Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
A cosa SERVE Grillo? A QUELLO CHE DICIAMO NOI!
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Le Inchieste de IlCovo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2598
Località: Palermo

MessaggioInviato: Mer Giu 20, 2012 12:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...ecco un' analisi scevra di pregiudizi ma assai acuta in merito alla natura politica del movimento politico grillino che, non a caso, perviene a giudizi simili a quelli che al riguardo manifestiamo da tempo su IlCovo. Meditate!

Grillo, un uomo qualunque

Beppe Grillo è un mito. Lo seguo da moltissimi anni e da moltissimi anni credo che sia un valore aggiunto. Dopo la censura subita negli anni passati è riuscito a fare un business delle sue rivendicazioni, delle sue accuse e delle sue invettive. Oggi, però, Beppe ha intrapreso una strada senza volerne fare i conti. Incerto se passare dalla comicità alla politica, ha creduto che non ci fosse distinzione tra arte e scienza ed ha deciso di vivere in un limbo pericoloso dove la politica è spiegabile con la comicità e la comicità con la politica. Grillo rappresenta perfettamente la situazione che stiamo vivendo. Purtroppo per lui, la politica non può essere oggetto di sintesi, la politica è una scienza e in quanto tale, con le sue leggi, richiede degli scienziati così come la fisica o la chimica.

L'esperienza grillina rispecchia completamente la ciclicità delle umane vicende e per questo motivo ho approfondito le affinità che il suo movimento/partito ha con partiti o esperienze politiche del passato. La più eclatante è quella del Fronte dell'Uomo Qualunque, un partito fondato da Guglielmo Giannini nel 1946. L'Uomo Qualunque nasce da un periodico in aperto contrasto con la politica che prende a storpiare i nomi dei politici (da Calamandrei a Caccamadrei, da Salvatorelli a Servitorelli), ripudia la loro rieleggibilità (massimo un mandato), ripudia l'ideologia e rivendica l'arte della politica come pura amministrazione. L'Uomo Qualunque non ha bisogno di uno stato etico, ripudia il comunismo, il capitalismo corporativo e si propone di combattere per il liberismo individuale e l'abbattimento della pressione fiscale. Alle elezioni per l'Assemblea Costituente il partito, dichiaratamente liberale ma appoggiato dalle Squadre Armate Mussoliniane, dai Fasci d'Azione Rivoluzionaria e da molti altri gruppi filofascisti, raggiunse il 5,3%, diventando il quinto partito italiano. In parlamento attaccò l'unità tra Dc e Pci e, con l'estromissione di quest'ultimo, ne prese prima il posto e finì, quindi, per sciogliersi, data l'incoerenza, nel Partito Monarchico e nel Movimento Sociale Italiano.



Grillo, oggi, parla dei manovali rumeni che ruberebbero il posto di lavoro agli italiani (ho troppa stima in lui per pensare che possa crederci realmente), vorrebbe negare la cittadinanza italiana ai figli di immigrati, si allea con l'estrema destra (Casapound) in Trentino e sostiene che ci sia un complotto contro la Lega e contro Bossi. Tempo fa sosteneva che un'evasore fosse tre volte ladro ed ora lo legittima, sosteneva la necessità di un governo tecnico mentre ora lo osteggia. Non accetta il contraddittorio. Il suo partito manca di democrazia interna. Usa l'arma del suo mestiere come verga sui politicanti nullafacenti al pari del politico imprenditore del più recente passato. Cambia posizione a seconda delle convenienze. Dice vere e proprie bugie pur di calamitare voti e punta ad acuire le differenze tra sé e gli altri (ingroup contro outgroup). Grillo non è né Berlusconi né Bossi né tantomeno Di Pietro ma li ha studiati ben bene. Grillo è semplicemente un uomo qualunque, un qualunquista. Una cultura e un'intelligenza qualunque nelle mani di un grande comico. Un manipolatore. Un grande comunicatore. Un politico più politico dei politicanti romani. Un uomo che sa far parlare di sé.

Dopo un'intensa censura, in questi giorni i media hanno finalmente preso a parlare del suo exploit. In questo modo, i partiti, che fino ad ora hanno sofferto la concorrenza al buio del MoVimento Cinque Stelle, potranno portar agli occhi del cittadino anche i suoi aspetti negativi fin'ora idealizzati. Da valore aggiunto, ben presto, se lo scenario politico ed economico non dovesse precipitare ancor più, Grillo si rivelerà una palla al piede per il suo partito. Un peso morto che rende inaccessibile al grosso dell'elettorato idee più che condivisibili. Una riedizione del salvatore della patria italiano. Il M5S non è Grillo ma una sua struttura d'appoggio, una sua protesi e difatti non c'è comune italiano impegnato nella prossima tornata elettorale che non sia stato visitato dal comico. Grillo parla per 45 minuti su 60 complessivi. I restanti 15 minuti se li spartiscono i veri candidati. E' lui il proprietario del marchio e solo pochi giorni fa ha minacciato ripercussioni alla minima diserzione. Questo suo reincarnare i vizi del politico padrone a così breve distanza dallo shock berlusconiano/antiberlusconiano terrà alla larga innanzitutto quell'elettorato che in questi vent'anni ha combatutto vivacemente una deriva del genere.


Purtroppo per i suoi sostenitori più accaniti, al via della prossima campagna elettorale il movimento si ridimensionerà. Verrà abbandonato da molti, non potendosi schierare, rischiando di creare instabilità, essendo egli stesso nel linguaggio e nell'elettorato, una sintesi di troppe idee e troppe ideologie. Il rischio del né carne né pesce. Lo stile del linguaggio grillino, nonostante le dovute differenze, è molto vicino a quello usato in questi 20 anni da Berlusconi, Bossi e Di Pietro ed è proprio per questo motivo che il suo elettorato è costituito per il 90% da gente che nel 2008 o non è andata a votare o ha votato per l'Italia dei Valori o per la Lega o per il Popolo della Libertà. Su un totale del 6% solo lo 0,7% proviene da Pd, Sel o dalla sinistra radicale. Proprio in virtù di questo linguaggio onnicomprensivo e dell'effetto del voto utile, difficilmente il movimento potrà essere in grado di tenere a bada una base così eterogenea. Forza Italia vedeva le sue radici attecchire nell'elettorato del pentapartito contro il pericolo comunista, la Lega aveva il collante della secessione mentre l'Idv quello dell'antiberlusconismo. Tutte cose che il movimento non ha. Una volta cavalcata l'onda dell'indignazione, venuta meno questa, verrà meno il supporto.


Joseph Pulitzer sosteneva: "Non esiste delitto, inganno, trucco, imbroglio e vizio che non vivano della loro segretezza. Portate alla luce del giorno questi segreti, descriveteli, rendeteli ridicoli agli occhi di tutti e prima o poi la pubblica opinione li getterà via. La sola divulgazione di per sé non è forse sufficiente, ma è l'unico mezzo senza il quale falliscono tutti gli altri". E' pronto Beppe Grillo alla prova del fuoco?



Luigi De Michele

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
antimodes
Cittadino Fascista
Cittadino Fascista



Registrato: 29/01/09 16:32
Messaggi: 444
Località: Roma

MessaggioInviato: Mer Giu 20, 2012 1:52 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marcus ha scritto:

[...]Il rischio del né carne né pesce. Lo stile del linguaggio grillino, nonostante le dovute differenze, è molto vicino a quello usato in questi 20 anni da Berlusconi, Bossi e Di Pietro ed è proprio per questo motivo che il suo elettorato è costituito per il 90% da gente che nel 2008 o non è andata a votare o ha votato per l'Italia dei Valori o per la Lega o per il Popolo della Libertà. [...]



Quello che ovunque vado dicendo io alla gente e che accomuna la Nostra idea, discutendone anche con RomaInvicta diverso tempo fa : Grillo non ha una direzione, un'ideologia, un traguardo; deve solo rompe li zebedei a questo sistema partitico in modo che la gente pensi ad un cambiamento quando invece è tutto uguale a prima! ahah...

...e pensare che tanta gente ci sta cascando (in primis quei poveri "polli" dei miei genitori...)

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Gio Lug 26, 2012 5:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ITALIANI BOVI CHE NON SIETE ALTRO, LEGGETE:

Di Pietro lancia l'asse dei "non allineati"
«Idv con Sel e Grillo: ci temono»

ROMA - Un asse tra «non allineati», che raggruppi forze politiche come Idv e Sel, ma anche il Movimento Cinque Stelle, al momento «messi ai margini» da Pd e Pdl. È il progetto che Antonio Di Pietro spera possa concretizzarsi. «La vera ragione per cui non non trovano l'accordo sulla legge elettorale è perché non sanno più quale può essere la lista che potrebbe ottenere la maggioranza dei voti», dice a chi gli chiede se sia nell'aria un accordo elettorale con Grillo.

«Temono i non allineati e fanno bene. A buon intenditor poche parole...», aggiunge il leader Idv. A confermare che si sta lavorando al progetto è anche la frequenza dei contatti tra Di Pietro e Vendola: «L'ho visto questa mattina, poi l'ho sentito al telefono. Ci sentiamo continuamente», dice Di Pietro.

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Gio Lug 26, 2012 5:55 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ECCO LA "NOVITA' "......

Ma la cosa più demoralizzante sono i commenti inseriti dagli utenti del Mattino....

MI SA' CHE PER LORO IL "MATTINO" NON S'E' FATTO! NO! E' NOTTE FONDA!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Ven Lug 27, 2012 1:26 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Altro giro, altra corsa.

Stavolta i "non allineati" giocano a darsi del Fascista con i democristiani e viceversa...

E, come ripeto, la strategia antifascista è operante:

Casini, fascista il video di Idv
Di Pietro replica, fascista è chi ha governato con i fascisti
27 luglio, 11:55


(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "Ho visto il video che Di Pietro diffonde in rete, è di chiara matrice fascista". Lo afferma il leader Udc, Pier Ferdinando Casini facendo riferimento al video apparso sul sito dell'Idv il cui 'montaggio' alterna immagini 'ufficiali' di Di Pietro con scene tratte da film horror nelle quali ai volti degli zombie vengono sovrapposti quelli dei leader della maggioranza e dello stesso Monti. "Fascista - replica Di Pietro - è chi ha governato con i fascisti. E' urgente riunire i non allineati".

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Ven Lug 27, 2012 5:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...nel frattempo Grillo vuole la proposta formale. Che vedrete arriverà presto.

Grillo: "Non ci alleiamo con nessuno e nessuno ce lo ha proposto"

Il leader del Movimento 5 stelle risponde dal suo blog ad Antonio Di Pietro che aveva lanciato segnali ai 'non allineati'. Martedì Bersani presenta la 'Carta d'intenti per il patto dei democratici e dei progressisti'


ROMA - Beppe Grillo gela Antonio Di Pietro. "Il Movimento 5 Stelle non si alleerà con nessun partito per le prossime elezioni e non ha ricevuto proposte da parte di alcuno". Sono solo due righe, addirittura relegate a post scriptum in coda a un lungo post sui 'Nuovi colonialisti', ma sono due righe chiarissime che, è facile prevederlo, provocheranno reazioni. Grillo sembra rispondere così, negativamente, ai segnali lanciati ieri da Antonio Di Pietro 1 ai futuribili 'non allineati' Grillo e Vendola, anche se la linea del non fare alleanze con nessuno era stata già esplicitata in passato e, oggi, non viene messa in relazione a nessun potenziale interlocutore in particolare.

Già ieri, comunque, la strana alleanza di tutti i contrari al governo Monti aveva ricevuto una risposta molto cauta dal governatore della Puglia che aveva detto: "Tutto si deciderà quando saremo sotto". Insomma un rinvio, nella speranza di un recupero del rapporto tra Idv e Pd.

Bersani martedì presenta 'Carta d'intenti'. Sempre nell'ambito delle grandi manovre in vista delle alleanze elettorali, si segnala l'annuncio ufficiale della 'Carta d'intenti per il patto dei democratici e dei progressisti' di Pier Luigi Bersani. Sarà presentata martedì alle 11 presso il Tempio di Adriano, a Roma. "Questo

patto - si legge nella Carta d'intenti- si rivolgerà non solo alle forze politiche di ispirazione democratica e progressista, ma ad associazioni e movimenti, agli amministratori, alla cittadinanza attiva e alle personalità che intendano concorrere a un progetto di governo in grado di affrontare la grande crisi che stiamo vivendo." Nell'agenda di inizio agosto del segretario, comunque, non è previsto alcun incontro con Antonio Di Pietro.

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2598
Località: Palermo

MessaggioInviato: Ven Set 07, 2012 12:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...e come ogni borghesissimo gruppo politico della repubblica bananara che non ha alcuna vera intenzione di rivoluzionare alcunché nella vita del popolo, anche nel movimento di Grillo ci si accapiglia per la possibilità di primeggiare da parte dei singoli aderenti al fine di apparire...manie da protagonismo ed individualismo la fanno da padrone, il solito veleno inoculato da pseudo-italia nella mente dei cittadini... non si vuol comprendere che solo nel credo intransigente ad una dottrina all'insegna della più ferrea disciplina gerarchica una organizzazione politica degna di questo nome può sperare di ottenere dei veri risultati...come la Storia da sempre mostra ed insegna...naturalmente solo a chi ha gli occhi per vedere ed i proverbiali tre grammi di materia grigia per capire.


Il fuori onda shock del consigliere grillino: nessuna democrazia nel Movimento 5 stelle
Favia attacca Casaleggio parlando a un giornalista di La7, "rischiamo di esplodere"


ANSA 07 settembre, 09:45

ROMA -"Casaleggio prende per il culo tutti perche' da noi la democrazia non esiste. Grillo e' un istintivo, lo conosco bene, non sarebbe mai stato in grado di pianificare una cosa del genere. I politici, Bersani, non lo capiscono. Non hanno capito che c'e' una mente freddissima molto acculturata e molto intelligente dietro, che di organizzazione, di dinamiche umane, di politica se ne intende". Cosi' a Piazza Pulita di La 7 il consigliere regionale grillino dell'Emilia Romagna Giovanni Favia. Il quale ha insistito in trasmissione: "E' Casaleggio la vera mente del movimento? Il problema e' in su - spiega e dice Favia -. Quindi o si levano dai coglioni oppure il movimento gli esplodera' in mano. Ma loro stavano gia' andando in crisi con questo aumento di voti. Come si sono salvati? Con il divieto di andare in tv. Io con Santoro me la sono cavata, ma applicando un veto. Ho preso anche l'applauso ma mi e' anche costato dire quello che non pensavo".

Quindi Favia, dopo aver ribadito che in Cinque Stelle ''la democrazia non esiste'', aggiunge:"Lui (Beppe Grillo, ndr) espellendo Tavolazzi ha soffocato nella culla un dibattito che stava nascendo in rete in contrapposizione alla gestione Casaleggio". Giovanni Favia ha spiegato infine come sulle linee guida e anche sulle iniziative pubbliche che prende il movimento per fare un referendum o non farlo "ha sempre deciso Casaleggio da solo" e non Grillo. Casaleggio, continua, "ha sempre fatto cosi'. Se lui non facesse il padre padrone, io il simbolo glielo lascerei anche: adesso in rete non si puo' addirittura piu' parlare, neanche organizzare incontri tipo quello di Rimini che non usavano il logo del movimento". "Casaleggio controlla dall'alto tutta questa roba? Si',tutta. Lui quando qualcosa non va telefona o fa telefonare Grillo. Il problema e' che loro hanno messo in moto una macchina che sarebbe davvero un faro, potrebbe esserlo anche a livello mondiale se entrambi superassero quella complicità di sistema padronale che hanno. Sarebbe una bomba incredibile". Quanto al voto on line Favia non ci crede:"Tra gli eletti ci sono degli infiltrati di Casaleggio, quindi noi tutti dobbiamo stare molto attenti quando parliamo. Casaleggio è spietato, è vendicativo. Adesso vediamo chi manda in Parlamento, perché io non ci credo alle votazioni on line, lui ci manda chi vuole lui".

''Da ormai 5 anni sto dando la mia vita per il Movimento 5 Stelle, contribuendo alla sua nascita. Ora ci sono dei problemi, li chiariremo tutti insieme''. Cosi' il consigliere regionale emiliano del M5S Giovanni Favia, precisa le proprie parole in un'intervista a Piazza Pulita su La7, contro la mancanza di democrazia nel M5S.

L'intervista, che risale a maggio, registra frasi molto dure pronunciate 'off the record' da Favia al giornalista, a telecamera spenta, ma a microfoni accesi. Dopo la messa in onda, il consigliere regionale, che e' uno degli esponenti piu' noti del M5S, spiega le sue ragioni su Facebook. ''Il Movimento - scrive - e' un grande sogno, non e' Favia, non e' Casaleggio. L'ultima occasione per questo paese, per riscattarsi. Mesi fa incontrai un giornalista, mi intervisto' in merito alla democrazia interna nel livello nazionale. Tavolazzi (esponente espulso dal movimento, ndr) era stato un grande compagno di battaglie, come me, sin dagli inizi. Lo vidi piangere, dopo l'inibizione al logo. Ero arrabbiatissimo. In pubblico non ho mai voluto manifestare il mio disagio per non danneggiare la nostra battaglia''.

 

_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Ven Set 07, 2012 4:46 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

C V D !
_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Ardito
Cittadino Fascista
Cittadino Fascista


Età: 29
Registrato: 21/06/10 17:01
Messaggi: 258

MessaggioInviato: Ven Ott 12, 2012 4:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...mentre l'Italia va sempre più a fondo e di proposte politiche serie alternative a questo marcio sistema neanche l'ombra, Grillo mette in scena
la sua ultima gag:l'attraversamento dello Stretto di Messina.
Il "buon" Beppe ha voluto paragonare la sua impresa alla sbarco dell'agente massone magna-preti Garibaldi e degli Anglo-americani amici di Cosa Nostra.
Dulcis in fundo fa anche qualche richiamo all'indipendentismo siciliano.
Alla fine cosa ottenuto con questo plateale gesto?
Niente. Solo attenzione mediatica. Non avendo un ideologia e un chiaro progetto d'ampio respiro ha bisogno di tali minchiate folkroristiche.

Grillo attraversa a nuoto lo Stretto di Messina

Grillo prova a imitare Garibaldi con un pittoresco (e sicuramente faticoso) "sbarco in Sicilia". Ma senza giubbe rosse al seguito e senza navi.

Attraversa lo Stretto di Messina a nuoto. A colpi di bracciate dà inizio al suo tour elettorale in Sicilia a fianco del candidato alla presidenza della Regione Giancarlo Cancelleri (si voterà il prossimo 28 ottobre). "Lo sbarco del nostro movimento in Sicilia - dice Grillo - è sostenuto da un gruppo di ragazzi straordinari che non hanno alcuna intenzione di lasciare la Sicilia e che si mette a disposizione di questa terra. È l’Italia che ha bisogno della Sicilia e non la Sicilia dell’Italia". Grillo accarezza le corde dell'orgoglio siciliano. Basterà a conquistare voti? Prima di tuffarsi si diletta coi riferimenti storici:"Dopo quelli di Garibaldi con i Savoia e degli americani con la mafia, oggi in Sicilia ci sarà lo sbarco del Movimento Cinque Stelle", dice ai giornalisti parlando a Villa San Giovanni. Indossa una muta da sub con il simbolo del suo partito. La partenza della traversata dello Stretto slitta di un po' causa maltempo. A consigliarlo è il nuotatore Nino Fazio, che in passato ha fatto venti traversate dello Stretto. Poi Grillo rompe gli indugi e si butta in acqua. Alle 12.08 arriva sulla costa di Torre Faro dove viene accolto dagli attivisti del suo movimento. Dopo aver ripreso un po' di fiato il comico genovese fa subito una battuta: "I bookmakers mi davano uno a quindici, incredibile. E davano anche un infarto nella prima metà della traversata".

Prima di partire il leader del M5S prende di mira il Governo: "Monti è un curatore fallimentare. Ha fatto il suo lavoro sporco e adesso se ne andrà. Sono tutti bocconiani che un anno fa dicevano che la crisi era alle spalle, ma da quando c’è il signor Monti tutti i parametri della nostra economia sono peggiorati".
Il discorso dopo lo "sbarco"

"Sono sbarcato in Sicilia! Ho superato lo Stretto!". E' il trionfale annuncio che Grillo fa sul suo blog dopo che ha messo piede sulla costa siciliana. "Questo è il terzo sbarco in Sicilia in 150 anni. Il primo fu Garibaldi che portò i Savoia, il secondo fu fatto dagli americani che portarono la mafia, il terzo sono io con il MoVimento 5 Stelle, ma né Garibaldi o Nino Bixio o Lucky Luciano sono arrivati in Sicilia a nuoto".

Poi prosegue con un accostamento tra Sicilia e Grecia: "La Grecia fallisce per il suo debito, la Sicilia fallisce per il suo credito verso lo Stato italiano che gli presta come elemosina solo una parte di ciò che gli deve, ma non pareggia mai il conto. La Regione Sicilia vanta un credito di un miliardo di euro nei confronti dello Stato italiano e le stesse imprese siciliane hanno un credito di 5 miliardi di euro.

La Sicilia - aggiunge - potrebbe vivere meglio senza l'Italia, ma l'Italia non potrebbe vivere senza la Sicilia. Se la Sicilia dovesse andarsene, costretta dal malfunzionamento dello Stato e delle istituzioni, sarebbe l'inizio di un domino cui seguirebbero altre Regioni e la fine dell'Italia, forse la sua balcanizzazione". E conclude indicando le priorità della Sicilia: "Quest'isola ha bisogno del rilancio dei trasporti locali, della banda larga diffusa, di strutture turistiche, della valorizzazione dei suoi giacimenti artistici, di una nuova economia legata alle telecomunicazioni e allo sviluppo del digitale, di investimenti in start-up collegate alle università, di trattenerequi i suoi giovani, il suo futuro, ma soprattutto ha bisogno di onestà nelle istituzioni".
Polemica sulle motovedette: chi paga?

Ieri è scoppiata una polemica sulla "scorta" a Grillo. "Sono previste alcune motovedette della Guardia costiera e delle barche d’appoggio. Le paga Grillo o sono a carico dei contribuenti siciliani?", ha chiesto la coordinatrice nazionale dei Club di Grande Sud, Costanza Castello. Una motovedetta della Guardia Costiera ha vigilato a distanza in modo che la nuotata del leader 5 Stelle "possa svolgersi regolarmente e senza impedimenti esterni", ha precisato il capitano di vascello Antonino Samiani, comandante dell’Autorità marittima della navigazione dello Stretto di Messina.

Ma i grillini respingono ogni accusa: "Le barche sono due. Una con il medico a bordo e una con l’esperto del luogo che conosce le correnti. Noi abbiamo fatto i versamenti per la Capitaneria di Porto per chiudere il traffico nello Stretto. Circa 650 euro, tutto documentato con delle ricevute", puntualizza Cancelleri. "Non c’è nessuna motovedetta della Capitaneria - ha spiegato - sono solo barcaroli privati che hanno fatto una donazione di 70 euro a barca".

Gaspare Sturzo, candidato alla presidenza della Regione con Ilef (Italiani Liberi e Forti), non ci sta: "Cancelleri è spassoso con le battute, ma poco convincente sulle cose serie. Suona stonato il suo 'così fan tutti'. Dire che è d’obbligo essere assistiti a spese della collettività per eventi di questo tipo quali gare sportive, trasmissioni tv, o altro, equivale alle giustificazioni della casta» per le scorte immotivate, le auto blu, i viaggi privati spacciati per attività politica e altre spese di questo tipo. Qui si paga con i soldi di tutti una pagliacciata pubblicitaria ad personam - ha concluso Sturzo -. Praticamente un rimborso elettorale. Speriamo che le corse di Forrest Grillo nel tour siciliano non necessitino di altra assistenza pubblica, magari a sua insaputa".
Sgarbi: nuota come i dittatori

Molto duro il commento di Sgarbi alla traversata di Grillo: "È un ignorante che nuota, grasso e non presentabile, sceglie di far parlare di sé non per le idee ma per un gesto tipico dei dittatori, da Mussolini a Mao. Neppure troppo inconscia dimostrazione della sua concezione della politica".

(qualcuno dovrebbe dire a quel furbo di Sgarbi che almeno Mussolini qualcosa di concreto lo ha fatto)
Fonte:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Ven Ott 12, 2012 6:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...credo che possa inserirsi benissimo in questo discorso:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Sab Nov 03, 2012 10:12 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A cosa serve Beppe Grillo? Stiamo rispondendo in modo molto chiaro. Ma se non dovesse bastare, ecco cosa fa il "prode Grillo" (di "prodi" ormai ce ne sono a bizzeffe!):

Beppe Grillo: Di Pietro è l'uomo giusto per il Quirinale

ROMA - Beppe Grillo candida il leader dell'Idv Antonio Di Pietro al Quirinale.«È l'unico in Parlamento che si è opposto in tutti questi anni al Berlusconismo» ed è un uomo «onesto», scrive sul suo blog il leader del Movimento 5 stelle, pertanto è l'uomo «giusto» per il Colle.

«Di Pietro ha commesso degli errori, ha inserito nel suo partito persone impresentabili come De Gregorio e Scilipoti, ha evitato, per scelte forse tattiche, prese di posizioni nette su Tav e G8, ma lui solo in Parlamento ha combattuto il berlusconismo», continua Grillo. «Lo ha fatto con armi spuntate, con una truppa abborracciata tenuta insieme unicamente dalla sua testardaggine e caparbietà. È sempre stato un isolato, mal sopportato dai pdmenoellini e odiato da tutti gli altri. Ha confuso talvolta la politica con la realpolitik e cercato un compromesso impossibile con partiti corrotti e in via di estinzione. Si è fidato troppo di persone a lui vicine, di signor nessuno che ne hanno sfruttato la popolarità assecondando in modo acritico ogni sua richiesta», prosegue il leader del M5S.

«Ha allevato, forse consapevolmente, piranha e squali che pensava di tenere a bada e che ora mostrano le loro fauci - dice ancora Di Pietro -. Però, in questi lunghi anni di inciucio tra il Pdl e il Pdmenoelle, senza di lui, in Parlamento si sarebbe spenta anche l'unica flebile luce rimasta accesa. La Camera non sarebbe stata differente dall'aula sorda e grigia evocata da Benito Mussolini o dall'attuale obitorio della democrazia di Rigor Montis».

«Il suo "Caro presidente che non c'è" rivolto allo psiconano e gli attacchi ai servi del berlusconismo sono gli unici lampi di luce che meritano di essere ricordati nel peggior Parlamento dell'Unità d'Italia, un luogo immondo popolato da pregiudicati e piduisti, da nemici dichiarati della democrazia. Può essere - scrive ancora Beppe Grillo - che Tonino abbia lanciato dei referendum pro domo sua, ma se abbiamo potuto votare contro il nucleare di Casini, Bossi, Fini e Berlusconi lo dobbiamo a lui che ha raccolto e validato le firme necessarie». «Solo per questo - assicura il comico - dovremmo dirgli grazie».

«Il lodo Alfano, che anche un bambino avrebbe dichiarato incostituzionale, ma non il presidente della Repubblica, fu criticato e osteggiato in solitudine da Di Pietro nel silenzio dei Bersani, dei D'Alema e con il plauso dei Cicchitto e dei Gasparri. L'uomo ha un caratteraccio, non ascolta nessuno - sostiene Grillo - ma è onesto. Quando ha dovuto affrontare il giudizio di un tribunale lo ha fatto senza esitazioni e ne è sempre uscito prosciolto. Quanti in Parlamento possono dire altrettanto? Chi può scagliare la prima pietra? Nessuno».

«Nel 2013 Napolitano decadrà - conclude - per ora è l'unica buona notizia certa. Il mio auspicio è che il prossimo presidente della Repubblica sia Antonio Di Pietro, l'unico che ha tenuto la schiena dritta in un Parlamento di pigmei. Chapeau!».

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Sab Nov 03, 2012 10:14 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Che vomitevole esaltazione del NULLA! Esaltazione di un uomo a cui il "buon Grillo" giustifica ogni errore perchè sarebbe "onesto" (si è visto infatti
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
)

Loro sì che si battono contro il "berlusconismo"...! IN CHE MODO? MA E' OVVIO! RIPROPONENDOLO!

DORMI POPOLO BOVE!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Mar Nov 06, 2012 7:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Piccoli partitocrati crescono. Dopo che il "buon" Grillo (lui, ligio rappresentante dei cittadini!) ha gridato alla fedeltà al "saponato" Di Pietro, ecco che si appresta a preparare il suo bel partitello parlamentare, nel più puro stile italyota...


Grillo e la norma "salva colonnelli" . Così il leader blinda i fedelissimi

BOLOGNA - "R" come remissione del mandato. Nel decalogo di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, i leader del Movimento 5 Stelle, si specifica che "il consigliere, il sindaco o il parlamentare non ha alcun obbligo di rimettere il mandato periodicamente (ad esempio ogni sei mesi)". Una vera novità, visto che uno dei più rivoluzionari cavalli di battaglia del Movimento era proprio questo: l'eletto, due volte l'anno, rimette il mandato ai cittadini e illustra quello che ha fatto nelle istituzioni. E i cittadini decidono volta per volta se lui debba rimanere o no. Ma dopo la sfuriata di ieri in Consiglio comunale da parte di Massimo Bugani, consigliere a 5 stelle che ha lasciato da sola la collega Salsi per andare a sedersi da un'altra parte, qualcosa è cambiato. Sulla graticola, adesso, c'è lui.

I più critici del Grillo-pensiero la chiamano norma "ad-buganim" e la spiegano così: "Con la mossa di ieri Bugani è stato attaccato da tutti, tanto che ha spostato l'assemblea semestrale fuggendo dai cittadini, cosa che non si può fare. Il problema è che adesso è lui a poter essere sfiduciato e Casaleggio è andato in suo soccorso". Insomma, il punto di vista si è rovesciato: se prima l'eretica era Salsi, dopo il trattamento che le è stato riservato nel mirino ci son finiti i suoi compagni di gruppo: l'ex candidato sindaco a 5 Stelle e Marco Piazza. Fedeli al leader

Ma a cadere del tutto è appunto uno dei pilastri del Movimento, la possibilità di essere giudicati e - in caso - "licenziati". Un potere che adesso è stato accentrato nelle mani del blog di Grillo: nel caso qualcuno venga sfiduciato, recita il "decalogo", "deve essere preceduto da un'informazione pubblica e dettagliata del suo operato sul portale del M5S con una votazione estesa a tutti gli iscritti del Comune e della Regione di rifermento, o dell'intero corpo elettorale in caso del Parlamento". A livello sostanziale, spiegano i grillini, non cambia nulla. A livello politico, tutto: "In campagna elettorale ci siamo presentati dicendo che avremmo rimesso il mandato nelle mani dei cittadini. Cosa diremo adesso?".

Scientology: noi siamo diversi da Grillo. Il paragone usato da Federica Salsi in Consiglio comunale non piace affatto alla stessa Scientology. Salsi "può stare tranquilla", dichiara all'agenzia Dire Luigi Brambani, dell'ufficio Affari pubblici, "crediamo che le possibilità che il Movimento 5 stelle divenga o voglia diventare come Scientology sono nulle, non perchè l'uno sia parametro negativo dell'altra o viceversa, ma perchè si tratta di esperienze collettive lontanissime, in campi diversissimi, che non hanno, neppure in potenza, rapporti".

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Sab Nov 10, 2012 9:47 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Leggiamo questo articolo, poi lo commentiamo:

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Porcellum, Bersani e Grillo contro nuovo premio.Schifani: "Cambiare la legge o M5S a 80%"

ROMA -La proposta di modifica della legge elettorale a firma Pdl, Udc e Lega, che fissa un premio di maggioranza per chi raggiunga il 42,5% dei voti, condanna alla ingovernabilità e il Pd resta contrario. E mentre Beppe Grillo ha definito il nuovo premio "un golpe", Pierluigi Bersani ha espresso il suo diniego con parole più pacate: "Non uso magari i termini di Grillo, ma non piace neanche a me se quella è l'unica misura che si intende applicare", ha spiegato il segretario Pd, secondo cui quella soglia "è praticamente irragiungibile. Senza nessun'altra misura, nessun altro premio di governabilità si potrebbe arrivare a una situazione di ingovernabilità e questo non farebbe di certo bene a un paese come l'Italia". Il Partito democratico è al massimo disposto ad accettare il "lodo D'Alimonte", cioè il premio di maggioranza alla coalizione che supera il 40 per cento e un premietto del 10 al primo partito. Ma non intende scendere sotto questa soglia. Pronto a far saltare ogni futura trattativa sulla riforma.

Il pressing di Schifani. Intanto Schifani, intervistato da Fiorello a margine di una visita all'associazione Andrea Tudisco che ospita bambini oncologici e le loro famiglie, ha dichiarato in tarda mattinata: "Ce la sto mettendo tutta e ce la facciamo, altrimenti Grillo dal 30 va all'80%". "Io credo - ha spiegato il primo inquilino di palazzo Madama - che il mio ottimismo si trasformerà a breve in certezza. Vedo notevoli margini che ci lasciano pensare che a breve si arrivi a un'ampia intesa tra le forze politiche". Schifani poi ha aggiunto: "Le regole vanno scritte con ampio consenso: vedo una fase costruttiva tra i partiti per la legge che porterà in aula a una riforma ampiamente condivisa". E lancia quasi un aut aut alle forze politiche: "I tempi - dice il presidente del Senato - ormai sono brucianti, io stimolo i partiti e loro se ne stanno facendo carico. Le lancette tra un pò si dovranno fermare".

L'attacco di Grillo. La risposta del leader del Movimento 5 Stelle non si è fatta attendere sotto forma di un duro attacco i partiti: ''Napolitano (che non ci dorme la notte) e i partiti vogliono cambiare in corsa la legge elettorale, un attimo prima della fine della legislatura dopo aver ignorato la questione dal 2006. Quando scappa, scappa. Di fronte al colpo di Stato del cambiamento della legge elettorale in corsa e al tetto del 42,5% per il premio di maggioranza per impedire a tavolino la possibile vittoria del M5S e replicare il Monti bis, l'Unione europea tace", ha scritto Grillo sul suo blog in un lungo post dal titolo 'C'è del marcio a Bruxelles'. "Chissà - ha aggiunto- forse ci farà una multa per divieto di sosta a Montecitorio. La Commissione europea per la democrazia attraverso il diritto ha sancito nel 2003 - ha ricordato Grillo - che 'gli elementi fondamentali del diritto elettorale, e in particolare del sistema elettorale, la composizione delle commissioni elettorali e la suddivisione delle circoscrizioni non devono poter essere modificati nell'anno che precede l'elezione, o dovrebbero essere legittimati a livello costituzionale o ad un livello superiore a quello della legge ordinaria'". Infine, la solita minaccia: "Ci vediamo in Parlamento, sarà un piacere".

Unione o Consiglio? Il leader del movimento si scaglia contro l'Unione europea, ma il testo a cui fa riferimento è un documento 1 approvato dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti dell'uomo, l'identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa, fondato il 5 maggio 1949 col Trattato di Londra e conta oggi 47 stati membri) su suggerimento della Commissione di Venezia, o Commissione europea per la democrazia attraverso il diritto dal Consiglio d'Europa, da non confondere con il Consiglio dell'Unione europea.

Legge in stallo. A oggi la riforma del Porcellum è ferma in commissione Affari Costituzionali al Senato. La prossima riunione a palazzo Madama è prevista per martedì prossimo.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Sab Nov 10, 2012 9:55 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La cosa ha del comico (e come poteva essera altrimenti?).

In definitiva questi indegni uomini oligarchi che fanno? Quello che fanno di solito. Legiferano per i porciacci comodi loro. E lo dicono pure spudoratamente, contando ovviamente sulla bovinità della massa. E nella suddetta massa questo non provoca nulla.

La cosa divertente, però, è vedere le cosiddette forze politiche che "litigano" (al soilto) per raccattare la legge più conveniente al proprio partito!

Ma come? Grillo, paladino dei cittadini, che si schiera a favore dell'ATTUALE legge elettorale definita pecedentemente addirittura come "porcata"? Ma certo! Se questo può assicurare posti in parlatoio al suo "rivoluzionario" partito!

E Bersani? Mah, lui da bravo "moderato progressista" è più pacato. Non usa quei termini di Grillo (golpe), ma dice che gli piacerebbe un premio di "colazione-coalizione" più alla sua portata!

E Grillo? Ma certo, lui invece dice che questo è un "colpo di stato" per riportare il governo "tecnico" del "rigor Montis" in auge! Ma me lo viene a dire proprio lui, che sta svolgendo la parte di convogliatore dei voti di protesta, mettendo il sigillo di garanzia sull'impossibilità di presumibilmente "governare", proprio perché E' MATEMATICAMENTE CERTO che i "precettati" degli altri partiti, lo zoccolo duro, a votare ci andranno sempre, qualsiasi cosa succeda, e con l'astensionismo record risulteranno ancor più decisivi per gli equilibri politici! Per questo una maggioranza definita, in queste condizioni (non c'è mai stata, pure se veniva proclamata, figuriamoci ora!), non ci sarà mai! Prima e dopo l'effettivo colpo di mano (e di testa) che si apprestano a fare per i porciacci comodi loro!

Del resto lo stesso vecchio democristiano Buttiglione lo ha affermato apertis verbis in date non sospette: Grillo è il più grande alleato del governo di "grancoalizione" che possiamo avere!

Alla faccia del popolo BOVE e di chi crede ancora "bovinamente" che sia possibile fare una rivoluzione nel sistema con le regole del sistema!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Le Inchieste de IlCovo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Pagina 3 di 5

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006