Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
Il Fascismo secondo il Nuovo Ordine Nazionale

 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Edicola
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Ven Set 12, 2008 1:39 am    Oggetto:  Il Fascismo secondo il Nuovo Ordine Nazionale
Descrizione:
Rispondi citando

Avrei voluto intitolarlo "Il Fascismo secondo Giuseppe Martorana", ma leggendo più attentamente lo Statuto del Movimento da lui fondato, il Nuovo Ordine Nazionale, trovo che la creatura è degna figlia del suo capo.
Dedico questa discussione a tutti i "simpatizzanti" del Nuovo Ordine Nazionale, che hanno una idea "romantica" di questo movimento, che cercano di "scinderlo" dall'area radical-destrorsa credendolo il movimento "più fascista" rispetto gli altri. Questo perchè a volte ci si fa abbindolare dalla retorica, dalla propaganda e dal proselitismo di facile presa che attuano questi "piccoli" movimenti.
Il Movimento in questione, in realtà, non si distingue per nulla dalla cloaca neofascista, da chi non conoscendo il Pensiero di Mussolini afferma che il Fascismo DEVE EVOLVERSI, perchè è diventato anacronistico, prosaico, passato di moda, vecchio chi più ne ha più ne metta, quindi bisogna cambiarlo, trasformarlo, evolverlo!
E questo dopo aver scritto nello Statuto che il movimento "fa propria tutta l'Ideologia Mussoliniana". Una prima contraddizione: fare proprio qualcosa che si intende cambiare.

Prima di analizzare lo Statuto del NON e dimostrare che esso non differisce di una virgola dall'area, con buona pace di chi in buona fede ha visto in tal movimento una "diversa alternativa", intendo mettervi a conoscenza di un dibattito affrontato dal sottoscritto col sign. Martorana a partire dall'11 agosto, e pare essere giunto alle battute finali.
Il dibattito è avvenuto sul forum del NON dove il mese scorso mi sono recato appositamente per discutere:

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Di seguitò inserirò, estrapolandoli dalla lunga e prolissa discussione, i brani "ideologici", ovvero i brani dove il sign. Martorana esprime la sua visione del Fascismo. Il Fascismo secondo Martorana!
Mi sia concesso di dire che certe affermazioni stanno meglio a Zelig che altrove.
Dai brani che inserirò, con le mie apposite risposte, vi farete una idea abbastanza precisa di come il Fascismo è inteso dal NON, un Fascismo che non coincide con quello teorizzato da Gentile e Mussolini.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Ven Set 12, 2008 1:54 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cominciamo con l'antipasto:
So che il signore in questione ha scritto di suo pungno che il fascismo è un regime di transizione tra la dittatura e la democrazia, aderendo quindi alla ormai sorpassata tesi del fascismo coem regime autoritario sullo stile del frachismo. Relativamente a questo basta che si informi invece di strumentalizzare l'articolo di Mussolini apparso in inghilterra per spiegare agli inglesi quale sia la via italiana alla democrazia.

Arriviamo al succo della questione:
Le frasi storpiate dal signore in questione vanno contestualizzate: quelle cose mussolini le diceva in riferimento al concetto marxista di ideologia.
Già nel 1920 Mussolini criticava il dogmatismo del PCUS sostenendo che, tale dogmatismo, avrebbe portato alla rovina l'intera classe dirigente sovietica.
E così è successo nel 1989! La classe dirigente sovietica, chiusa in un dogmatismo rigidissimo, ha preseguitato tutti coloro (anche se interni al partito) che hanno proposto delle riforme (anche senza che queste intaccassero il regime). L'assenza di un qualsiasi dinamismo ha reso impossibile la sopravvivenza del comunismo.

A questo punto Mussolini cambia lo stesso concetto di ideologia: essa non è più una realtà dogmatica custodita dal partito attraverso la polizia politica ma diventa un mezzo per risolvere i problemi inerenti alla realtà.
Viene quindi introdotto il concetto di dinamismo ideologico ovvero la capacità di una ideologia di sapersi adattare ai contesti storici in cui viene applicata. Tutto questo per non renderla una religione dogmatistica.

Prendete come esempio il capitalismo: il capitalismo di smith è diverso da quello di keynes che, a sua volta, è diverso dal neoliberismo. In tutte queste tappe evolutive dell'ideologia capitalista noi però vediamo sempre salvato il concetto cardine del capitalismo ovvvero la proprietà privata. Il giorno in cui la proprietà privata verrà abolita o perderà di importanza, ci troveremo davanti ad un non-capitlismo, a qualcos'altro!
Esattamente allo stesso modo è successo per il fascismo: mussolini, nel 1919 , teorizzò la realizzazione dello stato-etico corporativo all'interno di un regime parlamentare. Gli inaspettati eventi del caso mattoetti, costrinsero mussolini a dichiarare la dittatura: così mussolini dovette pensare a come realizzare uno stato etico-corporativo nel contesto di una dittatura.
Ancora, nel 1943, Mussolini dovette pensare a come realizzare lo stato etico-corporativo all'interno di un contesto di guerra civile e mondiale.
Come si può ben notare non cambia mai il fine (realizzazione dello stato-etico corporativo) ma il contesto storico nel quale il fine deve essere realizzato.
Le parole di Mussolini intendono dire proprio questo: una ideologia non deve cristalizzarsi ma deve avere delle menti pensanti sempre pronte a perfezionarla ed ad adattarla alla realtà.

Ed indovinate consa ne pensa Gentile? E' d'accordo con mussolini e lo esprime con i fatti. E' Gentile a chiedere espressamente che nei littoriali e nel istituto di studi corporativi viga sempre la libertà di parola. E questo per evitare che l'ideologia diventi dogma!

Dulcis in fundo vorrei mettere in evidenzia la gravità di una cosa: il signore in questione, benche dica di essere un politico, non conosce la differenza tra un sistema economica e la governance d'impresa. Si inventa fantomatici conflitti tra corporativismo (sistema economico) e socializzazione (governace d'impresa).
non solo ma parla pure della socializzazione come "sistema economico" Shocked contrapposto al corporativismo.
Beh dio non c'è che dire: questa clamorosa gaffe non solo mostra la poca compresione del fenomeno fascista da parte del signore in questione ma la sua profonda poca conoscenza di argomenti economici nel suo complesso.
Sono però convinto che il signore in questione preferirà continuare a strumentalizzare le parole altrui per suoi scopi politici personali e funzionali alla nomenklatura antifascista.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2600
Località: Palermo

MessaggioInviato: Ven Set 12, 2008 8:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Caro Avanguardista onestamente continuare in questo modo non mi pare abbia più alcun senso.
E’ da più di un anno che si continua così, producendo sempre lo stesso risultato, ed allora a che scopo continuare ad insistere? Mi spiego, e spero che sia l’ultima volta perché la cosa francamente ormai mi ha scocciato. Abbiamo lasciato appositamente sul Covo le farneticazioni del nostro “analfabeta di ritorno” proprio perché chiunque voglia possa farsi un’idea riguardo le castronerie che va dicendo, ciò detto a che serve allora continuare a ripeterle quando manifestano sempre lo stesso concetto già ampiamente confutato nelle precedenti discussioni? …
Tu stesso mi pare hai ampiamente e puntualmente ribattuto ai suoi deliri nella discussione che hai fatto sul suo forum, e non mi sembra né che il tizio abbia adottato nuove argomentazioni né che quelle da te riprese nel solco di quanto gli avevamo già scritto abbiano perso di validità. Ed allora ti ripeto, a che pro insistere? E’ palese che il tizio non conosce né la storia né tantomeno la dottrina fascista ma a questo punto possiamo tranquillamente pensare nemmeno la lingua italiana. Prendiamo ad esempio l’ultimo intervento al quale dici di voler ribattere. Bene, incominciamo dicendo che ha ragione solo su un punto, quando dice cioè che parlate due lingue diverse, giacché appunto lui non sembra conoscere l’italiano.
Scrive giustamente Mussolini insieme a Gentile nella ufficiale dottrina del fascismo datata 1932:

"Come ogni salda concezione politica, il fascismo è prassi ed è pensiero, azione a cui è immanente una dottrina, e dottrina che, sorgendo da un dato sistema di forze storiche, vi resta inserita e vi opera dal di dentro. Ha quindi una forma correlata alle contingenze di luogo e di tempo, ma ha insieme un contenuto ideale che la eleva a formula di verità superiore del pensiero."

In italiano cosa significano queste parole? Che il fascismo è un principio nel quale convivono inscindibilmente Pensiero ed Azione, la formula tanto cara già al Mazzini, ma Azione a cui è immanente una dottrina. Che cosa significa immanente? Qui ovviamente dovremmo ricollegarci al concetto dell’immanenza gentiliana, ma tralasciando tale accezione specifica, in generale immanente è un aggettivo che deriva dal participio presente della voce latina immanere, letteralmente significa “che sta dentro - che è interno in un essere”. Dunque l’azione ha come suo fondamento un principio ideale e non il contrario. Vi è dunque logicamente una forma che si adatta alle contingenze, ma vi è insieme, come sta scritto chiaramente, un contenuto ideale, la dottrina per l’appunto, che eleva la forma a formula di verità superiore del pensiero.
Successivamente sempre nella stessa voce enciclopedica viene specificato in modo inequivocabile qual’é il fondamento su cui si fonda tutto il sistema ideologico fascista … appunto lo Stato Etico

...per il fascista, tutto è nello Stato, e nulla di umano o spirituale esiste, e tanto meno ha valore, fuori dello Stato. In tal senso il fascismo è totalitario, e lo Stato fascista, sintesi e unità di ogni valore, interpreta, sviluppa e potenzia tutta la vita del popolo.

Non torniamo in questa sede sul concetto di Stato Etico, la stessa voce enciclopedica ne spiega il valore spirituale, piuttosto soffermiamoci su quelle che il nostro amico ignorante e presuntuoso va scrivendo riguardo la fantomatica postilla di cui parla e che dice essere presente in tale voce, cito testualmente, … “In questa prima parte vi sono delle postille che Mussolini riporta a piè di pagina scrivendo”.

" Ora, il fascismo italiano, pena la morte o, peggio, il suicidio, deve darsi un "corpo di dottrine". Non saranno, non devono essere delle camicie di Nesso che ci vincolino per l'eternità - poiché il domani è misterioso e impensato - ma devono costituire una norma orientatrice della nostra quotidiana attività politica e individuale. Io stesso, che le ho dettate, sono il primo a riconoscere che le nostre modeste tavole programmatiche - gli orientamenti teorici e pratici del fascismo - devono essere rivedute, corrette, ampliate, corroborate, perchè qua e là hanno subito le ingiurie del tempo."

Ebbene, non esiste alcuna “postilla” all’interno del XIV volume dell’Enciclopedia Italiana alla voce Fascismo sezione dottrina, che è appunto la parte firmata da Mussolini e che va da pagina 847 a pagina 851. Da dove viene allora il brano che il “grande capo” ha di sicuro estrapolato a casaccio ed in modo assolutamente decontestualizzato al fine di avvalorare strumentalmente le sue risibili tesi in materia di principi fascisti? Esso costituisce un brano di una lettera inviata da Mussolini a Michele Bianchi e datata 26 agosto 1921, pubblicata il giorno successivo sul Popolo D’Italia e presente nel volume XVII dell’Opera Omnia di Mussolini pp.414-415. In essa Mussolini elogia l’operato di Bianchi che aveva aperto la scuola di propaganda e cultura, manifestando l’esigenza di avviare quel processo ideologico che lo avrebbe portato oltre un decennio dopo alle affermazioni contenute alla voce Fascismo presente nella enciclopedia stessa. Molto interessante in tale lettera è il seguente riferimento …

Attrezzare il cervello di dottrine e di solidi convincimenti non significa disarmare, ma irrobustire, rendere sempre più cosciente l’azione. I soldati che si battono con cognizione di causa sono sempre i migliori. Il fascismo può e deve prendere a divisa il binomio mazziniano “pensiero e azione”.

Dove logicamente è il pensiero che precede l’azione e non viceversa. A questo punto appare chiara la strumentalità delle affermazioni inerenti la presunta immobilità di quella che l’ignorante e presuntuoso ritiene essere la “nostra interpretazione”. E’ invece Mussolini stesso che già nel 1932 definisce lo Stato Etico come essenza del fascismo. A rincarare la dose ci pensa nuovamente il P.N.F. che nel 1941 pubblicando un ulteriore compendio dottrinario così afferma testualmente:

…lo Stato, nel quale l'individuo afferma la sua universalità solo quando sia mosso da un impulso sociale, diviene un assoluto dinanzi al quale individui e gruppi sono il relativo ed esprime una propria consapevolezza morale, ponendosi come Stato “etico”. Con la concezione dello Stato, che è un suo caposaldo la dottrina fascista giunge al vertice dei propri valori (“Venti anni” ,volume primo, Roma, 1941, a cura dell'ufficio stampa del P.N.F. pp. 7 – 32)

Dove in italiano si scopre che il termine caposaldo riferito ad idee e principi significa “punto stabile, fermo, fondamento su cui si fonda tutto un sistema”.

Dunque cortesemente basta! Basta col riportare sempre le solite fesserie di un tizio che non rappresenta nulla e nessuno, palesemente men che meno di niente che abbia mai avuto a che fare col fascismo; la cui ignoranza e malafede appaiono palesi quanto la sua volgarità e la sua incapacità a fare anche un semplice discorso di senso compiuto; i cui scritti e le cui calunnie a mio modo di vedere lo squalificano persino come uomo, prima che come sedicente capo politico del solito nulla di fatto. Basta, abbiamo di meglio da fare. Ti dico molto francamente che non credo che qualcuno dotato anche solo di buon senso possa dare il minimo credito ad un personaggio del genere, se il tuo cruccio è quello di andare a confutare le sue ridicole chiacchiere in casa sua per aprire eventualmente gli occhi a chi frequenta quel luogo virtuale. Per l’ultima volta se vuoi lasciamo il link alla discussione che hai avuto, nel caso in cui magari qualcuno dopo tutto quanto è stato già scritto e riscritto avesse ancora qualche residuo dubbio sulla natura dell’individuo in questione, ma il resto è solo una ripetizione inutile di quanto aveva già farneticato e dunque leviamolo. E non se ne parli più. E' lui ad avere il chiodo fisso di attaccarci. Per noi invece rappresenta uno dei tanti pseudofascisti radical-destrorsi ...il nulla appunto.

_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Ven Set 12, 2008 11:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Condivido pienamente ed indiscutibilmente le posizioni di Marco e la sua amarezza.

Nonostante sia ampiamente dimostrato quanto questo "signore" sia un tragico pagliaccio, il lugubre figuro di cui sopra non accenna ad un minimo di decenza umana, prima che politica.

Il suo "stile" è una "sintesi" perfetta di nullità, pochezza, razzismo, rozzezza e diffamazione. Il tutto è stato appiccicato ad un "fascio", in modo da ottenere il risultato voluto dalla "repubblica bananara".

A tratti è penoso. Sono evidenti le lacune, anche linguistiche. A tratti sembra per davvero non sappia leggere!

Condivido in pieno la richiesta di Marco di non dare altro spazio alle "posizioni" SEMPRE UGUALI del vampiro. Del resto sono state messe in "risalto" in questa stessa sezione, nel contesto del nostro scontro.

Abbiamo due concezioni antitetiche. O meglio, noi abbiamo una concezione politica Fascista. Lui NULLA.

Riprova è questa ulteriore discussione che ha prodotto i medesimi insulti, diffamazioni, nullità! Stavolta ai tuoi danni Antonio.

Impossibile ritenere che nella melma in cui il Dracula "de noantri" si pasce possa esistere uno solo cosciente di chi"egli" sia e rimanga "in buona fede"! Chi è in buona fede, non tanto per l'opinione politica, quanto per la DECENZA UMANA se ne allontana prontamente!

A coloro che hanno intenzione di vagliare la nostra Linea la possibilità non è negata. Ciò che si doveva evidenziare lo è stato in abbondanza.

Quindi nessuna pubblicità alla tana del pipistrello! Non se lo merita, sicuramente.

Per questo le sue "ripetizioni" insulse ed insultanti saranno tagliate da questo messaggio. Questo a danno suo e a tutela tua, Antonio.

Mi spiace che tu abbia dovuto sopportare le sciorinate dell'uomo lupo, avresti potuto evitarlo forte dell'esperienza già fatta.

Il nostro messaggio è aperto a tutti, tranne coloro che lo avversano! Tra noi c'è e ci sarà antitesti netta!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

"La mistica appunto precisa questi valori...nella loro attualità politica...e dimostra l'universalità di luogo e di tempo del Fascismo"(Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Sab Set 13, 2008 2:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Speravo di trovare nel mio interlocutore quel minimo di raziocinio e di razionalità che sono, o dovrebbero essere, una prerogativa dell'essere umano. Ciò che contraddistingue l'uomo dalle bestie è la razionalità, un'aggettivo che non si addice al cervello del Martorana.
Del resto anche Hegel ammoniva che <<tutto ciò che è reale è razionale e tutto ciò che è razionale è reale>>.
Sulla base di queste considerazioni ho provato ad instaurare un dialogo col neofascista. In realtà un dialogo non c'è mai stato.
Come ha fatto con voi, tutto ciò che scrivevo veniva ignorato, "non letto", "non capito". Non so se fingeva o era reale! Mi rifiuto di credere che questo signore non conosce realmente la lingua italiana.
Sarebbe un insulto alla mia intelligenza come essere umano! Perchè la base dell'uomo è il dialogo, negli animali non esiste.
Oltre a non leggere, quindi a non rispondere degnamente alle mie critiche, il Martorana è passato agli insulti!
Sono stato perennemente insultato in modo vergognoso da questo "signore" che millanta fondazione di movimenti, testate giornalistiche (rubate a Mussolini), scuole che dovrebbero insegnare fascismo! (ahimè).
Di fronte ai documenti vergati da Benito Mussolini, Giovanni Gentile, Giuseppe Bottai mi ha risposto:

"Non leggo né gli articoli di Bottai, né quello di Mussolini e tanto meno quelli d Gentile se questi sono copiati da te in quanto sono l'estrapolazione di un pensiero molto più ampio che viene completamente contraffatto nel momento in cui estrapoli solo una parte dando ad esso un significato che non è completo. Non ti atteggiare, pertanto, a professore e saccente del ****. Ed usa metodi meno infidi e più sintetici per dire ciò che pensi o ciò che ti hanno detto che devi pensare".

Ammettere che io avessi ragione su almeno uno dei tanti punti discussi, avrebbe fatto crollare tutto il suo castello di carte e quindi avrebbe sancito una perdita di credibilità come capo del suo movimento. Quindi meglio sviare sul personale ed insultare piuttosto che rispondere alle logiche e legittime obiezioni.

Ho reputato corretto informare i Cittadini fascisti del "dialogo" tra me e il Merdarana cosicchè tutti possono nuovamente vedere quanto ancora si squalifichi la PATTUMIERA "AREA"!

Che tutti possano leggere le idiozie scritte da Merdarana! A proposito, avete letto quelli che secondo il Merdarana sarebbero i motivi del fallimento del Corporativismo? Questa "perla" andrebbe incorniciata!
L'amico afferma che il Corporativismo è fallito a seguito del boicotaggio attuato dagli ebrei nei confronti del Sistema fascista Very Happy
Gli ebrei... il solito "capro espiatorio" dell'area!

Infine, volevo un consiglio da parte vostra. Pensavo di analizzare lo Statuto del NON e dimostrarne l'inconciliabilità col Fascismo. Ne vale la pena?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Sab Set 13, 2008 2:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Una operazione simile è già stata fatta qualche anno fa sul merdella.net...

Comunque, antonio, hai potuto constatare da solo che aggirarsi per l'area non serve a niente e che da quella parte può arrivare solo pattume, ed anche della peggiore qualità.
Se vuoi un mio consiglio lascia perdere quel posto, dove la maggior parte di persone è in malafede...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Sab Set 13, 2008 2:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Comunque, antonio, hai potuto constatare da solo che aggirarsi per l'area non serve a niente e che da quella parte può arrivare solo pattume, ed anche della peggiore qualità.
Se vuoi un mio consiglio lascia perdere quel posto, dove la maggior parte di persone è in malafede


Sai com'è Daniele, questa gente DEVE CAPIRE che non è Fascista e che non deve qualificarsi come tale!
Ogni volta che gente come Merdarana si presenta pubblicamente come "fascista" ne deriva un crollo proporzionale della nostra stessa credibilità politica. Quanti effetti ottiene in termini di antifascismo il comportamento e le idee politiche che portano avanti codesti individui?
Loro non devono avere più la libertà di definirsi e spacciarsi per ciò che non sono! Non avranno tregua!


Ultima modifica di AquilaLatina il Dom Set 14, 2008 2:45 am, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2600
Località: Palermo

MessaggioInviato: Sab Set 13, 2008 7:06 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Avanguardista ha scritto:


Sai com'è Daniele, questa genete DEVE CAPIRE che non è Fascista e che non deve qualificarsi come tale!
Ogni volta che gente come Merdarana si presenta pubblicamente come "fascista" ne deriva un crollo proporzionale della nostra stessa credibilità politica. Quanti effetti ottiene in termini di antifascismo il comportamento e le idee politiche che portano avanti codesti individui?
Loro non devono avere più la libertà di definirsi e spacciarsi per ciò che non sono! Non avranno tregua!


Caro Antonio, ricorda che il compito loro affidato non é di capire un bel niente, pseudo-italia ha affidato loro un altro fine ...
Noi sul Covo stiamo smontando a lume di dottrina fascista la loro pretesa di rappresentare la nostra ideologia che non gli é mai appartenuta, confutando le loro teorie senza senso e denunciando il loro essere strumento primo ed indispensabile della repubblica antifascista.
Non perdere tempo inutilmente ma sfruttalo al meglio, solo questo ti posso consigliare. C'é ancora tanto da fare...

_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Dom Set 14, 2008 2:44 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marcus ha scritto:
Avanguardista ha scritto:


Sai com'è Daniele, questa genete DEVE CAPIRE che non è Fascista e che non deve qualificarsi come tale!
Ogni volta che gente come Merdarana si presenta pubblicamente come "fascista" ne deriva un crollo proporzionale della nostra stessa credibilità politica. Quanti effetti ottiene in termini di antifascismo il comportamento e le idee politiche che portano avanti codesti individui?
Loro non devono avere più la libertà di definirsi e spacciarsi per ciò che non sono! Non avranno tregua!


Caro Antonio, ricorda che il compito loro affidato non é di capire un bel niente, pseudo-italia ha affidato loro un altro fine ...
Noi sul Covo stiamo smontando a lume di dottrina fascista la loro pretesa di rappresentare la nostra ideologia che non gli é mai appartenuta, confutando le loro teorie senza senso e denunciando il loro essere strumento primo ed indispensabile della repubblica antifascista.
Non perdere tempo inutilmente ma sfruttalo al meglio, solo questo ti posso consigliare. C'é ancora tanto da fare...


Sottoscrivo ciò che hai detto Marco, in effetti sprecare tempo ed energie preziose verso chi ha il dovere di non ascoltare (come i padroni han loro ordinato) è contro-producente.
Ma sai a volte da esseri umani è istintivo ragionare e cercare di far ragionare, essere preda di quegli impulsi che ti portano a parlare coi muri! Anzi peggio, i muri almeno ascoltano Very Happy

Ma io dico e ripeto: che costa a costoro gettare la maschera e smetterla una buona volta di struprare un'Idea? Mi dirai: è il Sistema che li usa, e in fondo vengono anche finanziati per questo... e io mi domando: e a cosa porteranno i loro ludi partitocratici? In oltre 60 anni abbiamo visto tutti i risultati! Nessun deputato in Parlamento, crescita dell'odio verso il Fascismo, che viene associato a queste persone prive di un reale spessore politico.

Mah...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Gio Ago 27, 2009 8:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Riportiamo in auge questa discussione, ogni tanto repetita iuvant.

Leggete, dallo statuto del NON:

CAPITOLO V

(FASI STORICHE EVOLUTIVE DELL’IDEOLOGIA)


Abbiamo visto i principali punti storici a cui il movimento si riferisce, (sia di appartenenza, sia di contestazione storica), e che identificano la nostra origine a quel fascismo che, nel tempo, ha subito diverse fasi evolutive in tutti i campi, da quello storico a quello politico e sociale.

L’evoluzione indicata si concretizza in tre fasi:

la prima fase è quella detta di “consolidamento dell’ideologia“ nel contesto del suo tempo, ovvero nel periodo in cui si è materializzato il primo fascismo seguito dalla fondazione del Partito Nazionale Fascista e l’ascesa al potere il tutto - è importante non dimenticarlo - con gli auspici e la benedizione del Re Vittorio Emanuele III e di Papa Pio XI).

La seconda fase evolutiva, (e non regressiva come si potrebbe facilmente credere), è quella che inizia con il tradimento del 25 Luglio 1943, continua con il vergognoso armistizio del 8 Settembre dello stesso anno per poi ristabilizzarsi con la fondazione della Repubblica Sociale Italiana.

Questa seconda fase segna una radicale trasformazione di quel fascismo inteso nella prima fase (con conseguente inutilità - nel dopoguerra - dell’applicazione della legge Scelba in quanto il P.N.F. e tutto ciò che esso rappresentava rimane relegato in un arco di tempo ormai passato ed abbandonato dallo stesso Mussolini). Nascono, in questo frangente, motivi politici, sociali e civili adatti ai tempi che non necessitano più degli inni all’impero romano, né del P.N.F. quale partito di aggregazione fascista. La REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA diventa la nuova Bandiera ed il nuovo Stato Fascista sotto il quale e per il quale si avranno oltre centomila morti ufficiali (molti altri verranno occultati e cancellati persino dalla memoria dei “democratici “ del dopoguerra) caduti in difesa della Nazione e dell’onore d’Italia.

La terza fase si instaura dopo oltre cinquant’anni dalla sconfitta militare (ma non ideologica). Il fascismo del P.N.F. e della R.S.I. rimangono vivi e presenti solo per cultura, storia e tradizione. Politicamente il fascismo del duemila è ben diverso dalla due fasi precedenti. Esso, già da tempo, non rincorre più il “posto al sole “ né cerca alleanze militari internazionali per schierarsi con questa o quella fazione. Il tempo delle guerre coloniali e di sopravvivenza è ormai passato. Il nuovo fascismo lascia volentieri, ora come allora, la paternità degli atti intimidatori, provocatori ed arroganti alle solite potenze “democratiche “quali Francia, Inghilterra e Stati Uniti, le quali, oggi come ieri, iniziano e finiscono guerre create a loro uso, consumo, piacimento ed interesse. Ancora una volta le “democratiche “ potenze colonialiste ( perché nel corso dei decenni esse sono rimaste tali, pur avendo sempre condannato le altre nazioni che, nel passato, imitavano la loro stessa politica espansionista), detengono il controllo ed il potere finanziario di quasi tutto l’Occidente.

Ma proprio perché, ancora oggi, tutto è rimasto uguale a ieri il nuovo fascismo ritorna ad essere quel movimento rivoluzionario anticapitalista, antimassone, antimondialista ed antigloblizzatore che, già a suo tempo, seppe imporsi come politica alternativa ed universale per il bene del proprio popolo ed a tutela dei propri confini, nonché dei propri usi e costumi.

Oggi quindi, nella terza fase esiste un nuovo fascismo che, benché affondi le proprie radici nella cultura e nella storia del Fascismo Mussoliniano, nulla rinnegando del passato, ha nuovi connotati politici e nuove mete da raggiungere adatte ai tempi ed ai problemi attuali.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Gio Ago 27, 2009 11:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Perchè non si leggono Gregor invece di sparare un mucchio di fesserie?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Il Littore



Età: 29
Registrato: 05/09/08 21:34
Messaggi: 452
Località: Italia del Littorio

MessaggioInviato: Ven Ago 28, 2009 7:20 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Perchè non accettano professori e eminenti conoscenti del Fascismo Dottrina, all'infuori di loro stessi e della loro demagogia pericolosa.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2600
Località: Palermo

MessaggioInviato: Sab Ago 29, 2009 9:26 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...un evidente caso di "delirium tremens" seguito ad una forte indigestione, infatti questi tizi il fascismo non riescono proprio a digerirlo Laughing
_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dvx87




Registrato: 04/04/06 07:04
Messaggi: 2336

MessaggioInviato: Sab Ago 29, 2009 12:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mi sembra anche a me che questi signore confondano il fascismo con una specie di partitello di estrema destra...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Edicola Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006