:
Però allora non ditemi che cercate di formare quadri dirigenti e di cooptare fascisti. A cooptarmi credo di aver capito che non ti interessa (a te Marcus, gli altri non lo so). Ma neanche a formare gli altri: qualcuno di voi mi aveva infatti linkato una discussione con una ragazzina di 16 anni (dico: 16 anni!!!), che vi aveva chiesto indicazioni per formare la sua conoscenza sul Fascismo; senonché, avendo ella incautamente dichiarato di far parte di CasaPound, l'avete bersagliata in 5 contro 1 (dico: 5 conto 1!!!!) obbligandola a scappare. Quali eroi! Aver demolito una ragazzina di 16 anni (ripeto: di 16 anni!!!!) che aveva chiesto consiglio a voi adulti e studiosi. Se questo per voi vuol dire formare i quadri e diffondere il verbo del Fascismo, avete preso la strada sbagliata.

Non è stato affatto bersagliata da nessuno tanto che il sottoscritto ha parlato via messaggio privato con la persona in questione proprio per darle la possibilità di esprimersi meglio.
Quello che si è cercato di far capire alal persona in questione è stato che:
1) non c'è nessuna comunione ideologica tra fascismo e nazismo (ed a CP mi pare le abbiano insegnato il contrario).
2) che non esiste alcun "fascismo moderato", "fascismo intransigente" e stupidaggini varie ma soltanto una unica ideologia fascista elaborata tramite documenti ufficiali di partito (ed a CP, ancora una volta, si dice il contrario).
3) Che non vi è alcun collegamento ideologico tra i progetti del Msi e quelli del PNF poichè si tratta di partiti animati da convinzioni profondamente diverse (ad a CP, in qualche modo, ci si sente eredi del MSI).
4) Che non vi è alcuna condivisione di ideali tra il fascismo e l'islamismo.

Le sono state indicati dei documenti da leggere per meglio comprendere l'ideologia fascista. A livello di discussione le sono stati esposte quelle che sono le contraddizioni di CP e le è stato chiesto se ne conoscesse i motivi. Se poi per te far ragionare le persone è una aggressione (esattamente come fanno tutti gli areani che temono il pensiero perchè per loro sconosciuto) allora non so cosa dirti se non che noi la pensiamo diversamente. Io ritengo che porre alle persone quesiti di questo tipo serva a farle riflettere ed a proteggerle da eventuali azioni impulsive dettate solo dall'istinto e dal sentimento.


Vogliamo divagare? Bene, divaghiamo. Ho posto 3 domande, non mi hai risposto neanche ad uno. Mi hai parlato ancora di Cp, dicendo tra l'altro cose che non ho letto in nessun loro scritto né tantomeno alcuni di loro mi avevano indicato. Ma a me di Cp infine importa poco, visto che non vi ho riposto le mie speranze di rinascita fascista, ma penso solo sia un progetto interessante, nient'altro. La pensiamo diversamente, amen. Vogliamo andare avanti?

Quindi la vostra ricetta per l'Italia è lo Stato Etico Corporativo. Questo? Oddio, che scoperta! Che illuminazione! Questo lo dicono tutti da 60 anni! Evidentemente tutti hanno fallito perché non hanno trovato il modo di (ri)attuarlo, hanno deviato dal suo insegnamento, oppure, pur non deviando, si sono rivelati velleitari per incapacità d'azione. Vuoi fare un progetto a lungo termine? Giustissimo: sono d'accordo. Però, a meno che tu non voglia agire tra altri 60 anni, devi anche agire nel breve e nel medio termine, no? Magari il breve termine sarà formare i quadri dirigenti e reclutare fascisti: Sbaglio? Bene: quanti quadri vi servono e quanti effettivi per cominciare ad agire politicamente? E poi che vuoi fare? Come vuoi cominciare ad agire? Aprirai una sede? Dialogherai con le istituzioni (non parlo di collusioni)? Attaccherai manifesti? Organizzerai conferenze nella tua sede? Organizzerai volontariato per la povera gente? Cercherai di creare un luogo di aggregazione sociale, tipo bocciofila, campo di calcetto o roba del genere? Io credo tu debba cominciare con qualcosa del genere, non dallo Stato Etico, sebbene questo debba essere giustamente il fine a lunghissimo termine.

Allora, mi vuoi rispondere a queste domande, oppure vuoi continuare a glissare?

p.s. mi spiace qualche tono si sia alzato, non era tra i miei propositi, ma voglio solo conoscervi meglio e intendere a dovere il vostro progetto politico.

Grazie
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 12:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:

Vogliamo divagare? Bene, divaghiamo. Ho posto 3 domande, non mi hai risposto neanche ad uno. Mi hai parlato ancora di Cp, dicendo tra l'altro cose che non ho letto in nessun loro scritto né tantomeno alcuni di loro mi avevano indicato. Ma a me di Cp infine importa poco, visto che non vi ho riposto le mie speranze di rinascita fascista, ma penso solo sia un progetto interessante, nient'altro. La pensiamo diversamente, amen. Vogliamo andare avanti?

Quelle domande le hai poste a Marcus non a me: io mi sono limitato a rispondere alle obiezioni che tu avevi sollevato ad un mio post. Preferisco sia Marcus a darti la risposta a quelle tre domande che hai posto.

Citazione:
Quindi la vostra ricetta per l'Italia è lo Stato Etico Corporativo. Questo? Oddio, che scoperta! Che illuminazione! Questo lo dicono tutti da 60 anni! Evidentemente tutti hanno fallito perché non hanno trovato il modo di (ri)attuarlo, hanno deviato dal suo insegnamento, oppure, pur non deviando, si sono rivelati velleitari per incapacità d'azione.

Il loro progetto non è mai stato quello ma l'intento di creare un partito di destra conservatrice perfettamente integrato ne sistema vigente come affermato dagli stessi quadri dirigenti del MSI (a cui tutta l'area si ispira). Lo stato etico corporativo ed i valori della destra conservatrice sono due tipi di ideologia non conciliabili.

Citazione:
Vuoi fare un progetto a lungo termine? Giustissimo: sono d'accordo. Però, a meno che tu non voglia agire tra altri 60 anni, devi anche agire nel breve e nel medio termine, no? Magari il breve termine sarà formare i quadri dirigenti e reclutare fascisti: Sbaglio? Bene: quanti quadri vi servono e quanti effettivi per cominciare ad agire politicamente? E poi che vuoi fare? Come vuoi cominciare ad agire? Aprirai una sede? Dialogherai con le istituzioni (non parlo di collusioni)? Attaccherai manifesti? Organizzerai conferenze nella tua sede? Organizzerai volontariato per la povera gente? Cercherai di creare un luogo di aggregazione sociale, tipo bocciofila, campo di calcetto o roba del genere? Io credo tu debba cominciare con qualcosa del genere, non dallo Stato Etico, sebbene questo debba essere giustamente il fine a lunghissimo termine.

Ti sei risposto da solo!
Per il momento cerchiamo di diffondere il libro in ambito accademico, di presentarlo in via ufficiale e, magari, di riuscire a trovare un editore che possa distribuire il libro non solo su internet ma anche nelle librerie.
Contemporaneamente il forum agisce da rivista informatica rivolta sopratutto ai giovani volenterosi di studiare cosa è stato il fascismo. Da questi giovani nasceranno, si spera i quadri dirigenti. Ovviamente, come ogni progetto fondato sui giovani, necessita di lunghi periodi di maturazione quindi, se cerchi un movimento che possa agire subito ed in grande, questo è il posto sbagliato perchè qui si è deciso di agire in altro modo.
Per farti un paragone calcistico valido: se decidi di ricostruire una squadra partendo da giocatori giovani (età 18-22 max) scordati di vincere la champions league in tempi brevi: quando i giovani matureranno e, si spera, diventeranno dei campioni potrai pensare a vincere quella competizione.
L'approccio che noi abbiamo scelto è quest'ultimo e, a nostra opinione, ci ha portato, per il momento, ad un discreto successo sul web (visto che, tra l'altro, esistiamo da pochissimo). Se poi tu avessi guardato meglio i topic presenti sul forum, ti saresti anche accorto che ci stiamo accingendo proprio a portare a termine un determinato progetto...

Ora mi dirai che non ho risposto alle due domande: è vero ma, come ti ho detto sin dal principio, sarà marcus a rispondere a quelle tre domande che gli hai posto.


Citazione:
p.s. mi spiace qualche tono si sia alzato, non era tra i miei propositi, ma voglio solo conoscervi meglio e intendere a dovere il vostro progetto politico.

non mi pare che il tono si sia alzato, mi pare si stia soltanto dialogando (dopotutto non mi piacciono gli ambienti dove tutti vanno sempre d'amore e d'accordo).
Ad ogni modo, se vuoi avere ulteriori spiegazioni potresti anche contattare privatamente uno di noi se ti è più comodo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 12:40 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dvx87 ha scritto:
Citazione:

Vogliamo divagare? Bene, divaghiamo. Ho posto 3 domande, non mi hai risposto neanche ad uno. Mi hai parlato ancora di Cp, dicendo tra l'altro cose che non ho letto in nessun loro scritto né tantomeno alcuni di loro mi avevano indicato. Ma a me di Cp infine importa poco, visto che non vi ho riposto le mie speranze di rinascita fascista, ma penso solo sia un progetto interessante, nient'altro. La pensiamo diversamente, amen. Vogliamo andare avanti?

Quelle domande le hai poste a Marcus non a me: io mi sono limitato a rispondere alle obiezioni che tu avevi sollevato ad un mio post. Preferisco sia Marcus a darti la risposta a quelle tre domande che hai posto.

Citazione:
Quindi la vostra ricetta per l'Italia è lo Stato Etico Corporativo. Questo? Oddio, che scoperta! Che illuminazione! Questo lo dicono tutti da 60 anni! Evidentemente tutti hanno fallito perché non hanno trovato il modo di (ri)attuarlo, hanno deviato dal suo insegnamento, oppure, pur non deviando, si sono rivelati velleitari per incapacità d'azione.

Il loro progetto non è mai stato quello ma l'intento di creare un partito di destra conservatrice perfettamente integrato ne sistema vigente come affermato dagli stessi quadri dirigenti del MSI (a cui tutta l'area si ispira). Lo stato etico corporativo ed i valori della destra conservatrice sono due tipi di ideologia non conciliabili.

Citazione:
Vuoi fare un progetto a lungo termine? Giustissimo: sono d'accordo. Però, a meno che tu non voglia agire tra altri 60 anni, devi anche agire nel breve e nel medio termine, no? Magari il breve termine sarà formare i quadri dirigenti e reclutare fascisti: Sbaglio? Bene: quanti quadri vi servono e quanti effettivi per cominciare ad agire politicamente? E poi che vuoi fare? Come vuoi cominciare ad agire? Aprirai una sede? Dialogherai con le istituzioni (non parlo di collusioni)? Attaccherai manifesti? Organizzerai conferenze nella tua sede? Organizzerai volontariato per la povera gente? Cercherai di creare un luogo di aggregazione sociale, tipo bocciofila, campo di calcetto o roba del genere? Io credo tu debba cominciare con qualcosa del genere, non dallo Stato Etico, sebbene questo debba essere giustamente il fine a lunghissimo termine.

Ti sei risposto da solo!
Per il momento cerchiamo di diffondere il libro in ambito accademico, di presentarlo in via ufficiale e, magari, di riuscire a trovare un editore che possa distribuire il libro non solo su internet ma anche nelle librerie.
Contemporaneamente il forum agisce da rivista informatica rivolta sopratutto ai giovani volenterosi di studiare cosa è stato il fascismo. Da questi giovani nasceranno, si spera i quadri dirigenti. Ovviamente, come ogni progetto fondato sui giovani, necessita di lunghi periodi di maturazione quindi, se cerchi un movimento che possa agire subito ed in grande, questo è il posto sbagliato perchè qui si è deciso di agire in altro modo.
Per farti un paragone calcistico valido: se decidi di ricostruire una squadra partendo da giocatori giovani (età 18-22 max) scordati di vincere la champions league in tempi brevi: quando i giovani matureranno e, si spera, diventeranno dei campioni potrai pensare a vincere quella competizione.
L'approccio che noi abbiamo scelto è quest'ultimo e, a nostra opinione, ci ha portato, per il momento, ad un discreto successo sul web (visto che, tra l'altro, esistiamo da pochissimo). Se poi tu avessi guardato meglio i topic presenti sul forum, ti saresti anche accorto che ci stiamo accingendo proprio a portare a termine un determinato progetto...

Ora mi dirai che non ho risposto alle due domande: è vero ma, come ti ho detto sin dal principio, sarà marcus a rispondere a quelle tre domande che gli hai posto.


Citazione:
p.s. mi spiace qualche tono si sia alzato, non era tra i miei propositi, ma voglio solo conoscervi meglio e intendere a dovere il vostro progetto politico.

non mi pare che il tono si sia alzato, mi pare si stia soltanto dialogando (dopotutto non mi piacciono gli ambienti dove tutti vanno sempre d'amore e d'accordo).
Ad ogni modo, se vuoi avere ulteriori spiegazioni potresti anche contattare privatamente uno di noi se ti è più comodo.


Va bene, se non vuoi rispondere non fa niente. Attenderò le risposte di Marcus, che credo sia tra i responsabili. Se volete lasciarmi un recapito, per me va bene.

Infine sul tuo paragone. Non dico che devi puntare alla Champions con una squadra di giovani, ma a cosa? alla salvezza? Alla zona uefa? E se la champions è lo Stato etico, cos'è la salvezza? cosa la zona uefa?
Vabbè, il ct marcus saprà rispondermi Very Happy
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
antimodes
Cittadino Fascista
Cittadino Fascista



Registrato: 29/01/09 16:32
Messaggi: 444
Località: Roma

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 2:13 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Perdonatemi se mi intrometto in questa discussione ma io, come credo altri, abbiamo seguito in queste ultime ore questo acceso dibattito tra Valente ed alcuni "Cittadini" del Covo.

Ebbene, secondo quanto ho compreso, Valente potrebbe anche avere ragione di affermare che i movimenti di destra presenti nel nostro territorio propongano o facciano azioni di cui noi del forum li abbiamo nei nostri sogni. Potrebbe anche aver ragione del fatto che loro militino in mezzo alla gente e che abbiano svarati centinaia (o migliaia) di seguaci sparsi per tutto il territorio italiano in confronto al nostro gruppetto. Potrebbe anche aver ragione di criticarci se non facciamo praticamente nulla per uscire fuori da questo "Covo"...

Beh, ad essere sincero, questo dibattito venuto fuori tra Valente e noi, includendo anche i tanti altri militanti di destra moderna che si sono affacciati nel nostro forum, hanno solo definito il nostro operato, a loro dire, troppo statico. Proposte, militanza e azione, questo è quello che ci verrebbe richiesto. Ma per chi ? Per quali personaggi ? Per quale gruppo di persone ? Ma soprattutto per soddisfare quale strano pensiero ?
Noi attraverso internet entriamo nelle case distribuendo la conoscenza online, attraverso un libro regaliamo la possibilità di comprendere il pensiero, attraverso un
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
renderemo visibile a chiunque il segno del nostro passaggio; tutto questo a favore di un verbo "passato" da oltre 70 anni ma limpido, unico e stabile. Io, come altri, diffondiamo la conoscenza di questo forum ed anche se abbiamo pochi iscritti, hanno un grado di preparazione più ampio di quei "simpatizzanti" che si vedono per strada o sui video. Perchè creare confusione alzando più voci quando una sola ed unica è udibile in sottofondo ? Non si può immaginare quante persone abbiamo consigliato di venire qui per toccare con "mano" il nostro credo. E i
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
della nostra associazione parlano da soli. Wink

La mia non è: nè una critica a chi ci vorrebbe più militanti nè a chi sta lavorando per la nostra causa, è solo e semplicemente una mia osservazione Smile

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 2:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Io sono d'accordo con te quando affermi che il Fascismo non fu anticlericale. Ma visto che la Dottrina del Fascismo non nasce dall'oggi al domani (e questo non lo dico io, ma lo stesso Gregor), avevo fatto notare che per esempio a San Sepolcro un punto era chiaramente anticlericale. Poi col tempo il Fascismo rinunciò a quel punto programmatico e arrivò a stipulare i Patti Lateranensi. Punto. Quindi, io non ho mai affermato che il Fascismo, e in special modo nella sua maturazione dottrinale, fosse anticlericale. Ti pregherei quindi di non mettermi in bocca cose che non ho detto.


Non capisco questa tua tendenza a voler "spezzettare" il Fascismo, come se i Fasci di Combattimento fossero tutt'altra cosa rispetto il PNF.
Il Fascismo è un movimento politico che va dal 1919 al 1945. Esso non fu movimento anticlericale in nessun frangente della sua storia. Quindi la tua affermazione è semplicemente pretestuosa.

Nessuna ideologia nasce dall'oggi al domani, questo è verissimo. Il Fascismo fu infatti il risultato di un lungo processo, già nel 1919 i caposaldi della Dottrina Fascista erano chiarissimi e bene esplicati dai suoi ideologi. Gregor (che dici di aver letto), dopo aver analizzato dettagliatamente questo processo e avere affermato che già nel 1915 Mussolini aveva le "idee chiarissime", scrive:

Nel marzo del 1919, dunque, il programma e la strategia generale del Fascismo erano già chiari. Le formulazioni teoriche ed interpretative erano ereditate dal passato socialista di Mussolini. Negli anni successivi alla fondazione dei Fasci, fino alla Marcia su Roma, questo fatto fu evidente in tutto quanto Mussolini disse e scrisse.
(pag. 84)

La tua affermazione, ripeto, è solo pretestuosa. Nel programma non si fa alcun accenno ad alcun anticlericalismo. Il Fascismo elaborava in conformità con la sua teoria Sindacalista le soluzioni meno traumatiche dal punto di vista sociale per quanto concerneva il problema immediato delle finanze.
Difatti nel successivo compendio dottrinario, Orientamenti Teorici e Postulati Pratici dei Fasci di Combattimento, appare chiaro quanto questo postulato fosse un MEZZO ECONOMICO, poi abbandonato perchè i debiti contratti si poterono annullare in altri modi:

Postulati di carattere immediato.

A) Una forte imposta straordinaria sul capitale a carattere progressivo che abbia la forma di vera espropriazione parziale di tutte le ricchezze, da pagarsi in un termine di tempo assai breve;
b) il sequestro di tutti i beni delle Congregazioni religiose e l'abolizione di tutte le mense vescovili che costituiscono una enorme passività per la Nazione e un privilegio di pochi;
c) la revisione di tutti i contratti di forniture di guerra, ed il sequestro dei sopra profitti di guerra lasciati improduttivi;
d) tassazione onerosa delle eredità;
e) tutti quei provvedimenti fiscali che si rendano necessari per accelerare il risanamento dei bilanci statali.


Citazione:
Poi tu mi parli giustamente di antipregiudiziale (io avevo detto mussolinianamente "chiesa di tutte le eresie"), e poi dài dell'antifascista a tutti (magari pure a me?), e mi parli di "rigidità ideologica".
E poi io non creo un "Fascismo secondo Valente", sarai in caso tu che crei un "Fascismo secondo il Covo" citandomi il vostro libro. Mi avevate detto: "a che titolo parli?", e io vi dico "e voi?". Chi siete voi? Gregor? Gentile? Mosse? Talmon?
Mussolini su quell'articolo ha detto che il Fascismo non è anti-religioso, il che non c'entra niente con l'anticlericalismo. Attendo ancora uno storico che non sia il Covo (con tutto il rispetto) che avalla la tua tesi.


Polemica a parte, vedo che non sai leggere nemmeno la lingua italiana.
Ho infatti scritto:

Il Fascismo è ANTIPREGIUDIZIALISTA circa i mezzi da adottare per il proprio fine

Il Fascismo ha come fondamento una grande adattabilità pratica alle mutevoli situazioni! Ma tale adattabilità NON NEGOZIA sui suoi Principi Politici! Essi sono IMMUTABILI, perchè come bene immagini chi cambia principi politici CAMBIA IDEA POLITICA!
In sostanza: il Fascismo è pragmatico sui mezzi, non sui fini, i quali mezzi si adattano alla realtà reale e non la piegano invece ai dogmi dell'ideologia (come liberismo e soprattutto, marxismo). Ciò è l'antipregiudizialismo fascista.

Tra questi mezzi, ripeto, vi era l'espropriazione delle ricchezze delle congregazioni religiose per far fronte alla crisi economica he attanagliava l'Italia all'indomani della Grande Guerra, ma di ANTICLERICALISMI non ne vedo!

Infine, non ho bisogno di citarti storici e quant'altro, mi basta leggere quanto scriveva Benito Mussolini e quanto scrivevano gli ideologi del Fascismo per capire cosa fosse lo stesso. E nel manifesto di san sepolcro, checchè tu ne voglia, non vedo alcun accenno di anticlericalismo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Dom Giu 14, 2009 2:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

permettetemi di intervenire per chiarire soltanto una questione su cui non si può dibattere perchè si tratta di una realtà oggettiva dell'epoca moderna: il fatto che i movimenti politici moderni basino la loro legittimità sulla connessione tra potere politico e scienze umane. Conseguenza diretta è il fatto che ogni ideologia che accetta la modernità, accetta anche di avere una base teorica razionale fondata sulle scienze umane. Il fascismo, accettando la modernità, accetta anche questo presupposto: infatti anche a suo tempo l'ideologia fascista faceva leva su parecchi studi sociali condotti da personaggi di prim'ordine. Il libro "Identità Fascista" non costituisce una opinione personale del covo ma una teoria scientifica oggettiva dotata di riconoscimento accademico internazionale rilasciato da quelli che, attualmente, sono i personaggi che hanno prodotto le teorie scientifiche più oggettive riguardo l'ideologia scientifica. Questo significa che per mettere in discussione i contenuti di suddetto libro, occorre prendere in considerazioni le regole della scienza. Quindi chi critica "Identità Fascista" (e gli studi di Gregor, Sterhell e De Felice) non solo deve mettere in evidenza le aporie presenti in tali studi ma deve anche proporre una nuova interpretazione che spieghi già tutto quello che i precedenti studi già spiegano.
Non ho dubbio che questo discorso disgusta una destra radicale che, a conti fatti, non ha ancora accettato la modernità (ma questo non ci riguarda).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Edicola Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Pagina 5 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006