Indice del forum

Associazione Culturale Apartitica-"IlCovo"
Studio Del Fascismo Mussoliniano
Menu
Indice del forumHome
FAQFAQ
Lista degli utentiLista degli utenti
Gruppi utentiGruppi utenti
CalendarioCalendario
RegistratiRegistrati
Pannello UtentePannello Utente
LoginLogin

Quick Search

Advanced Search

Links
Biblioteca Fascista del Covo
Canale YouTube del Covo
IlCovo su Twitter

Who's Online
[ Amministratore ]
[ Moderatore ]

Utenti registrati: Nessuno

Google Search
Google

http://www.phpbb.com http://www.phpbb.com
Roma-Tokio: 25000 Km andata e ritorno su territorio nemico

 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Storia del Ventennio e...
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
tribvnvs
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN
Cittadino Fascista-Gruppo ADMIN



Registrato: 04/04/06 23:22
Messaggi: 2097

MessaggioInviato: Mar Apr 13, 2010 3:25 pm    Oggetto:  Roma-Tokio: 25000 Km andata e ritorno su territorio nemico
Descrizione:
Rispondi citando

L'impresa del SM 75 della Regia. Nè tedeschi nè giapponesi riuscirono a fare altrettanto...

Con l’entrata in guerra del Giappone (7 dicembre 1941) diviene concreta
l’esigenza di collegamenti con l’altro capo del mondo, letteralmente. Già il
29 gennaio 1942 il Comandante Coop, per conto del Nucleo comunicazioni delle Linee aeree transcontinentali italiane (Lati), consegna
una relazione in merito alla possibilità di questo collegamento da
effettuarsi su tre eventuali rotte (una settentrionale e due meridionali) non
appena saranno approntati i Fiat G12 Ga (grande autonomia).
Provvisoriamente si conta di effettuare un primo collegamento sperimentale impiegando un SM.75Ga, in corso di approntamento presso
la Savoia Marchetti. Mussolini si dimostra entusiasta del progetto che è
anche appoggiato dallo Stato maggiore della Regia aeronautica.
Le autorità giapponesi sono portate a conoscenza del progetto attraverso la nostra ambasciata a Tokio e tramite l’addetto militare nipponico a Roma, colonnello Moriakira Shimizu.
I giapponesi si dichiarano interessati alla realizzazione del volo e della linea successiva, per motivi politici, e per avere un continuo canale di scambio di informazioni tecniche e militari con gli alleati europei.
Considerando inoltre che dal gennaio del 1942 a Roma si sospettava che i britannici fossero riusciti a forzare i codici di trasmissione fra Italia e Giappone, era necessario fornire a Tokyo i nuovi codici con cui comunicare in sicurezza. Il volo del SM 75 avrebbe fatto al caso e sarebbe stato preferibile all'alterntiva, decisamente più lenta e dispendiosa, dell'invio di un sommergibile.
Progettato anche dai tedeschi, il collegamento con l’estremo Oriente è sospeso per l’opposizione del maresciallo Goering che sostiene di non poter distogliere un solo aereo dallo sforzo bellico prima della vittoria sulla Russia.
La missione italiana dovrebbe svolgersi lungo la “più corta” rotta
settentrionale (10mila km. di volo, di cui 6.200 senza scalo su territori
nemici e con non prevedibili condizioni atmosferiche).
Per il volo, Magini mette a punto un calcolo per il volo astronomico basato
su un apposito goniometro mobile e su una mappa della volta celeste
istallata sulla parete della cabina di pilotaggio, alle spalle del marconista.
La preparazione della missione viene però interrotta da una missione
speciale: il 9 maggio 1942, annuale della proclamazione dell’impero, il
velivolo effettua un lancio di volantini tricolori con la scritta
«Ritorneremo» su l’Asmara. Alle ore 21,30 del 9 maggio l’SM.75G atterra
all’aeroporto di Ciampino, concludendo un volo senza scalo di eccezionale
regolarità della durata di 28 ore. Due giorni dopo il velivolo verrà distrutto
in un atterraggio di fortuna vicino a Frattocchie, e Magini, ferito
nell’incidente, volerà con una gamba ingessata fino all’anca.
La preparazione del volo nipponico riprende con l’equipaggio formato dal
tenente colonnello Antonio Moscatelli, dai capitani pilota Mario Curto e
Publio Magini, dal sottotenente radio-aereologista Ernesto Mazzotti e
dal maresciallo motorista Ernesto Leone.
Il 12 giugno, il volo di rodaggio sulla linea Roma - Siviglia - Lisbona.
Il giorno precedente il colonnello Shimizu ha intanto posto le prime
difficoltà al generale Giuseppe Casero, Capo di gabinetto del
sottosegretario all’Aeronautica, chiedendo che sul velivolo non sia portato
assolutamente alcun elemento che lo riconduca al Giappone, questo perché una discesa forzata dell’aereo su territorio sovietico non possa guastare le relazioni tra Giappone e Urss legate da un patto di neutralità firmato il 13 aprile 1941 e che durerà fino all’8 agosto 1945. Per tutto giugno continua la preparazione del volo, con particolare riguardo ai problemi dell’assistenza radio, delle previsioni meteorologiche, dei rilevamenti radio-goniometrici. Molto delicata è la scelta e l’impiego dei cifrari per le comunicazioni tra il velivolo e la rete di assistenza a terra a causa del lungo sorvolo di territori nemici. Per le comunicazioni a carattere meteorologico si adotta un nuovo cifrario Gala basato sul Dizionario italiano-inglese edito nel 1934 dalla Bietti. Per la difesa individuale sono presenti a bordo dell’aereo due fucili mitragliatori Beretta mod.38/A con mille colpi ciascuno, ottenuti in prestito dalla Polizia Africa italiana (Pai).
Intanto a Saporoshje (oggi Zaporižžja, in Ucraina), il Comando
aereonautica del Corpo di spedizione italiano in Russia (Csir) concentra
oltre 12mila litri di carburante per il rifornimento del velivolo. A fronte
delle sollecitazioni italiane di una successiva pubblicizzazione del
collegamento, i giapponesi continuano a rispondere chiedendo la massima
segretezza del volo e l’assenza a bordo dell’aereo di elementi che rivelino
la sua destinazione.
Il 27 giugno, il ministro degli Esteri Galeazzo Ciano comunica con rammarico al ministero dell’Aeronautica che salta l’ipotesi di trasportare Chandra Bose, già sindaco di Calcutta, imprigionato dagli inglesi 11
volte, quindi presidente del Congresso indiano e massimo esponente del nazionalismo indiano antinglese. Nuovamente arrestato e poi fuggito in Germania nel 1941, dalle stazioni radio tedesche Bose aveva incitato gli indiani alla rivolta armata contro gl’inglesi; più volte Bose aveva espresso il desidero di giungere in Giappone e da lì trasferirsi in Birmania per dirigere personalmente l’azione insurrezionale anti-inglese: ma per motivi politici i giapponesi non avvallano il suo imbarco sull’SM.75 RT.
Il 28 giugno, l’addetto aereonautico Italiano a Tokio, magg. Riccardo Federici comunica che i giapponesi hanno rilevato forti disturbi e false trasmissioni effettuate dai russi sulle onde radio normalmente utilizzate tra Tokio e Roma.
Questo fa temere che il programma e la data del volo siano trapelati, in Italia o in Giappone, oppure a Pechino e Shangai ove sono state predisposte misure di assistenza.
Finalmente alle ore 5,26 del 29 giugno 1942, l’equipaggio di Moscatelli
decolla da Guidonia. Alle ore 14,10 dopo 2.030 km. di volo, l’SM75 RT
atterra felicemente a Saporoshje.
Alle ore 20,06 del 30 giugno 1942 l’SM75 RT, stacca il carrello dalla pista
dell’aeroporto di Saporoshje, il volo sull’Urss è iniziato.
L’aereo non porta con sè materiali, documentazione a carattere militare o
tecnico, nemmeno un documento ufficiale scritto in quanto l’equipaggio
troverà a Tokio, mandato via radio, il messaggio personale di Ciano da
leggere al Primo ministro e ministro della Guerra Hideki Tojo.
Il sorvolo delle linee russe si rivela pericoloso in quanto l’apparecchio
viene fatto oggetto di intenso e impreciso fuoco antiaereo; nei pressi di
Voroscilovgrad (oggi Luhans'k, sempre in Ucraina) incrocia un aereo
nemico; è cercato dai riflettori fin oltre il Volga. L’equipaggio, in silenzio
radio per le prime dieci ore di volo, riporta la sensazione che il nemico sia
al corrente dell’orario di partenza e della rotta dell’SM75 RT. Per oltre
mille km. oltre Stalino (oggi Donec'k, in Ucraina) vengono sorvolate città
e nuclei industriali illuminati e facilmente bombardabili.
L’SM75 RT procede comunque nel suo volo: la rotta continua regolare
sulla costa nord del Mar Caspio, passando per il lago d’Aral, il lago
Balkash, i monti Tarbagatai, il deserto del Gobi. Le condizioni
meteorologiche sono tranquille per buona parte del volo e solo sul Gobi si
incontra atmosfera molto agitata con tempeste di sabbia fino a 3mila metri
di quota. La cartografia utilizzata per il volo rivela varie inesattezze. Il
volo continua con regolarità e l’aereo si comporta ottimamente anche con
tempo cattivo. Alle ore 17,20 del 1° luglio (6mila km. percorsi in 21 ore e
14’) l’SM75 RT atterra felicemente a Pao-tow-chen (oggi Baotou, in
Mongolia) ove un generale dell’aviazione nipponica dà il benvenuto
insieme a due ufficiali italiani (il tenente di vascello Roberto De
Leonardis ed il capitano Enrico Rossi) dal 17 giugno trasferiti da Tokio
in questa località per coordinare l’assistenza da parte nipponica. Con
partenza verso le ore 7 del 3 luglio sono percorsi gli ultimi 2.700 km.
lungo la rotta Pechino - Dairen - Seul - Yonago - Tokyo. La capitale
nipponica è raggiunta alle ore 17,04. L’aereo, che nell’ultimo scalo ha
adottato per esigenze di riconoscimento le insegne dell’aviazione
nipponica, trasporta anche un capitano pilota giapponese ed il capitano
Rossi in funzione d’interprete. All’atterraggio a Tokyo sono presenti
l’ambasciatore Indelli, i nostri addetti militari, numerosi ufficiali
giapponesi.
Dopo pochi giorni, alle ore 5,20 del 16 luglio 1942, l’SM.75 RT decolla da
Tokyo per il ritorno attraverso la rotta inversa. Alle ore 11 del 20 luglio
giunge a Guidonia, dove Mussolini è ad attendere la conclusione del volo.
Moscatelli e Magini avanzano di grado per meriti di guerra, Curto ottiene
la medaglia d’argento al Valor militare sul campo, Mazzotti la medaglia di
bronzo, Leone la promozione a sottotenente motorista per meriti di guerra.
Dopo il volo l’equipaggio formula alcune raccomandazioni tecniche quali
la possibilità di navigare a quote di 6mila metri, cabina riscaldata al posto
delle tute individuali che non hanno dato buona prova, un dispositivo
antighiaccio per i bordi d’attacco dell’ala e dei piani di coda, un ulteriore
potenziamento delle istallazioni per il calcolo astronomico ecc.
Per i carichi trasportabili, si suggerisce di prelevare in Giappone
importanti materiali strategici per la nostra industria aeronautica.
Ma prima di pensare ad un secondo collegamento, data prevista agosto 1942, rimane aperta la questione della propaganda al volo che i giapponesi continuano a negare per paur di complicazioni diplomatiche e che gli italiani vogliono invece fare per impressionare l’opinione pubblica interna ed internazionale.
Finalmente un n giornale romano il 25 luglio 1942 annuncia il lungo volo Roma - Tokio, condotto al disopra di «territori occupati dagli inglesi».
Il 26 luglio, Ciano comunica alle autorità giapponesi che la notizia è stata pubblicata in quanto, avuto sentore della sua comparsa sulla stampa svizzera, non si poteva ammettere che questa fosse la prima ad annunciarla all’opinione pubblica anticipando la stampa italiana, ma per salvagurdare gli interessi diplomatici nipponici si parla di "territorio occupato dai britannici".

Scheda del volo
• Guidonia – 29 giugno 1942 5.30 - Zaporoskje (Ucraina) stessa data
ore 14.20
• Zaporoskje – 30 giugno 1942 18.00 Gmt - Pao Tow Chen
(Mongolia) 1 luglio 15.30 Gmt. A Pao Tow Chen l'aereo fu ridipinto
con le insegne giapponesi per esigenze di riconoscimento e per
evitare che eventuali spie sovietiche scoprissero il raid.
• Pao Tow Chen 3 luglio 10.35 Gmt - Tokyo (Giappone) stessa data
ore 20.00 Gmt. Le autorità giapponesi evitarono di dare pubblicità al
volo e, dopo pochi giorni, richiesero all'equipaggio di tornare in Italia
• Tokyo 16 luglio alle prime luci dell'alba (12.20 Gmt) - Pao Tow
Chen 147 luglio 00.40 Gmt.
• Pao Tow Chen 18 luglio 21.45 Gmt (l'S.M.75 aveva ripreso le
insegne di nazionalità italiane) - Odessa (Romania) 20 luglio 02.10
Gmt
• Odessa 20 luglio 11.00 Gmt - Guidonia (Roma) stessa data ore 17.50
Gmt.

Publio Magini, L’uomo che volò a Tokio, Mursia
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Il Littore



Età: 28
Registrato: 05/09/08 21:34
Messaggi: 452
Località: Italia del Littorio

MessaggioInviato: Mar Apr 13, 2010 8:40 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bellissimo avvenimento, del quale non ne sapevo nulla.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Storia del Ventennio e... Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





Associazione Culturale Apartitica- 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2006