Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
LA RIVOLUZIONE ETICA NEL PENSIERO DI MUSSOLINI

 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Dottrina del Fascismo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
RomaInvictaAeterna
Site Admin
Site Admin


Età: 39
Registrato: 30/11/04 13:52
Messaggi: 3235
Località: Roma

MessaggioInviato: Mer Gen 18, 2006 1:31 pm    Oggetto:  LA RIVOLUZIONE ETICA NEL PENSIERO DI MUSSOLINI
Descrizione:
Rispondi citando

Sul Concetto di Rivoluzione

Si dice, da alcuni, che questa non è rivoluzione. Che per essere tale tutto dovrebbe rapidamente rimuovere e rinnovare. Che tutto quasi ha lasciato allo “status quo”. Che allora, non ne valeva la pena... Critiche di gente che sognava, nonostante il fresco ricordo di altri clamorosi fallimenti, la rivoluzione in pieno, la bella e scapigliata rivoluzione, barricadiera e irrompente.

[...] Il Fascismo è un fenomeno tutto nuovo non tanto nelle sue pratiche estrinsecazioni, poiché una novità assoluta non è politicamente pensabile, quanto nella mentalità che lo informa e nella passione che lo colora di sé. L'eterno, monotono, superato riferimento ai concetti di “destra” e “sinistra” è, ad esempio, del tutto insufficiente. Benito Mussolini, che rimane l'interprete più sicuro della coscienza fascista, si muove in un senso o nell'altro, seguendo ciò che gli detta dentro la sua intuizione genuina, e non artefatta, delle situazioni, e il coro scimunito dei critici commenta: “va a sinistra!”, oppure “va a destra!”, come se non si potesse attuare un proprio programma all'infuori delle categorie sacramentali.
Lo stesso dicasi della parola rivoluzione, dalla quale non è detto che il Fascismo debba, per forza, ripetere la prassi consacrata da altri esempi storici. Può, anzi, profittando dell'esperienza che da questi gli deriva, imprimere nell'attuazione pratica delle sua rivoluzione uno svolgimento esteriore di poco o di molto diverso, con rispetto, però, assoluto delle sue intime necessità.
Ed è questo, appunto, che ci preme rilevare, poco o nulla importandoci del rumore che sale dal gregge conservatore. Ci preme rilevare che Benito Mussolini non ha dimenticata la rivoluzione, non ha tradita la rivoluzione, ma la attua con audacia e prudenza insieme, facendone vivere, e ben vivere, ogni singola affermazione.
Dalla Russia ci viene un esempio d'una rivoluzione che cammina a ritroso. La rivoluzione russa sta subendo un processo di involuzione. Ha cominciato con una distruzione totale, e deve ricostruire, giorno per giorno, ciò che ha distrutto. All'affermazione integrale succede una graduale autonegazione. La rivoluzione-catapulta si trasforma in rivoluzione-gambero.
Il Fascismo, che ha, tra gli altri, il merito di sostanziare in sé esperienze del passato e di svilupparle secondo un piano logico, non poteva mettere la sua rivoluzione sul punto di subire il medesimo scacco. Così, mentre il suo svolgimento è stato misurato per tempi e inquadrato nei duri limiti delle circostanze, ha subito imbrigliata la sua rivoluzione per regolarne il passo.
L'anno che muore ci dà, con le grandi mobilitazioni e i vasti movimenti di masse che precedettero la Marcia su Roma, con la Marcia su Roma medesima, condotta con vigile senso di realtà, e, soprattutto, con i primi atti del Governo fascista, l'esempio più dimostrativo di ciò che la rivoluzione fascista è e vuol essere: un lento, ma implacabile moto che involge, interessa, permea tutto il vecchio organismo e ne scalza, con lavoro di precisione mirabile, tutti gli elementi invecchiati o superati dal ritmo della vita odierna; distruzione e ricostruzione che procedono di pari passo.

Lenta rivoluzione, ma sicura.

(Passa la Rivoluzione, in “Il Giornale di Roma”, 31 dicembre 1922).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Gio Nov 04, 2010 8:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Interessantissimo. Chi è l'autore dell'articolo?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 44
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2594
Località: Palermo

MessaggioInviato: Ven Nov 05, 2010 12:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...già chissà chi sarà stato, evidentemente qualcuno che in quel frangente comprendeva il senso delle parole di Mussolini quando scriveva che...
La rivoluzione non è il caos, non è il disordine, non è lo sfasciamento di ogni attività, di ogni vincolo della vita sociale, come opinano gli estremisti idioti di certi paesi; la rivoluzione ha un senso e una portata storica soltanto quando rappresenta un ordine superiore, un sistema politico, economico, morale di una sfera più elevata; altrimenti è la reazione, è la Vandea. La rivoluzione è una disciplina che si sostituisce a un’altra disciplina, è una gerarchia che prende il posto di un’altra gerarchia. ( Benito Mussolini, Opera Omnia , a cura di Edoardo e Duilio Susmel , Firenze, 1958, vol. IX, pg. 78 )...e quando il Duce accenna agli "estremisti idioti" mi vengono subito in mente gli areani destrorsi nostrani per i quali sembra sia stato pronunciato apposta questo discorso.

_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AquilaLatina




Registrato: 07/05/07 21:34
Messaggi: 1482
Località: Stato Nazionale Fascista

MessaggioInviato: Ven Nov 05, 2010 1:35 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L'autore è Giuseppe Bottai, mio costante punto di riferimento culturale Very Happy
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Valente




Registrato: 31/05/09 16:31
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Sab Nov 06, 2010 1:25 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

AquilaLatina ha scritto:
L'autore è Giuseppe Bottai, mio costante punto di riferimento culturale Very Happy


Sì, in effetti ci avevo pensato, visto lo stile. Grazie.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Dottrina del Fascismo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006