Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
Massimo Fini - La Guerra Democratica

 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Libro, Cinema e...
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Legionarivs




Registrato: 09/07/11 01:34
Messaggi: 162

MessaggioInviato: Mer Apr 25, 2012 8:38 pm    Oggetto:  Massimo Fini - La Guerra Democratica
Descrizione:
Rispondi citando

La Guerra democratica, di Massimo Fini

BENVENUTI ALLA ‘GUERRA DEMOCRATICA’ – FINI AL MASSIMO: “OGGI LE GUERRE SI FANNO, MA NON SI DICHIARANO” – “GLI ITALIANI HANNO LA CURIOSA PRETESA DI AVERE LICENZA DI UCCIDERE SENZA PERÒ RITENERE LEGITTIMO CHE GLI SIA RESA LA PARIGLIA” – CONTRO ISRAELE: “SE SI ATTACCHERÀ L’IRAN CI SARÀ LA TERZA GUERRA MONDIALE… E’ ABBASTANZA GROTTESCO OSSERVARE DA FUORI PAESI SEDUTI SU ARSENALI ATOMICI INCREDIBILI CHE FANNO LA VOCE GROSSA CON L’IRAN PERCHÉ IPOTETICAMENTE PUÒ FARE L’ATOMICA”…

Dal libro “La guerra democratica” di Massimo Fini – da “Libero”
Tratto da beppegrillo.it
“Se si attaccherà l’Iran ci sarà la Terza guerra mondiale, salteranno tutte le alleanze delle democrazie, più o meno forzate, con i Paesi cosiddetti moderati, che poi moderati spesso non sono. Salterebbe l’alleanza con la Giordania, l’Arabia Saudita, l’Egitto. La Terza guerra mondiale sarà una guerra particolare, sperequata, perché dalla parte dell’Occidente c’è un armamento straordinario e dall’altra ci sono popolazioni molto più deboli, ma anche molto più numerose. E’ abbastanza grottesco osservare da fuori Paesi seduti su arsenali atomici incredibili che fanno la voce grossa con l’Iran perché ipoteticamente può fare l’atomica.”

SCONTRI AI CONFINI DI ISRAELE CON GAZA LIBANO E SIRIA
Tratto da “Libero”

Da quando è collassato il contraltare sovietico le Democrazie occidentali, guidate dagli Stati Uniti, avendo le mani ormai libere, hanno inanellato, in vent’anni, otto guerre: conflitto del Golfo (1991), Somalia (1992), Bosnia (1995), Serbia (1999), Afghanistan (2001), Iraq (2003), ancora Somalia, per interposta Etiopia (2006), e infine Libia (2011). E altre ne minacciano: alla Siria e soprattutto all’Iran.

Solo il primo conflitto del Golfo, avallato dall’Onu, aveva una legittimazione secondo il diritto internazionale allora vigente, perché Saddam Hussein aveva invaso uno Stato sovrano, il Kuwait, peraltro una creazione degli Stati Uniti, del 1960, ad uso dei loro interessi petroliferi (del resto anche l’Iraq è un’invenzione cervellotica degli inglesi che nel 1930 misero insieme tre comunità, curdi, sunniti e sciiti, che nulla avevano a che vedere fra di loro, cosa che avrebbe avuto una serie di gravi conseguenze). Tutte le altre sono state guerre di aggressione, variamente motivate.

La «guerra democratica» si fa, ma non si dichiara. La si fa, con cattiva coscienza, chiamandola con altri nomi: «operazione di polizia internazionale» o di «peacekeeping» o, preferibilmente, «missione umanitaria». Questo equivoco, o piuttosto questa ipocrisia, ha scardinato il diritto internazionale vigente fino all’altro ieri e abbattuto, in particolare, il principio, prima mai messo in discussione da nessuno, della «non ingerenza militare negli affari interni di uno Stato sovrano». Il grimaldello sono stati i «diritti umani».

Secondo le Democrazie esisterebbero dei valori universali, assoluti, i loro, che superano le sovranità nazionali e a cui tutti gli altri Stati devono adeguarsi. Si è cominciato con la Serbia, si è proseguito con l’Afghanistan talebano, con l’Iraq (dove, venuta meno ogni altra giustificazione, si è voluto portarvi a forza la democrazia) e si è finito, per ora, con la Libia.
Un altro corollario dei «diritti umani» è che è lecito alle Democrazie intervenire nelle guerre altrui cambiando il verdetto del campo di battaglia.

Lo si è fatto in Bosnia trasformando i vincitori serbi in vinti. Ma andare a mettere il dito nell’ecologia della guerra, anche qualora lo si faccia con le migliori intenzioni, si traduce quasi sempre in un boomerang. L’esempio classico è quello della guerra Iraq-Iran, anche se risale a un periodo precedente alla teorizzazione dei «diritti umani».

Quando nel 1985 l’esercito di Khomeini stava per prendere Bassora, la seconda città irachena, concludendo così la guerra, gli americani e i francesi intervennero in appoggio a Saddam Hussein, per motivi «umanitari» (non si poteva permettere alle «orde iraniane» di entrare a Bassora, sarebbe stata una carneficina), fornendogli ogni genere di armi, comprese quelle di «distruzione di massa», col risultato di prolungare la guerra di altri tre anni e di portare il bilancio dei morti da mezzo milione a un milione e mezzo, mentre il rais di Baghdad, ringalluzzito, con un arsenale nuovo di zecca, lo rovesciò sul Kuwait…

UN TRISTE ANTIPASTO
Era un antipasto, sia pur ancor spurio, della «guerra democratica». Poiché questa guerra non si presenta come tale, ma sotto le vesti di «missione umanitaria», il nemico, si tratti di Slobodan Milosevic o di Saddam Hussein o di Gheddafi o del Mullah Omar, non è mai, schmittianamente, uno justus hostis ma un criminale o un terrorista. Ai soldati del nemico non si applicano le regole dello ius belli.

Se catturati, non sono trattati come prigionieri di guerra e nemmeno da detenuti comuni, ma sono soggetti senza diritti sui quali si può fare quel che si vuole, come si è visto a Guantánamo, ad Abu Ghraib e come avviene ogni giorno nelle prigioni dell’Afghanistan
«liberato».

Ogni guerrigliero che si batta contro un’occupazione «democratica» è un criminale e si intentano grotteschi processi a combattenti che, in un’azione di guerra, si siano permessi di uccidere soldati delle Democrazie. I loro capi, politici e militari, vengono trascinati davanti al Tribunale internazionale dell’Aja per i «crimini di guerra», che è un’emanazione
dell’Onu ma ha questa curiosa particolarità: per quante nefandezze possano aver compiuto i soldati delle Democrazie (e i loro comandanti) non vi vengono giudicati.

Questo avviene di fatto, ma gli Stati Uniti, pur mandandovi a processo gli altri, lo affermano di diritto negando qualsiasi autorità di questo Tribunale sulle loro truppe. La «guerra democratica» utilizza quasi esclusivamente l’aviazione, bombardieri e caccia, e sempre più spesso, soprattutto in Afghanistan dove non riesce a piegare gli insorti, droni, aerei senza equipaggio, ma armati di missili, teleguidati da 10.000 chilometri di distanza. Nella «guerra democratica», in buona misura materialmente ma anche concettualmente e giuridicamente, uno solo può colpire, l’altro solo subire.

Tanto che si può dubitare che si tratti di una guerra in senso proprio, perché ne manca l’essenza: il combattimento. Uno dei comandanti in capo della missione Nato in Afghanistan, Tommy Frank, guidava le operazioni da Tampa, in Florida, fra un whisky e l’altro. Essenzialmente tecnologica, fatta con macchine, con sistemi digitalizzati, con robot, la «guerra democratica» perde ogni epica, ogni etica e persino ogni estetica.

L’Occidente democratico si arroga il diritto di dividere il mondo in «buoni» e «cattivi», di intervenire, come «giustiziere della notte», nelle guerre altrui, di imporre, con la forza, con la violenza, con le bombe, i propri valori perché si considera una «cultura superiore» (moderna declinazione del razzismo, poiché quello classico, dopo Hitler, è diventato impresentabile) e quindi con l’obbligo morale di portare «le buone maniere» ovunque, in un tentativo di omologazione a sé dell’intero esistente.

L’ITALIA CHE COMBATTE
È quello che in un altro libro ho chiamato Il vizio oscuro dell’Occidente, un totalitarismo, tanto più pericoloso perché, spesso, inconscio, che non riesce a riconoscere e nemmeno più a concepire la dignità e il diritto di esistenza dell’«altro da sé». Bisogna ammettere, con una certa amarezza che, sconfitti i totalitarismi nazifascista e comunista, quello democratico non si è rivelato migliore. Anzi, forse, un tantino peggiore. Perché bombarda, invade, occupa, uccide con la pretesa di farlo per il superiore Bene delle sue vittime. Una sorta di Santa Inquisizione planetaria. Ed è questo l’Intollerabile

(…) Quando il 16 settembre 2009 sei soldati italiani caddero in un’imboscata talebana a Kabul – la più grave perdita, finora, del nostro contingente dal giorno in cui ha messo piede in Afghanistan – il governo, le forze politiche, i commentatori, l’opinione pubblica espressero unanime «sgomento e sdegno per il vile attentato». È comprensibile lo sgomento, non lo sdegno. L’obiettivo era militare e quindi perfettamente legittimo.

Gli italiani hanno la curiosa pretesa di fare la guerra, di avere licenza di uccidere senza però ritenere legittimo che gli sia resa la pariglia. E invece in guerra la speciale legittimità di uccidere, che non esiste in tempo di pace, deriva proprio dal fatto che si può essere altrettanto legittimamente uccisi.

Se solo uno può colpire e l’altro solo subire si esce dal campo della guerra e del combattimento. Questo atteggiamento psicologico, il rifiuto di considerare legittime, e direi ovvie e naturali, le proprie perdite, non è solo italiano, appartiene, sia pur con gradazioni diverse, a tutte le opinioni pubbliche occidentali, compresi i soldati. Ed è una conseguenza di quella che Edward Luttwack ha chiamato la guerra «post eroica» in cui l’enorme superiorità tecnologica e militare dell’Occidente ha fatto sì che all’uomo si sia sostituita la macchina.

EVITARE LO SCONTRO
Gli occidentali non sono più abituati al combattimento in senso proprio. Lo scontro ravvicinato, il corpo a corpo, la vista del sangue gli fa orrore.
Se appena possono lo evitano usando quasi esclusivamente i caccia e i bombardieri contro avversari che non hanno aerei né contraerea e sono perciò inermi.

Se in qualche caso rimangono coinvolti in uno scontro «vis a vis» e, per una volta, accusano perdite pesanti, quelle che quotidianamente infliggono al nemico, lo sentono come un affronto, una slealtà, una «vigliaccata», un’ingiustizia, un fatto di cui sdegnarsi, illegittimo e immorale.

Morale è invece colpire e uccidere con aerei-robot teleguidati a 10.000 chilometri di distanza da piloti che non corrono alcun rischio. Dall’altra parte ci sono uomini armati quasi solo dei loro corpi, del proprio coraggio, della feroce determinazione a difendere i propri valori, giusti o sbagliati che siano, e che si implicano totalmente.

Questa è stata, ed è, la guerra afghana. Ha detto Barack Obama: «Se potessi farei combattere solo i robot per risparmiare le vite dei nostri soldati». Ma è il combattente che non combatte a perdere ogni legittimità, ogni dignità e onore.

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


_______________________________________

È un libro che mi sono imposto di leggere nel prossimo futuro.

_________________
"Il Fascista... comprende la vita come dovere, elevazione, conquista; la vita deve essere alta e piena: vissuta per se, ma soprattutto per gli altri vicini e lontani, presenti e futuri." Mussolini, La Dottrina del Fascismo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Ven Apr 27, 2012 2:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Massimo Fini è uno che ha il coraggio delle proprie idee. Direi che si è anche andato progressivamente radicalizzando in questa rivolta contro il pensiero unico; parallelamente è andato ad essere sempre più emarginato dai grandi media...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Legionarivs




Registrato: 09/07/11 01:34
Messaggi: 162

MessaggioInviato: Ven Apr 27, 2012 2:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

tribvnvs ha scritto:
Massimo Fini è uno che ha il coraggio delle proprie idee. Direi che si è anche andato progressivamente radicalizzando in questa rivolta contro il pensiero unico; parallelamente è andato ad essere sempre più emarginato dai grandi media...

Lo ho notato anche io: è sempre stato aspramente criticato dai mezzi di informazione di massa e da altri pseudo-pensatori, che gli sono spesso andati contro con i loro tramite luoghi comuni e cercando di nascondere il suo pensiero, dimostrando e fomentando la non indipendenza e la non apertura culturale del mondo accademico italiano.
A primo impatto mi sembra un intellettuale di notevole calibro e sono interessato a conoscerne il pensiero.

_________________
"Il Fascista... comprende la vita come dovere, elevazione, conquista; la vita deve essere alta e piena: vissuta per se, ma soprattutto per gli altri vicini e lontani, presenti e futuri." Mussolini, La Dottrina del Fascismo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Libro, Cinema e... Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006