Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
la concezione della donna del fascismo.
Vai a pagina Precedente  1, 2
 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Approfondimenti e Studi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Safra




Registrato: 02/09/11 07:55
Messaggi: 570
Località: Venezia

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2011 6:27 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
"Il lavoro femminile crea nel contempo due danni: la "mascolinizzazione" della donna e l'aumento della disoccupazione maschile. La donna che lavora si avvia alla sterilità; perde la fiducia nell'uomo; [...] considera la maternità come un impedimento, un ostacolo, una catena; se sposa, difficilmente riesce ad andare d'accordo col marito; [...] concorre alla corruzione dei costumi; in sintesi, inquina la vita della stirpe."
(Ferdinando Loffredo, Politica della famiglia, 1938)



Concordo in pieno, e sinceramente non so' cosa ci sia da spiegare. Basta guardarsi attorno per capire quanto sia stato profeico nelle sue parole.

Il femminismo e' stata la disgrazia piu' grande per la donna, ci ha ridotti a pura merce, a puro corpo senza spirito. La donna sta' rovinando la societa', non ha piu' il senso della famiglia, e del proprio valore all'interno della casa.
Crescere la societa' del domani oltre ad essere un'immenso impegno dovrebbe anche essere un'onore. Insegnare ai propri figli il valore della vita, della fede, della patria, insegnar loro a vivere e' di quanto piu' bello e gratificante ci possa essere.

La donna e' l'asse portante della casa, la struttura. Senza la donna non ci puo' essere una societa'. Lavorare in casa, amare e sostenere il marito, curarsi dei figli, e' basilare per portare avanti un mondo ricco di principi e valori.

Oggi la donna non e' niente di tutto questo, la parita' ci ha schiavizzato. Siamo diventate prede del consumismo, dell'apparire. Non siamo piu' capaci di insegnare valori ai nostri figli. In nome della modernita' abbiamo raso al suolo il concetto di famiglia. Non si fanno piu' bambini pur di mantere stili di vita elevati. Il benessere fisico ed economico ha preso il posto di quello morale. Stiamo svendendo la nostra femminilita' incapaci di capire che la bellezza di una donna non e' soltanto nel suo corpo ma nell'anima.

Una donna, una madre, una moglie porta con se' il benessere della collettivita'. Se non e' potere questo....

_________________

"Ho tolto la libertà. Si, ho tolto quel veleno che i popoli poveri ingoiano stupidamente con entusiasmo. Ho fatto versare il sangue del mio popolo. Sì, ogni conquista ha il suo prezzo." Mussolini si confessa alle stelle.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Marcus
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN


Età: 43
Registrato: 02/04/06 11:27
Messaggi: 2589
Località: Palermo

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2011 4:35 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

...dici bene Safra, il modello della Donna Fascista aveva potenzialmente risolto la contraddizione tipica del ruolo femminile nella società moderna, che per il Fascismo è CITTADINA dello STATO FASCISTA a tutti gli effetti. Dunque essa nello STATO ETICO CORPORATIVO partecipa alla vita politica attivamente, studia fa sport e lavora, ma in più ha il supremo onore e l'onere di avere dei figli ed una famiglia da accudire, un ruolo che LO STATO FASCISTA ESALTA, TUTELA E PROTEGGE CON TUTTI I MEZZI! pena la scomparsa dello stesso STATO come ente collettivo che incarna il bene supremo di tutto il Popolo...cioé quanto sta avvenendo oggi!
_________________
" Forse che non conoscendo a fondo il pensiero del Duce si può affermare di essere fascisti? Noi diciamo di no! Che il fascismo non è istinto ma educazione e perciò è conoscenza della sua mistica,che è conoscenza di Mussolini" (N. Giani)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Approfondimenti e Studi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006